INderma

In evidenza: Primo Incontro AITEB - Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

I farmaci antinfiammatori non steroidei ed il cancro cutaneo

aspirinaI farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) possono prevenire lo sviluppo di cancro inibendo l'enzima cicloossigenasi (COX), che sono coinvolti nella cancerogenesi.

 

Pertanto, gli autori di questa relazione hanno esaminato l'associazione tra uso di FANS e il rischio di carcinoma a cellule squamose (SCC), carcinoma delle cellule basali (BCC), e il melanoma maligno (MM).

Metodologia:

Dal 1991 fino al 2009 sono stati identificati tutti i casi di SCC (n = 1974), BCC (n = 13,316), e MM (n = 3242) del Nord della Danimarca . La popolazione di controllo era circa 10 volte quella esaminata per cancro, e i dati sono stati controllati per età, genere e paese di residenza. L'utilizzo di aspirina ed altri FANS non selettivi o inibitori selettivi delle COX-2 sono state valutate attraverso il database delle prescrizioni.

Per i FANS in generale, l'utilizzo (oltre 2 prescrizioni) rispetto al non utilizzo (≤ 2 prescrizioni) è stato associato ad un ridotto rischio di SCC (IRR, 0.85, 95% intervallo di confidenza [CI],,76-0,94) e MM (IRR, 0.87 , 95% CI, 0,80-0,95), soprattutto per uso a lungo termine (≥ 7 anni) e ad alta intensità di utilizzo (> 25% la copertura di prescrizione nel corso della durata totale di utilizzo).

dermoscopiaL 'utilizzo di FANS non è risultato associato ad un ridotto rischio di BCC complessiva (IRR, 0.97, 95% CI, 0,93-1,01), ma il rischio di BCC in siti diversi della testa e dal collo è stata ridotta in associazione con l'uso prolungato (IRR , 0,85, 95% CI, 0,76-0,95) e ad alta intensità di utilizzo (IRR, 0.79, 95% CI, 0,69-0,91). Tutte le stime di riduzione del rischio sono state guidate principalmente mediante l'uso dei FANS non selettivi e dei più vecchi della COX-2 inibitori (diclofenac, etodolac e meloxicam).

I risultati indicano dunque che l'utilizzo di FANS può ridurre il rischio di carcinoma a cellule squamose e melanoma maligno cutaneo.

 

Storia della pubblicazione

Fonte: Cancer. 2012 May 29. doi: 10.1002/cncr.27406.

Titolo: Nonsteroidal anti-inflammatory drugs and the risk of skin cancer: A population-based case-control study.

Autori: Johannesdottir SA, Chang ET, Mehnert F, Schmidt M, Olesen AB, Sørensen HT.

Affiliazioni: Department of Clinical Epidemiology, Aarhus University Hospital, Aarhus

Abstract: BACKGROUND:Nonsteroidal anti-inflammatory drugs (NSAIDs) may prevent the development of cancer by inhibiting cyclooxygenase (COX) enzymes, which are involved in carcinogenesis.

METHODS: From 1991 through 2009, all incident cases of SCC (n = 1974), BCC (n = 13,316), and MM (n = 3242) in northern Denmark were identified. Approximately 10 population controls (n = 178,655) were matched to each case by age, gender, and county of residence. The use of aspirin, other nonselective NSAIDs, or selective COX-2 inhibitors was ascertained through a prescription database. Conditional logistic regression analyses adjusted for potential confounders were used to compute odds ratios as estimates of incidence rate ratios (IRRs).

RESULTS: For NSAIDs overall, ever use (>2 prescriptions) compared with nonuse (≤2 prescriptions) was associated with a decreased risk of SCC (IRR, 0.85; 95% confidence interval [CI], 0.76-0.94) and MM (IRR, 0.87; 95% CI, 0.80-0.95), especially for long-term use (≥7 years) and high-intensity use (>25% prescription coverage during the total duration of use). NSAID use was not associated with a reduced risk of BCC overall (IRR, 0.97; 95% CI, 0.93-1.01), but the risk of BCC at sites other than the head and neck was reduced in association with long-term use (IRR, 0.85; 95% CI, 0.76-0.95) and high-intensity use (IRR, 0.79; 95% CI, 0.69-0.91). All estimates of reduced risk were driven primarily by the use of nonselective NSAIDs and older COX-2 inhibitors (diclofenac, etodolac, and meloxicam).

CONCLUSIONS: The current results indicated that NSAID use may decrease the risk of SCC and MM.

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Table Normal"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin-top:0cm; mso-para-margin-right:0cm; mso-para-margin-bottom:10.0pt; mso-para-margin-left:0cm; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan; text-autospace:ideograph-other; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri","sans-serif"; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-fareast-language:EN-US;}

Department of Clinical Epidemiology, Aarhus University Hospital, Aarhus

Vidix

Sei un medico?

Entra a far parte della prima community di Dermatologi e Medici Estetici.

 Iscriviti

È semplice e gratuito