INderma

In evidenza: Primo Incontro AITEB - Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Nuovo trial per la terapia della prurigo nodularis

prurigo nodularis

L'antagonista del recettore della neurochinina 1 (NK1) serlopitant si è dimostrato più efficace del placebo nella terapia della prurigo nodularis e, secondo i risultati di un trial di fase 2, è ben tollerato dai pazienti.

"Questa popolazione di pazienti è disperata per via dell'assenza di un trattamento approvato per la loro condizione", ha spiegato la Dr.ssa Sonja Ständer, dell'Università di Munster in Germania, "I pazienti con prurigo nodularis soffrono per via del prurito costante, nonché per le conseguenze estetiche di questa malattia. Questi sono i primi risultati a offrire loro una qualche speranza di trattamento".

La prurigo nodularis può manifestarsi a ogni età, ma generalmente si presenta in soggetti di mezza età o anziani. "Le cause di questo disturbo sono molteplici, dalle insufficienze renali croniche alla dermatite atopica, ma spesso trattare queste ultime non è sufficiente a far sparire la sintomatologia della prurigo nodularis", ha detto la Dr.ssa Ständer durante il Congresso Annuale della American Academy of Dermatology.

Il recettore NK1 è largamente espresso nel sistema nervoso centrale così come nella pelle ed è implicato nel processo di trasmissione dei segnali del prurito.

Il trial randomizzato, in doppio cieco e controllato contro placebo ha coinvolto 127 adulti (età media 57,6 anni) affetti da forme gravi di prurigo nodularis da almeno 6 settimane. Lo studio è stato condotto in 15 diversi centri clinici tedeschi.

I pazienti sono stati randomizzati e assegnati al gruppo placebo o al gruppo in terapia per otto settimane con 5mg di serlopitant orale. I due gruppi sono stati abbinati per età, sesso, predisposizione alla dermatite atopica e intensità del prurito.

Dopo 8 settimane, la riduzione media del prurito rispetto al basale, valutata secondo una scala analogica, è stata notevolmente maggiore nel gruppo serlopitant rispetto al gruppo placebo (3,6 cm vs 1,9 cm, P =0,0005). La riduzione dell'intensità del prurito è stata notata già dopo 2 settimane. Serlopitant si è dimostrato superiore al placebo anche per alcuni endpoint secondari, sottolineano i ricercatori, e i pazienti con una predisposizione nei confronti della dermatite atopica hanno risposto meglio degli altri.

Il prossimo passo è un trial di fase 3, secondo la Dr.ssa Ständer: "Il primo trial è stato breve e tuttavia abbiamo già notato una riduzione nell'intensità del prurito. Il prossimo passo è quello di monitorare la guarigione delle lesioni".

Gli effetti avversi legati alla terapia sono stati da lievi a moderati e non sono emersi aspetti negativi riguardo al profilo di sicurezza.

Riferimenti:

Congresso annuale della American Academy of Dermatology (AAD), Abstract F056-5198. Presentato il 4 marzo 2017.

Vidix

Sei un medico?

Entra a far parte della prima community di Dermatologi e Medici Estetici.

 Iscriviti

È semplice e gratuito