INderma

In evidenza: Primo Incontro AITEB - Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Mogamulizumab: una nuova opzione per il linfoma cutaneo

clinical trial

Un nuovo agente oggetto di ricerca, il mogamulizumab, si è dimostrato promettente per il trattamento dei linfomi cutanei a cellule T (CTLC) in uno studio clinico di fase 3.

I risultati dello studio, denominato MAVORIC, sono stati già sottoposti all'agenzia americana per il farmaco FDA per l'approvazione e sono stati presentati nel corso del congresso annuale 2017 della American Society of Hematology.

Mogamulizumab è un anticorpo monoclonale umanizzato diretto al recettore 4 delle chemochine CC, che è frequentemente espresso nelle cellule leucemiche di alcune neoplasie ematologiche, incluso il linfoma cutaneo a cellule T. In Giappone, il farmaco è già approvato per il trattamento di una'altra malattia rara: la leucemia a cellule T dell'adulto.

Nello studio, mogamulizumab ha raggiunto una sopravvivenza media libera da progressione di 7,7 mesi contro i 3,1 mesi raggiunti con la terapia a base di vorinostat, farmaco approvato da FDA per il linfoma cutaneo a cellule T.

"Questo è il primo studio randomizzato di fase 3 a valutare la sopravvivenza libera da progressione come obiettivo primario per confrontare una nuova terapia sistemica con l'agente approvato da FDA", ha sottolineato l'autore principale Dr. Youn H. Kim, professore di dermatologia e direttore del Multidisciplinary Cutaneous Lymphoma Program presso la Stanford University School of Medicine. "Mogamulizumab si è dimostrato significativamente superiore rispetto a vorinostat nei pazienti con linfoma cutaneo a cellule T già sottoposti a terapia".

Secondo il Dr. Kim, "i risultati dello studio supportano il ruolo di mogamulizumab come efficace opzione terapeutica per i pazienti con linfoma cutaneo a cellule T".

 

Riferimenti:

Youn H. Kim, Martine Bagot, Lauren Pinter-Brown, Alain H. Rook, Pierluigi Porcu,Steven M. Horwitz, Sean Whittaker, Yoshiki Tokura, et al - 817 Anti-CCR4 Monoclonal Antibody, Mogamulizumab, Demonstrates Significant Improvement in PFS Compared to Vorinostat in Patients with Previously Treated Cutaneous T-Cell Lymphoma (CTCL): Results from the Phase III MAVORIC Study, ASH 59th Annual Meeting and Exposition, 9-12 dicembre 2017.

Vidix

Sei un medico?

Entra a far parte della prima community di Dermatologi e Medici Estetici.

 Iscriviti

È semplice e gratuito