INderma

In evidenza: Primo Incontro AITEB - Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

La nicotinamide riduce l'immunosoppressione indotta dalla terapia fotodinamica negli uomini.

nicotinamideGli effetti immuno soppressivi della terapia fotodinamica topica (PDT) sono i potenziali contribuenti del fallimento del trattamento dopo la PDT nel cancro della pelle non melanoma. La nicotinamide (vitamina B3) impedisce l'immunosoppressione da parte delle radiazioni ultraviolette, ma i suoi effetti sull'immunosoppressione PDT-indotta sono sconosciuti.

Obiettivi: Il nostro obiettivo è stato quello di determinare gli effetti della nicotinamide topica e orale sulla immunosoppressione PDT-indotta negli esseri umani.

Metodi: Venti volontari sani positivi alla Mantoux hanno ricevuto una lozione di nicotinammide 5% o veicolato su entrambi i lati della schiena, giornalmente per 3 giorni. Un altro gruppo di 30 volontari ha ricevuto 500mg di nicotinamide per via orale o un placebo due volte al giorno per una settimana in uno studio randomizzato, incrociato, in doppio cieco. In ciascuno studio è stata applicata una crema con metil aminolaevulinato in aree distinte sulla schiena, a cui è stata fatta seguire un'irradiazione di luce rossa a banda stretta (37J/cm2) rilasciata a tassi di irraggiamento alti (75mW/cm2) o bassi (15mW/cm2). Accanto, i siti non irradiati sono serviti da controllo. Sono state valutate le reazioni di ipersensibilità (Mantoux) di tipo ritardato nei siti di trattamento e di controllo per determinare l'immunosoppressione.

Risultati: PDT ad alto tasso di irraggiamento con veicolo o con placebo ha causato un'immunosoppressione significativa (pari al 48% e 50% di immunosoppressione rispettivamente; per entrambe p <0.0001); la nicotinamide topica ed orale ha ridotto questa immunosoppressione del 59% e del 66% rispettivamente (per entrambe p<0.0001). PDT a basso tasso di irraggiamento non è stata significativamente immunosoppressiva nello studio topico sulla nicotinamide (15% di immunosoppressione, NS), ma ha causato il 22% di immunosoppressione nello studio orale (braccio placebo; p= 0.006); la nicotinamide ha ridotto questa immunosoppressione del 69% (p= 0.045 ).

Conclusioni: Mentre la rilevanza clinica di questi risultati è attualmente sconosciuta, la nicotinamide potrebbe fornire un mezzo poco costoso per prevenire la soppressione immunitaria PDT-indotta e migliorare i tassi di guarigione della PDT.

Fonte:

Titolo: Nicotinamide Reduces Photodynamic Therapy-Induced Immunosuppression In Humans

Rivista: British Journal of Dermatology. doi: 10.1111/j.1365-2133.2012.11109.x

Autori: S.M. Thanos, G.M. Halliday, D.L. Damian

Affiliazioni: Discipline of Dermatology, Bosch Institute, The University of Sydney at Sydney Cancer Centre, Royal Prince Alfred Hospital, Camperdown, New South Wales, Australia.

Abstract: 

 Background:  The immune suppressive effects of topical photodynamic therapy (PDT) are potential contributors to treatment failure after PDT for nonmelanoma skin cancer. Nicotinamide (vitamin B3) prevents immune suppression by ultraviolet radiation, but its effects on PDT-induced immunosuppression are unknown.

Objectives:  We aimed to determine the effects of topical and oral nicotinamide on PDT-induced immunosuppression in humans.

Methods:  Twenty healthy Mantoux-positive volunteers received 5% nicotinamide lotion or vehicle to either side of the back daily for 3 days. Another group of 30 volunteers received 500mg oral nicotinamide or placebo twice daily for 1 week in a randomised, double-blinded, cross-over design. In each study, methyl aminolaevulinate cream was applied to discrete areas on the back, followed by narrowband red light irradiation (37J/cm2) delivered at high (75mW/cm2) or low (15mW/cm2) irradiance rates. Adjacent, unirradiated sites served as controls. Delayed type hypersensitivity (Mantoux) reactions were assessed at treatment and control sites to determine immunosuppression.

Results:  High irradiance rate PDT with vehicle or with placebo caused significant immunosuppression (equivalent to 48% and 50% immunosuppression respectively; both p<0.0001); topical and oral nicotinamide reduced this immunosuppression by 59 and 66% respectively (both p<0.0001). Low irradiance rate PDT was not significantly immunosuppressive in the topical nicotinamide study (15% immunosuppression, NS), but caused 22% immunosuppression in the oral study (placebo arm; p=0.006); nicotinamide reduced this immunosuppression by 69% (p=0.045).

Conclusions:  While the clinical relevance of these findings is currently unknown, nicotinamide may provide an inexpensive means of preventing PDT-induced immune suppression and enhancing PDT cure rates.

Vidix

Sei un medico?

Entra a far parte della prima community di Dermatologi e Medici Estetici.

 Iscriviti

È semplice e gratuito