INderma

In evidenza: Primo Incontro AITEB - Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Vitiligine indotta da difenciprone: un caso clinico

vitiligineIl difenciprone (DCP) è un sensibilizzatore da contatto che viene utilizzato per trattare disturbi dermatologici con un'origine immunologica, come l'alopecia areata (AA) estesa. La vitiligine è un effetto collaterale raro ma noto della terapia DPCP che si forma nel sito di trattamento o nelle aree remote.

In questo lavoro sono riportati i casi di un uomo di 37 anni che ha sviluppato alopecia totale con perdita di ciglia e sopracciglia il quale ha presentato alcune chiazze di vitiligine sul cuoio capelluto e sul braccio in un punto distante dal luogo di applicazione del DPCP e di una donna di 42 anni con 25 anni di storia di perdita dei capelli e 3 mesi di applicazione di DPCP che ha rivelato alcune chiazze di vitiligine sul cuoio capelluto distanti dal sito di applicazione alla sesta settimana.

Considerando l'assenza di storia personale e familiare della Vitiligine nei nostri due casi, l'ipotesi di vitiligine latente non è dimostrata. Il test positivo per le chiazze nel braccio sinistro di uno dei pazienti suggerisce anche il ruolo diretto del DPCP come causa del verificarsi della Vitiligine.

Mentre lo sviluppo della vitiligine da DCP è imprevedibile e la depigmentazione può persistere a tempo indeterminato, è importante informare tutti i pazienti su questo potenziale effetto negativo prima di iniziare il trattamento.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Diphencyprone Induced Vitiligo: A Case Report.

Rivista: Case Report Med. 2012;2012:356236. Epub 2012 Jul 1.

Autori: Nilforoushzadeh MA, Keshtmand G, Jaffary F, Kheirkhah A.

Affiliazioni: Skin and Stem cell Research Center, Tehran University of Medical Sciences, Tehran 19377957511, Iran.

Abstract:

Diphencyprone (DCP) is a contact sensitizer which is used to treat dermatological disorders with an immunological origin, such as extensive alopecia areata (AA). Vitiligo is a rare but known side effect of DPCP therapy which is formed in the treatment site or remote areas. In this paper a 37-year-old man developed alopecia totalis with loss of eyebrows and eyelashes who presented some vitiligo patches on his scalp and arm distant from the location of DPCP application and a 42-year-old woman with 25 years history of hair loss and 3 months DPCP application who revealed some vitiligo patches on the scalp with distant to the site of application at the 6th week are reported. Considering the absence of personal and family history of Vitiligo in our two cases, the hypothesis of latent Vitiligo is not proved. The positive patch test in left arm of one of the patients also suggests the direct role of DPCP as the cause of Vitiligo occurrence. As the development of vitiligo by DCP is unpredictable and the depigmentation may persist indefinitely, it is important to inform all patients about this potential adverse effect before starting the treatment. 

Vidix

Sei un medico?

Entra a far parte della prima community di Dermatologi e Medici Estetici.

 Iscriviti

È semplice e gratuito