INderma

In evidenza: Primo Incontro AITEB - Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Prevalenza delle malattie tiroidee nei pazienti con vitiligine: una revisione sistematica

thyroid diseaseÈ stato suggerito che le malattie della tiroide possano essere associate con la vitiligine. Tuttavia, i risultati degli studi di prevalenza sulle malattie della tiroide nella vitiligine variano ampiamente.

Per riassumere e valutare criticamente l'evidenza attuale sulla prevalenza delle malattie della tiroide nella vitiligine, è stata effettuata una revisione sistematica che ricerca nelle banche dati elettroniche OVID MEDLINE, OVID EMBASE e PubMed. Per valutare la qualità metodologica degli studi inclusi, sono state adattate le linee guida per la valutazione critica degli studi sulla prevalenza di un problema di salute.

I risultati sono stati analizzati in meta-analisi con un rapporto di rischio (RR). Quarantotto studi pubblicati, tra il 1968 e il 2011, hanno presentato i criteri di inclusione.

La maggior parte degli studi (50%) è stata di una corretta qualità metodologica, mentre 18 studi (38%) sono stati di scarsa qualità e 6 studi (12%) sono stati di buona qualità. Le malattie tiroidee, le malattie autoimmuni della tiroide e la presenza di specifici auto-anticorpi tiroidei hanno mostrato una prevalenza media rispettivamente del 15.1%, 14.3% e 20.8% nei pazienti con vitiligine e un RR rispettivamente di 1.9, 2.5 e 5.2 (tutti statisticamente significativi).

Questa revisione mostra una prevalenza maggiore e un rischio aumentato di sviluppare malattie (autoimmuni) della tiroide per i pazienti con vitiligine rispetto a quelli senza vitiligine. Questo rischio sembra aumentare con l'età.

I medici dovrebbero essere consapevoli di questo maggiore rischio per i pazienti con vitiligine e dovrebbero essere attenti ai sintomi delle malattie tiroidee. Per consigliare lo screening delle malattie della tiroide nei pazienti con vitiligine, è necessaria una ricerca futura su una buona qualità metodologica, che comprenda la differenziazione dei tipi di vitiligine e l'uso di misure standardizzate dei risultati.

Storia della pubblicazione:

Titolo: The prevalence of thyroid disease in vitiligo patients: a systematic review.

Rivista: Br J Dermatol. 2012 Aug 3. doi: 10.1111/j.1365-2133.2012.11198.x

Autori: Vrijman C, Kroon MW, Limpens J, Leeflang MM, Luiten RM, van der Veen JP, Wolkerstorfer A, Spuls PI.

Affiliazioni: Department of Dermatology and Netherlands Institute for Pigment Disorders (NIPD), Academic Medical Centre, University of Amsterdam, NL-1100DD, Amsterdam, the Netherland Medical Library, Academic Medical Centre, University of Amsterdam, NL-1100DD, Amsterdam, the Netherlands. Dutch Cochrane Centre, Academic Medical Centre, NL-1100DD, Amsterdam, the Netherlands. Clinical Epidemiology Biostatistics and Bioinformation, University of Amsterdam, NL-1100DD, Amsterdam, the Netherlands The Netherlands Cancer Institute-Antoni van Leeuwenhoek Hospital (NKI-AVL), NL-1006BE, Amsterdam, the Netherlands.

Abstract:

Thyroid disease has been suggested to be associated with vitiligo. However, the outcomes of prevalence studies on thyroid disease in vitiligo vary widely. To summarise and critically appraise current evidence of the prevalence of thyroid diseases in vitiligo, a systematic review was performed searching electronic databases OVID MEDLINE, OVID EMBASE and PubMed. Guidelines for the critical appraisal of studies on prevalence of a health problem were adapted to evaluate the methodological quality of the included studies. Results were analysed in a meta-analysis with a risk ratio (RR). Forty-eight studies published between 1968 and 2011 met the inclusion criteria. Most of the studies (50%) were of fair methodological quality, whereas 18 studies (38%) were of poor quality and 6 studies (12%) were of good quality. Thyroid disease, autoimmune thyroid disease and presence of thyroid specific auto-antibodies showed a mean prevalence of respectively 15.1%, 14.3% and 20.8% in vitiligo patients and a RR of respectively 1.9, 2.5 and 5.2 (all statistical significant). This review shows an increased prevalence and an increased risk of (autoimmune) thyroid disease in vitiligo patients compared to non-vitiligo patients. This risk seems to increase with age. Clinicians should be aware of this increased risk in vitiligo patients and should be attentive on symptoms of thyroid disease. To recommend on screening for thyroid disease in vitiligo patients future research of good methodological quality, including differentiation of vitiligo types and the use of standardised outcome measures is needed. 

Vidix

Sei un medico?

Entra a far parte della prima community di Dermatologi e Medici Estetici.

 Iscriviti

È semplice e gratuito