INderma

In evidenza: Primo Incontro AITEB - Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Caratterizzazione di 1152 lesioni escisse in oltre 10 anni, utilizzando la fotografia total-body e la dermatoscopia digitale per il monitoraggio di pazienti ad alto rischio di melanoma

dermatoscopia-digitaleL'uso combinato della fotografia total-body e della dermatoscopia digitale, denominato "metodo a due fasi di follow-up digitale", ha permesso di rilevare il melanoma incipiente a seguito di modifiche dermatoscopiche o macroscopiche durante il follow-up.

Obiettivo

Abbiamo cercato di valutare le caratteristiche dermatoscopiche e le variazioni dinamiche che portano all'escissione di lesioni melanocitarie durante i 10 anni di monitoraggio di pazienti ad alto rischio di melanoma.

Metodi

Abbiamo analizzato 1152 lesioni escisse durante la sorveglianza di 618 pazienti ad alto rischio di melanoma, dal 1999 al 2008.

Risultati

Sono state registrate precedentemente 779 lesioni escisse: 728 sono state rimosse a causa di cambiamenti dermatoscopici durante il follow-up e 51 sono state rimosse anche se non era stato osservato alcun cambiamento significativo. Le restanti 373 lesioni escisse erano nuove o non rilevate dalla precedente fotografia total-body. È stato rilevato un totale di 98 melanomi, 60 nelle lesioni monitorate, e 38 tra le "nuove" lesioni. I più frequenti cambiamenti dermatoscopici rilevati sono stati l'allargamento asimmetrico in quasi il 60% (n = 418), le variazioni focali della struttura in 197 (27%) e la pigmentazione in 122 (17%), questi ultimi due cambiamenti sono stati osservati più spesso nei melanomi rispetto ai nevi (entrambi P < .001). Non sono state rilevate differenze significative tra le caratteristiche dermatoscopiche e quelle istopatologiche dei melanomi in ciascun gruppo, con una proporzione considerevole di melanomi erroneamente classificati come benigni in entrambi i gruppi (26.3% e 38.3%, rispettivamente).

Limitazioni

Nello studio, non è stato incluso il modello dermatoscopico delle lesioni stabili e l'istopatologia delle lesioni non rimosse.

Conclusione

Le caratteristiche dermatoscopiche più frequenti associate con il melanoma sono state: il cambiamento focale nella pigmentazione o nella struttura. I melanomi rilevati attraverso i cambiamenti dermatoscopici sono risultati molto simili a quelli rilevati tramite la fotografia total-body. Quasi il 40% dei melanomi diagnosticati in soggetti ad alto rischio corrispondono a lesioni che non sono state sorvegliate con la dermatoscopia.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Characterization of 1152 lesions excised over 10 years using total-body photography and digital dermatoscopy in the surveillance of patients at high risk for melanoma

Rivista: Journal of the American Academy of Dermatology. Volume 67, Issue 5 , Pages 836-845, November 2012

Autori: Gabriel Salerni, Cristina Carrera, Louise Lovatto, Rosa M. Martí-Laborda, Guillermina Isern, Josep Palou, Llúcia Alós, Susana Puig, Josep Malvehy

Affiliazioni: Melanoma Unit, Dermatology Department, Hospital Clìnic of Barcelona, IDIBAPS, Barcelona, Spain

Abstract: 

Background

The combined use of total-body photography and digital dermatoscopy, named "two-step method of digital follow-up," allowed the detection of incipient melanoma as a result of dermatoscopic or macroscopic changes during follow-up.

Objective

We sought to assess dermatoscopic features and dynamic changes leading to excision of melanocytic lesions during our 10-year experience of monitoring patients at high risk for melanoma.

Methods

We analyzed 1152 lesions excised during the surveillance of 618 patients at high risk for melanoma from 1999 to 2008.

Results

A total of 779 excised lesions had been previously recorded: 728 were removed because of dermatoscopic changes during follow-up and 51 were removed even though no significant change was noted. The remaining 373 excised lesions were new or undetected on previous total-body photography. A total of 98 melanomas were detected, 60 in the monitored lesions, and 38 among the "new" lesions. The most frequent dermatoscopic changes detected were asymmetric enlargement in almost 60% (n = 418), focal changes in structure in 197 (27%) and in pigmentation in 122 (17%), the latter two being more frequently seen in melanomas than in nevi (both P < .001). No significant differences were detected between dermatoscopic or histopathological characteristics of the melanomas in each group, with a considerable proportion of melanomas misclassified as benign in both groups (26.3% and 38.3%, respectively).

Limitations

The dermatoscopy pattern of stable lesions and the histopathology of lesions not removed were not included in the study.

Conclusion

The most frequent dermatoscopic features associated with melanoma were focal change in pigmentation or structure. Melanomas detected by dermatoscopic changes were remarkably similar to those detected in total-body photography. Almost 40% of melanomas diagnosed in individuals at high risk corresponded to lesions that were not under dermatoscopic surveillance.

Vidix

Sei un medico?

Entra a far parte della prima community di Dermatologi e Medici Estetici.

 Iscriviti

È semplice e gratuito