link1752 link1753 link1754 link1755 link1756 link1757 link1758 link1759 link1760 link1761 link1762 link1763 link1764 link1765 link1766 link1767 link1768 link1769 link1770 link1771 link1772 link1773 link1774 link1775 link1776 link1777 link1778 link1779 link1780 link1781 link1782 link1783 link1784 link1785 link1786 link1787 link1788 link1789 link1790 link1791 link1792 link1793 link1794 link1795 link1796 link1797 link1798 link1799 link1800 link1801 link1802 link1803 link1804 link1805 link1806 link1807 link1808 link1809 link1810 link1811 link1812 link1813 link1814 link1815 link1816 link1817 link1818 link1819 link1820 link1821 link1822 link1823 link1824 link1825 link1826 link1827 link1828 link1829 link1830 link1831 link1832 link1833 link1834 link1835 link1836 link1837 link1838 link1839 link1840 link1841 link1842 link1843 link1844 link1845 link1846 link1847 link1848 link1849 link1850 link1851 link1852 link1853 link1854 link1855 link1856 link1857 link1858 link1859 link1860 link1861 link1862 link1863 link1864 link1865 link1866 link1867 link1868 link1869 link1870 link1871 link1872 link1873 link1874 link1875 link1876 link1877 link1878 link1879 link1880 link1881 link1882 link1883 link1884 link1885 link1886 link1887 link1888 link1889 link1890 link1891 link1892 link1893 link1894 link1895 link1896
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Chemochina sierica del timo regolante l'attivazione: un biomarcatore dell'attività e della risposta nell'alopecia areata

alopecia areata2La chemochina sierica del timo regolante l'attivazione/CCL17 (sTARC) è conosciuta come buon indicatore della gravità della dermatite atopica. In questo articolo abbiamo voluto verificare se la sTARC si correli con la gravità e con la risposta terapeutica dell'alopecia areata (AA) in 121 nostri pazienti.
La sTARC media nei pazienti con AA totale e universale è risultata significativamente più alta rispetto ai pazienti con AA lieve. Successivamente, abbiamo confrontato la sTARC dei pazienti affetti da AA diffusa (n = 14) con i pazienti affetti da AA a chiazze e controllati per la severità (n = 32): nei pazienti con AA diffusa (564.2 ± 400.0 pg/mL) la sTARC è risultata significativamente più elevata rispetto a quella dei soggetti con AA a chiazze (344.0 ± 239.8 pg/mL), suggerendo un possibile ruolo di TARC nella progressione attiva dell'AA diffusa.
Dieci pazienti con AA diffusa sono stati trattati con una terapia corticosteroidea pulsata per via endovenosa. Poi, abbiamo testato se sTARC potesse predire la prognosi dopo terapia pulsata, scoprendo che la sTARC al basale nei poor responder (1025.5 ± 484.8 pg/mL) è stata significativamente più elevata rispetto a quella dei good responder (con una remissione completa dopo 24 mesi dall'inizio della terapia pulsata, 347.8 ± 135.7 pg/mL), individuando la sTARC come biomarcatore di risposta nella terapia corticosteoidea pulsata per l'AA diffusa.
Infine, per studiare la produzione di TARC nei follicoli piliferi colpiti, abbiamo effettuato una doppia colorazione immunoistochimica di TARC e del CD68 utilizzando campioni di pelle del cuoio capelluto provenienti da pazienti con AA diffusa (con alti titoli di sTARC). I risultati hanno mostrato la loro co-localizzazione nelle cellule infiltranti intorno ai follicoli piliferi con AA, suggerendo che la TARC è prodotta principalmente dagli istiociti CD68+.
In conclusione, la sTARC risulta un buon marcatore di attività della malattia e della risposta nell'AA, fornendo una nuova visione al di là del paradigma finora conosciuto che aveva alla base i T-helper 1/2.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Serum thymus and activation-regulated chemokine as disease activity and response biomarker in alopecia areata

Rivista: The Journal of Dermatology. doi: 10.1111/1346-8138.12273

Autori: Shigeki Inui, Fumihito Noguchi, Takeshi Nakajima, Satoshi Itami

Affiliazioni:Department of Regenerative Dermatology, Osaka University Graduate School of Medicine, Suita, Japan

Abstract:
Serum thymus and activation-regulated chemokine/CCL17 (sTARC) is known as a good indicator for atopic dermatitis severity. Herein, we investigate whether sTARC correlates with severity and therapeutic response for alopecia areata (AA) in our 121 patients. The sTARC mean of AA totalis and universalis was significantly higher than mild AA. Next, we compared sTARC of diffuse AA (n = 14) and severity-controlled patchy AA (n = 32) and found that sTARC in diffuse AA (564.2 ± 400.0 pg/mL) was significantly higher than that of the patchy type (344.0 ± 239.8 pg/mL), suggesting a potential role of TARC in active progression of diffuse AA. Ten patients with diffuse AA were treated with i.v. corticosteroid pulse therapy. Then, we tested whether sTARC can predict prognosis after the pulse therapy and found that baseline sTARC in the poor responders (1025.5 ± 484.8 pg/mL) was significantly higher than that in the good responders (complete remission at 24 months after the pulse therapy, 347.8 ± 135.7 pg/mL), indicating sTARC as a response biomarker in the corticosteroid pulse therapy for diffuse AA. Finally, to investigate TARC production in the affected hair follicles, we performed immunohistochemical double staining of TARC and CD68 using scalp skin specimens of diffuse AA with high titers of sTARC. The results showed their co-localization in the infiltrating cells around the AA hair follicles, suggesting that TARC is mainly produced from CD68+ histiocytes. In conclusion, sTARC is a disease activity and response biomarker in AA, providing new insight beyond the T-helper 1/2 paradigm to solve the immunological pathogenesis of AA.