link1460 link1461 link1462 link1463 link1464 link1465 link1466 link1467 link1468 link1469 link1470 link1471 link1472 link1473 link1474 link1475 link1476 link1477 link1478 link1479 link1480 link1481 link1482 link1483 link1484 link1485 link1486 link1487 link1488 link1489 link1490 link1491 link1492 link1493 link1494 link1495 link1496 link1497 link1498 link1499 link1500 link1501 link1502 link1503 link1504 link1505 link1506 link1507 link1508 link1509 link1510 link1511 link1512 link1513 link1514 link1515 link1516 link1517 link1518 link1519 link1520 link1521 link1522 link1523 link1524 link1525 link1526 link1527 link1528 link1529 link1530 link1531 link1532 link1533 link1534 link1535 link1536 link1537 link1538 link1539 link1540 link1541 link1542 link1543 link1544 link1545 link1546 link1547 link1548 link1549 link1550 link1551 link1552 link1553 link1554 link1555 link1556 link1557 link1558 link1559 link1560 link1561 link1562 link1563 link1564 link1565 link1566 link1567 link1568 link1569 link1570 link1571 link1572 link1573 link1574 link1575 link1576 link1577 link1578 link1579 link1580 link1581 link1582 link1583 link1584 link1585 link1586 link1587 link1588 link1589 link1590 link1591 link1592 link1593 link1594 link1595 link1596 link1597 link1598 link1599 link1600 link1601 link1602 link1603 link1604 link1605
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Risultati promettenti per l'alopecia areata con inibitori JAK

alopecia areata dettaglio

Due diversi farmaci che intervengono sul pathway delle janus chinasi (JAK) si sono mostrati promettenti nel combattere l'alopecia areata e hanno portato ad una sostanziale ricrescita di capelli nei pazienti coinvolti in due studi clinici.

Uno dei farmaci è ruxolitinib (Jakafi, Incyte Pharmaceutical), un inibitore JAK indicato per il trattamento della mielofibrosi da moderata a grave, l'altro è tofacitinib (Xeljanz, Pfizer), un inibitore JAK usato per il trattamento dell'artrite reumatoide. Entrambi gi studi sono stati pubblicati nel Journal of Clinical Investigation — Insight.

Lo studio sul ruxolitinib ha coinvolto 12 pazienti con alopecia areata da moderata a grave: tre quarti dei pazienti hanno mostrato una significativa ricrescita e la risposta al trattamento ha portato ad una riduzione del 92% nella perdita dei capelli rispetto al basale.

Lo studio sul tofacitinib ha coinvolto 66 pazienti con alopecia areata a vari stadi di gravità; quasi due terzi (64%) dei soggetti hanno mostrato una risposta al trattamento e il 32% di essi ha raggiunto un miglioramento pari o superiore al 50% nell'arco di tre mesi. Tuttavia, la risposta non è stata duratura e la caduta dei capelli è ripresa poco dopo l'interruzione della terapia.

"Pensiamo che la terapia a base di tofacitinib rappresenti un'importante scoperta per i pazienti affetti da alopecia areata, che spesso non hanno altre alternative di trattamento", ha spiegato il coautore principale dello studio, Dr. Anthony Oro, professore di Dermatologia presso la Stanford University della California. "Tuttavia, al dosaggio da noi utilizzato gli effetti non sono stati duraturi e sono scomparsi una volta che il farmaco è stato sospeso".

"Stiamo esplorando protocolli diversi per quanto riguarda il dosaggio, la durata della terapia e il sottotipo di janus chinasi per determinare come questi fattori influiscano sulla lunghezza della fase di remissione", ha aggiunto il Dr. Oro. "Tramite la nostra ricerca, speriamo di riuscire ad individuare un protocollo di trattamento efficace, ma anche di scoprire di più su questa malattia diffusa e tuttavia poco conosciuta".

Lo studio sul ruxolitinib è stato condotto dal Dr. Julian Mackay-Wiggan, professore associato e direttore dell'unità di ricerca dermatologica del Columbia University Medical Center di New York, e colleghi. Nel corso di questa limitata sperimentazione in aperto, 12 pazienti hanno ricevuto ruxolitinib oral, al dosaggio di 20 mg due volte al giorno, per un periodo compreso fra 3 e 6 mesi e sono stati monitorati per i 3 mesi successivi alla sospensione del trattamento.

L'obiettivo primario era individuare la percentuale di pazienti che alla fine del trattamento mostrassero una ricrescita di almeno il 50% rispetto al basale. In 9 pazienti su 12 (75%) è stata osservata una significativa ricrescita ed è stato raggiungo l'obiettivo primario.

Il punteggio medio al basale relativo all'indice SALT (Severity of ALopecia Tool) era pari a 65,8% ± 28,0% ed è diminuito attestandosi sul 24,8% ± 22,9% a tre mesi, continuando poi a diminuire fino a raggiungere il 7,3% ± 13,5% alla fine dei sei mesi di trattamento (P < .005). Inoltre, 7 dei 9 pazienti che hanno risposto al trattamento hanno raggiunto una ricrescita del 95% alla fine del trattamento, con una ricrescita visibile già a partire dalla quarta settimana dall'inizio della terapia con ruxolitinib.

Gli effetti a lungo termine del trattamento sono stati studiati nel periodo di follow-up a 3 mesi dalla sospensione del trattamento: dei 9 pazienti che hanno risposto al trattamento, 3 hanno riferito caduta di capelli a partire dalla terza settimana dopo la sospensione e alla dodicesima settimana hanno riferito una marcata perdita di capelli. Tuttavia, la caduta di capelli non è tornata ai livelli del basale e 6 dei pazienti che hanno risposto alla terapia hanno riferito di aver notato una ripresa nella caduta dei capelli che però non si è intensificata.

In questa coorte, ruxolitinib è stato ben tollerato e non sono stati descritti effetti avversi di grave entità. Gli effetti collaterali sono stati poco frequenti e nessuno dei pazienti ha sospeso la terapia a causa di essi.

"Ruxolitinib al momento viene usato come terapia per il cancro, ma molte patologie potrebbero essere collegate allo stesso pathway", ha spiegato il Dr. Mackay-Wiggan, "È questo il caso dell'alopecia areata, della mielofibrosi, dell'artrite reumatoide e di altre malattie".

"Il prossimo passo è quello di condurre uno studio di maggiori dimensioni, randomizzato, in doppio cieco e controllato contro placebo, per verificare i nostri risultati", ha commentato il Dr. Mackay-Wiggan.

Nel secondo studio, il Dr. Oro, il Dr. Brett King, assistente professore in Dermatologia presso la Yale University di New Haven, e colleghi hanno valutato l'efficacia di tofacitinib in una popolazione di pazienti più ampia di quella coinvolta nello studio sul ruxolitinib.

La coorte dello studio comprendeva 66 pazienti con diversi sottotipi di alopecia areata: 11 con alopecia areata (16,7%), 3 con alopecia areata ophiasis (4,6%), 6 con alopecia areata totalis (7,6%) e 46 con alopecia universalis.

I pazienti hanno ricevuto 5 mg di tofacitinib due volte al giorno per tre mesi; gli obiettivi dello studio comprendevano ricrescita dei capelli (misurata tramite indice SALT), durata della ricrescita dopo il completamento della terapia e trascrittoma della malattia.

Dopo tre mesi, la percentuale media di miglioramento sulla base dell'indice SALT è stata del 21%. I pazienti che non hanno risposto alla terapia hanno mostrato un cambiamento rispetto all'indice SALT di meno del 5% (36%), i pazienti con risposta intermedia hanno mostrato una percentuale di miglioramento compresa fra il 5% e il 50% (32% dei pazienti) e i pazienti con un'ottima risposta hanno mostrato un miglioramento di oltre il 50% (32% dei pazienti) rispetto all'indice SALT.

Analizzando la risposta per i diversi sottotipi, i ricercatori hanno scoperto che i pazienti con alopecia areata hanno mostrato un miglioramento del 34% maggiore nei punteggi SALT rispetto ai pazienti con alopecia universalis (P = .0005), mentre i pazienti con alopecia areata ophiasis hanno mostrato un miglioramento nei punteggi SALT maggiore del 48% rispetto ai pazienti con alopecia universalis (P = .006).

Per valutare la durata nel tempo degli effetti della terapia, è stato predisposto un follow-up di tre mesi dopo la sospensione della terapia. Il follow-up ha coinvolto un totale di 20 pazienti e tutti hanno sperimentato una ripresa della caduta dopo una media di 8,5 settimane dalla sospensione della terapia.

I ricercatori hanno sottolineato che sono stati notati scarsi effetti avversi in questa popolazione, un dato in netto contrasto con quelli degli studi sull'uso di tofacitinib come terapia per l'artrite reumatoide e la psoriasi. In questo studio infatti tutti gli eventi riportati consistevano in infezioni di I e II grado, incluse infezioni dell'apparato respiratorio, che hanno interessato il 25% dei pazienti.

Riferimenti:

Oral ruxolitinib induces hair regrowth in patients with moderate-to-severe alopecia areata — JCI Insight, 2016, 1(15):e89790; doi:10.1172/jci.insight.89790

Safety and efficacy of the JAK inhibitor tofacitinib citrate in patients with alopecia areata — JCI Insight, 2016, 1(15):e89776; doi:10.1172/jci.insight.89776.