link146 link147 link148 link149 link150 link151 link152 link153 link154 link155 link156 link157 link158 link159 link160 link161 link162 link163 link164 link165 link166 link167 link168 link169 link170 link171 link172 link173 link174 link175 link176 link177 link178 link179 link180 link181 link182 link183 link184 link185 link186 link187 link188 link189 link190 link191 link192 link193 link194 link195 link196 link197 link198 link199 link200 link201 link202 link203 link204 link205 link206 link207 link208 link209 link210 link211 link212 link213 link214 link215 link216 link217 link218 link219 link220 link221 link222 link223 link224 link225 link226 link227 link228 link229 link230 link231 link232 link233 link234 link235 link236 link237 link238 link239 link240 link241 link242 link243 link244 link245 link246 link247 link248 link249 link250 link251 link252 link253 link254 link255 link256 link257 link258 link259 link260 link261 link262 link263 link264 link265 link266 link267 link268 link269 link270 link271 link272 link273 link274 link275 link276 link277 link278 link279 link280 link281 link282 link283 link284 link285 link286 link287 link288 link289 link290 link291
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Nuovi trattamenti per l'alopecia in arrivo?

alopecia areata

L'alopecia, in tutte le sue forme, è una condizione estremamente frustrante, sia per i pazienti che per i medici, a causa dell'assenza di opzioni di trattamento efficaci. I risultati di un recente studio sugli effetti della terapia con tofacitinib appaiono molto promettenti ma è forse ancora troppo presto per integrare le nuove terapie nella pratica clinica.

L'alopecia areata (AA) e le sue varianti più gravi, alopecia totalis (AT) e alopecia universalis (AU), sono malattie autoimmuni [1] caratterizzate dalla perdita di capelli, o di altri peli del corpo, e dalla presenza di chiazze glabre di dimensioni variabili. Dal punto di vista istopatologico, si evidenzia la presenza di infiltrato linfocitario peri-follicolare.

L'alopecia areata non è una malattia rara: la sua incidenza è di 1,7% nella popolazione generale, con tassi più alti negli individui affetti da malattie autoimmuni o a carattere infiammatorio, come la tiroidite di Hashimoto, la vitiligine, la dermatite atopica e la psoriasi.

L'alopecia areata moderata in genere si risolve spontaneamente e la ricrescita può essere accelerata ricorrendo a iniezioni di corticosteroidi e minoxidil topico. Al contrario, i casi di alopecia areata che coinvolgono aree più estese si sono dimostrati difficile da trattare e sebbene alcuni studi abbiano dimostrato come l'uso di alti dosaggi di corticosteroidi possa essere in grado di portare a una temporanea ricrescita dei capelli, i tassi di ricaduta non sono affatto incoraggianti [2].

Gli inibitori delle Janus chinasi, come ruxolitinib e tofacitinib, sono in grado di sopprimere i linfociti T citotossici e sono indicati per il trattamento di malattie come l'artrite reumatoide, la psoriasi volgare e l'artrite psoriasica.

Nei modelli murini, l'inibizione JAK è stata in grado di invertire il decorso dell'alopecia areata dovuta a linfociti T CD8(+)NKG2D(+) [3] e l'inibitore JAK 1-3 tofacitinib ha drasticamente invertito il decorso dell'alopecia areata in un paziente in terapia per la psoriasi a placche [4]. Questi incoraggianti risultati sono stati alla base di uno studio open-label che ha coinvolto 66 pazienti con alopecia areata e che ha ottenuto promettenti risultati a breve termine [5].

Incoraggiati da questi risultati, la Dr.ssa Liu e colleghi hanno condotto uno studio retrospettivo open-label su 90 adulti (età media 34,5 years, 55,6% di sesso femminile) con alopecia areata (14,4%), alopecia universalis (83,3%) o alopecia totalis (2,2%).

Dalla coorte iniziale sono stati selezionati 65 pazienti che hanno ricevuto tofacitinib in monoterapia (al dosaggio di 5 mg due volte al giorno) per i primi 2-3 mesi di trattamento. Dopo questa fase di induzione, il 29% dei pazienti ha ricevuto un dosaggio più alto di tofacitinib (fino a 10 mg due volte al giorno) e il 28% dei pazienti ha iniziato una terapia adiuvante a base di prednisone.

L'obiettivo primario era il cambiamento in punti percentuali rispetto all'indice Severity of Alopecia Tool (SALT) score fra la prima e l'ultima visita. Dopo 4-18 mesi di terapia con tofacitinib, il 77% dei pazienti ha esibito una risposta clinica. Il 58% dei pazienti ha ottenuto un miglioramento di almeno il 50% rispetto all'indice SALT e il 20% ha mostrato una risposta completa (ricrescita di tutti i capelli) dopo una media di 15 mesi di trattamento.

I pazienti con alopecia areata (n = 13) hanno ottenuto risposte migliori dei pazienti con alopecia totalis o universalis (n = 52) (miglioramento dell'81,9% rispetto all'indice SALT vs miglioramento del 59,0%).

Dopo una media di un anno di trattamento, non sono stati registrati eventi avversi gravi, né anomalie nei valori di laboratorio Gli eventi avversi più comuni sono stati: infezioni del tratto superiore dell'apparato respiratorio (28,9%), emicrania (14,4%) e acne (7,8%).

In questo studio, ridotto nelle dimensioni ma dai risultati significativi, tofacitinib si è dimostrato estremamente efficace nella terapia dell'alopecia areata, universalis e totalis. È bene sottolineare che lo studio ha escluso pazienti affetti da alopecia areata, universalis o totalis da oltre 10 anni, perché studi precedenti avevano notato la scarsa efficacia di tofacitinib in questa popolazione di pazienti.

Per ammissione della stessa Dr.ssa Liu e colleghi, lo studio è limitato dall'assenza di un gruppo di controllo e dal fatto che circa il 28% dei pazienti ha ricevuto corticosteroidi pulsati come terapia adiuvante nel corso dello studio. I ricercatori sottolineano la bassa incidenza di ricadute (7,7%) ma questo dato, considerata la durata del trattamento (4-18 mesi, durata media 12 mesi), ancora non permette di valutare l'efficacia a lungo termine della terapia a base di tofacitinib, né di scoprire se la cessazione della terapia porti a una ricomparsa della malattia.

Sebbene la terapia con tofacitinib non sia stata associata a eventi avversi gravi in questa coorte, gli inibitori JAK per uso orale usati per trattare l'artrite reumatoide sono stati associati a eventi avversi anche molto gravi, inclusi alcuni tipi di cancro dall'incidenza molto bassa (come il linfoma) e gravi infezioni. Rimane da chiarire se questi eventi avversi siano dovuti a una maggiore vulnerabilità dei pazienti con artrite reumatoide, per via delle loro comorbidità o delle altre terapie farmacologiche alle quali sono sottoposti, ma si tratta di un dato che i medici non possono ignorare.

Nel frattempo, si attendono ulteriori studi prospettici, randomizzati, controllati contro placebo e con follow-up a lungo termine.

Riferimenti:

Liu L., Craiglow B., Dai F., King B. — Tofacitinib for the Treatment of Severe Alopecia Areata and Variants: A Study of 90 Patients. , JAMA Dermatology 2017;76:22-28; doi: 10.1016/j.jaad.2016.09.007

[1] Islam N., Leung P., Huntley A., Gershwin M. — The autoimmune basis of alopecia areata: a comprehensive review. Autoimmunity Reviews 2015;14:81-89
[2] Smith A., Trueb R., Theiler M. et al. — High relapse rates despite early intervention with intravenous methylprednisolone pulse therapy for severe childhood alopecia areata. Pediatric Dermatology 2015;32:481-487
[3] Xing L., Dai Z. Jabbari A. et al. — Alopecia areata is driven by cytotoxic T lymphocytes and is reversed by JAK inhibition. Nature Medicine 2014;20:1043-1049
[4] Craiglow B., King B. — Killing two birds with one stone: oral tofacitinib reverses alopecia universalis in a patient with plaque psoriasis. The Journal of investigative dermatology 2014;134:2988-2990
[5] Crispin M., Ko J., Craiglow B. et al. — Safety and efficacy of the JAK inhibitor tofacitinib citrate in patients with alopecia areata. JCI Insight 2016;1:e89776