link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Deficienza di vitamina D nelle popolazioni del sud Europa: l'effetto del fumo e dell'invecchiamento

vitamina-DLa maggiore sorgente di vitamina D è la sintesi nella cute durante le radiazione ultravioletta. L'esistenza di malattie foto-aggravate e l'aumentata incidenza di cancro cutaneo rende necessaria la raccomandazione di evitare l'esposizione solare.

 

In questo studio è stata valutata la vitamina D nella popolazione sana e la sua relazione con le abitudini rispetto all'esposizione solare. Per queste motivazioni abbiamo seguito uno studio su 177 persone sane. Sono stati presi in considerazione parametri circa i dati demografici, l'esposizione solare, l'abitudine alla protezione solare e l'introito dietetico stimato di vitamina D.

 

Sono stati eseguiti test ematici per misurare la vitamina D, il calcio, il fosforo ed il paratormone. I livelli medi di 25(OH)D sono stati 24.0 (± 8.5) ng/ml. Il 75% della popolazione in studio non ha raggiunto i livelli raccomandati di vitamina D (30 ng/ml), compreso il 4.5% che era deficiente di vitamina D (< 10 ng/ml).

vitamina-D3-dI livelli erano maggiori nelle persone giovani (P = 0.04) e in coloro che si esponevano di più al sole (P = 0.04). Il fumo era associato con un aumentato rischio di ipovitaminosi D (odds ratio, 1.8; 95% intervallo di confidenza, 1.00-3.35).

Sulla base dei risultati i medici dovrebbero considerare il rischio di ipovitaminosi D quando raccomandano di evitare l'esposizione solare, specialmente in gruppi a rischio, perché il sole è la più importante sorgente di questa vitamina.

 

Storia della pubblicazione

Fonte: Photodermatol Photoimmunol Photomed. 2012 Jun;28(3):159-61. doi: 10.1111/j.1600-0781.2012.00649.x.

Titolo: Vitamin D deficiency in South Europe: effect of smoking and aging.

Autori: Cutillas-Marco E, Fuertes-Prosper A, Grant WB, Morales-Suárez-Varela M.

Affiliazioni: Department of Dermatology, Hospital de la Vega Lorenzo Guirao, Cieza, Spain.

Abstract: The main source of vitamin D is synthesis in the skin during exposure to ultraviolet radiation. The existence of photoaggravated diseases and the increasing incidence of skin cancer have prompted recommendations to avoid the sun. Here, we study the status of vitamin D in a healthy population and its relation to their habits of sun exposure. To do so, we designed a cross-sectional study that included 177 healthy people. We analyzed parameters about demographic data, sun exposure, and protection habits and estimated vitamin D dietary intake. We performed blood tests to measure serum 25-hydroxyvitamin D [25(OH)D], calcium, phosphorus, and intact parathyroid hormone. Mean levels (± standard deviation) of 25(OH)D were 24.0 (± 8.5) ng/ml. Seventy-six percent of the population did not reach recommended levels of vitamin D (30 ng/ml), including 4.5% who were vitamin D deficient (< 10 ng/ml). Levels were higher in young people (P = 0.04) and those with more sun exposure (P = 0.04). Smoking was associated with an increased risk of hypovitaminosis D (odds ratio, 1.8; 95% confidence interval, 1.00-3.35). On the basis of our findings, we should consider the risk of hypovitaminosis when we recommend sun avoidance, especially in some risk groups, because the sun is the most important source of this vitamin.