link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Capelli rossi: rischio di melanoma indipendente dall'esposizione solare

MC1R red hair

Le varianti di MC1R sono state identificate come un fattore di rischio indipendente per il melanoma.

secondo uno studio caso-controllo pubblicato il 6 aprile in JAMA Dermatology, specifiche varianti del gene per il recettore della melanocortina 1 (MC1R) che conferiscono capelli rossi, lentiggini e pelle diafana comportano un rischio due volte superiore di melanoma, indipendentemente dall'esposizione ai raggi ultravioletti.

Il collegamento fra esposizione ai raggi solari e tumori cutanei è stato evidenziato più volte, ma è il collegamento è meno forte per quanto riguarda il melanoma che per altre patologie, come il carcinoma baso-cellulare o il carcinoma a cellule squamose.

Studi pre-clinici mostrano invece un alto rischio di melanoma, anche in assenza di esposizione ai raggi UV, nei topi che presentano certe varianti (alleli) del gene MC1R. Negli esseri umani, questi alleli sono comuni nelle persone di fototipo I (persone inclini alle scottature solari, che non si abbronzano, con pelle chiara e capelli biondi o rossi, occhi blu e lentiggini).

Nel loro studio, la Dr.ssa Judith Wendt, dell'Università di Vienna, e colleghi hanno esteso la validità delle osservazioni degli studi condotti su topi anche agli essere umani, evidenziando la predisposizione genetica di questo tipo di pazienti ad un alto rischio di melanoma e sottolineando come in questi pazienti evitare l'esposizione al sole non sia sufficiente.

Per quanto concerne il rischio melanoma, separare i fattori genetici da quelli ambientali si è dimostrato più difficile nella popolazione umana rispetto a quella murina perché "gli esseri umani escono all'aperto e sono esposti ai raggi solari", ha spiegato il Dr. David E. Fisher, direttore del Cutaneous Biology Research Center presso il Massachusetts General Hospital di Boston.

Il Dr. Fisher è stato coinvolto in uno dei sopracitati studi su topi (Nature. 2012;491:449-453) e insieme alla Dr.ssa Elisabeth M. Roider, del Massachusetts General Hospital, ha redatto un editoriale di accompagnamento alla pubblicazione dello studio.

Il Dr. Fisher ha sottolineato come il nuovo studio fosse stato "progettato in maniera molto intelligente: in modo da valutare il danno cutaneo creato dalle radiazioni solari per poi poter normalizzare i risultati per scottature e altri danni cutanei attribuibili all'esposizione ai raggi UV". Una volta normalizzati i dati, i ricercatori hanno cercato di capire se le persone dai capelli rossi risultassero comunque esposte ad un rischio più alto rispetto al resto della popolazione.

Il recettore della melanocortina 1, prodotto in risposta all'ormone che stimola i melanociti e che viene secreto in risposta all'esposizione ai raggi UV, è responsabile dell'equilibrio fra eumelanina e feomelanina nella pelle.

Una deficienza di MC1R favorisce la produzione di feomelanina, che conferisce una colorazione rossa ai capelli e chiara alla pelle, tipica del fototipo I e associata ad una più bassa protezione nei confronti dei raggi solari.

A partire dal 1990, sempre più studi hanno associato la presenza di varianti genetiche disfunzionali di MC1R ad un maggior rischio di melanoma, ma fino ad oggi si era pensato che questa associazione derivasse appunto dal maggior rischio di danni cutanei al quale è esposta questa popolazione in presenza di raggi UV.

Nel corso dello studio, la Dr.ssa Wendt e colleghi hanno esaminato 991 pazienti affetti da melanoma e 800 soggetti di controllo provenienti dal database dello studio Molecular Markers of Melanoma. I ricercatori hanno suddiviso i partecipanti in base al genotipo: cinque varianti ad alto rischio (R) e cinque varianti a basso rischio (r), altre varianti sono state rappresentate come 0.

I ricercatori hanno innanzitutto considerato l'associazione fra scottature solari (12 nel corso della vita o più di 10 prima dei 20 anni) e/o sintomi di grave danno attinico e il rischio di melanoma. Successivamente, tramite analisi multi-variabile è stato valutato il ruolo del genotipo MC1R nel rischio di melanoma, correggendo per numero di scottature e danno attinico. Tutti i risultati sono stati corretti per età e sesso.

I risultati hanno evidenziato che un numero di scottature superiore a 12 nel corso della vita aumenta il rischio di melanoma (odds ratio [OR] 2,20; intervallo di confidenza [CI] 95%, 1,63 — 2,96; P < .001) come anche un numero di scottature pari o superiore a 10 prima dei 20 anni (OR 2,19; CI 95%, 1,73 — 2,78; P < .001). Anche il danno attinico è risultato essere associato ad un maggior rischio di melanoma.

I ricercatori hanno inoltre scoperto che il numero di varianti R e r aumenta significativamente il rischio di melanoma. Individui con due o più (R o r) variazioni sono esposti ad un rischio due volte più alto rispetto agli individui con varianti wild type (OR 2,13; CI 95%, 1,66 — 2,75; P < .001).

R è stato associato ad un aumento del rischio di melanoma sia quanto è presente in doppia copia negli omozigoti (R/R) che in scenari eterozigoti con variante r (R/r) o variante wild type (R/0). La variante r è stata associata ad un aumento del rischio quando omozigota (r/r) e quando associata a variante wild type (r/0).

Il genotipo MC1R è emerso come fattore di rischio significativo per il melanoma dopo la correzione per scottature e danni alla pelle, associazione che persiste nelle diverse combinazioni di varianti di rischio, oltre che in diverse aree cutanee.

La scoperta di un secondo meccanismo che influisce sul rischio di melanoma "non rende certo meno importante il ruolo della radiazione UV. Crediamo anzi che la pigmentazione rossa amplifichi gli effetti dannosi della radiazione UV, rendendola ancor più pericolosa", ha commentato il Dr. Fisher.

"Questo non significa che siano necessari test genetici, poiché i pazienti che appartengono a questo fototipo sono già coscienti del rischio", ha proseguito il Dr. Fisher: "ma il fatto che il genotipo rappresenti un fattore di rischio indipendente dall'esposizione fa si che debbano essere considerate a rischio anche quelle zone della pelle che non vengono abitualmente esposte ai raggi UV".

"I pazienti devono svolgere auto-esami regolari e prestare attenzione anche alle aree che restano coperte dai vestiti", ha spiegato. Il consiglio è quello di evitare il sole durante le ore più calde della giornata e di non fidarsi ciecamente delle creme solari poiché esse proteggono dalle scottature e non dai tumori.

Lo studio non è tuttavia privo di limiti: il numero di scottature è stato calcolato basandosi sulla memoria dei singoli pazienti e la popolazione di controllo era composta da pazienti dell'ospedale.

Riferimenti:

JAMA Dermatology, edizione online del 6 aprile 2016; doi:10.1001/jamadermatol.2016.0050