link146 link147 link148 link149 link150 link151 link152 link153 link154 link155 link156 link157 link158 link159 link160 link161 link162 link163 link164 link165 link166 link167 link168 link169 link170 link171 link172 link173 link174 link175 link176 link177 link178 link179 link180 link181 link182 link183 link184 link185 link186 link187 link188 link189 link190 link191 link192 link193 link194 link195 link196 link197 link198 link199 link200 link201 link202 link203 link204 link205 link206 link207 link208 link209 link210 link211 link212 link213 link214 link215 link216 link217 link218 link219 link220 link221 link222 link223 link224 link225 link226 link227 link228 link229 link230 link231 link232 link233 link234 link235 link236 link237 link238 link239 link240 link241 link242 link243 link244 link245 link246 link247 link248 link249 link250 link251 link252 link253 link254 link255 link256 link257 link258 link259 link260 link261 link262 link263 link264 link265 link266 link267 link268 link269 link270 link271 link272 link273 link274 link275 link276 link277 link278 link279 link280 link281 link282 link283 link284 link285 link286 link287 link288 link289 link290 link291
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Identificazione del dermatofita in campioni di pelle e di capelli, utilizzando un esame con nested-PCR semplice e affidabile

DermatophyteL'identificazione del dermatofita nella tigna dei capelli (tinea capitis) è essenziale per la scelta del trattamento appropriato e, in diverse tigne, anche per individuare la possibile fonte di infezione. Frequentemente i funghi non riescono a crescere in colture, soprattutto nel caso di una precedente terapia antimicotica.

Obiettivo: Sviluppare un rapido esame di sequenziamento PCR per l'identificazione del dermatofita nella tigna dei capelli (tinea capitis) e del corpo (tinea corporis).

Metodi: È stato estratto il DNA dei funghi da campioni di pelle e di capelli che sono stati trovati positivi all'esame micologico diretto. I dermatofiti sono stati identificati dalla sequenza di DNA ribosomiale della subunità 28S dell'amplicone, generata dalla nested-PCR.

Risultati: La nested-PCR è risultata necessaria per ottenere gli ampliconi in quantità sufficiente per l'identificazione del dermatofita, mediante sequenziamento. I risultati sono in accordo con quelli di una classica identificazione micologica in 14 su 23, 6 su 10, e 19 su 23 casi di tinea capitis, tinea corporis e tinea pedis, rispettivamente, da cui è stato ottenuto un dermatofita in coltura. In 7 casi di 56, è stato identificato un altro dermatofita, rivelando che l'identificazione precedente era errata. Un dermatofita è stato identificato in 12 su 18, 3 su 5, e 4 su 9 casi di tinea capitis, tinea corporis e tinea pedis, rispettivamente, nel caso in cui nessun dermatofita è cresciuto in coltura.

Conclusioni: Anche se lo standard di riferimento per l'identificazione del dermatofita da campioni clinici rimane la coltura fungina, l'analisi sviluppata in questo studio è particolarmente adatta per la tinea capitis. È stato ottenuto un miglioramento della sensibilità per l'identificazione delle specie di dermatofiti, ed è stato possibile identificare il dermatofita anche quando il fungo non riusciva a cresce in colture.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Dermatophyte identification in skin and hair samples using a simple and reliable nested-PCR assay

Rivista: British Journal of Dermatology. doi: 10.1111/bjd.12015

Autori: J. Verrier, L. Krähenbühl, O. Bontems, M. Fratti, K. Salamin, M. Monod

Affiliazioni: Department of Dermatology, Centre Hospitalier Universitaire Vaudois, CH-1011 Lausanne, Switzerland

Abstract: 

Background: Dermatophyte identification in tinea capitis is essential for choosing the appropriate treatment and in various tinea to identify the possible source of the infection. The failure of fungi to grow in cultures frequently occurs, especially in cases of previous anti-fungal therapy.

Objective: To develop a rapid PCR-sequencing assay for dermatophyte identification in tinea capitis and tinea corporis

Methods: Fungal DNA was extracted from hair and skin samples that were confirmed to be positive by direct mycological examination. Dermatophytes were identified by the sequence of a 28S ribosomal DNA subunit amplicon generated by nested-PCR.

Results: Nested-PCR was found to be necessary to obtain amplicons in substantial amounts for dermatophyte identification by sequencing. The results agreed with those of classical mycological identification in 14 of 23, 6 of 10, and 19 of 23 cases of tinea capitis, tinea corporis and tinea pedis, respectively, from which a dermatophyte was obtained in culture. In 7 of the 56 cases, another dermatophyte was identified, revealing previous misidentification. A dermatophyte was identified in 12 of 18, 3 of 5, and 4 of 9 cases of tinea capitis, tinea corporis and tinea pedis, respectively, in cases in which no dermatophyte grew in culture.

Conclusions: Although the gold standard dermatophyte identification from clinical samples remains fungal cultures, the assay developed in the present study is especially suitable for tinea capitis. Improved sensitivity for the identification of dermatophyte species was obtained as it is possible to identify the dermatophyte when the fungus fails to grow in cultures.