link146 link147 link148 link149 link150 link151 link152 link153 link154 link155 link156 link157 link158 link159 link160 link161 link162 link163 link164 link165 link166 link167 link168 link169 link170 link171 link172 link173 link174 link175 link176 link177 link178 link179 link180 link181 link182 link183 link184 link185 link186 link187 link188 link189 link190 link191 link192 link193 link194 link195 link196 link197 link198 link199 link200 link201 link202 link203 link204 link205 link206 link207 link208 link209 link210 link211 link212 link213 link214 link215 link216 link217 link218 link219 link220 link221 link222 link223 link224 link225 link226 link227 link228 link229 link230 link231 link232 link233 link234 link235 link236 link237 link238 link239 link240 link241 link242 link243 link244 link245 link246 link247 link248 link249 link250 link251 link252 link253 link254 link255 link256 link257 link258 link259 link260 link261 link262 link263 link264 link265 link266 link267 link268 link269 link270 link271 link272 link273 link274 link275 link276 link277 link278 link279 link280 link281 link282 link283 link284 link285 link286 link287 link288 link289 link290 link291
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Carcinoma ovarico: rischio raddoppiato per chi usa lavande vaginali

woman pubic area

Secondo uno studio statunitense, le donne che fanno uso di lavande vaginali hanno il doppio di probabilità di sviluppare un carcinoma ovarico.

Studi precedenti avevano già collegato l'uso di lavande ad infezioni, infiammazioni pelviche e gravidanze ectopiche, mentre altre ricerche avevano trovato un'associazione fra l'uso di lavande vaginali e neoplasie della cervice, riduzione della fertilità, infezioni da HIV e relative ad altre malattie sessualmente trasmissibili.

Tuttavia, il nuovo studio del National Institute of Environmental Health Sciences è il primo a collegare il carcinoma ovarico alle lavande usate regolarmente da moltissime donne in tutto il mondo.

La Dr.ssa Joelle Brown, professore di Epidemiologia presso la University of California di San Francisco, ha dichiarato che, sebbene ella fosse a conoscenza di altri problemi di salute legati all'uso di lavande, il collegamento fra irrigazioni intime e carcinoma ovarico l'ha colta di sorpresa.

"Sebbene la maggior parte dei dottori (e persino l'American College of Obstetricians and Gynecologists) sconsigli in maniera molto decisa l'uso di lavande vaginali, molte donne continuano ad usarle nella convinzione, infondata, che queste abbiano un effetto positivo e che garantiscano una migliore igiene intima", ha spiegato la Dr.ssa Brown, che non è stata coinvolta nello studio in esame.

Ogni anno, negli Stati Uniti, vengono diagnosticati circa 20.000 nuovi carcinomi ovarici e si verificano circa 14.500 morti collegate a questo tipo di tumori, secondo le stime del Center for Disease Control and Prevention (CDC).

Lo studio pubblicato nell'edizione online del 20 giugno di Epidemiology ha seguito oltre 41.000 donne provenienti dagli Stati Uniti e da Puerto Rico a partire del 2003, come parte del Sister Study. Le partecipanti avevano un'età compresa fra i 35 e i 74 anni e ciascuna di esse aveva una sorella alla quale era stato diagnosticato un cancro alla mammella.

All'inizio dello studio, i soggetti non presentavano né cancro della mammella né carcinoma ovarico, ma a luglio 2014 i ricercatori hanno rilevato 154 casi di carcinoma ovarico fra le partecipanti. Secondo i dati provenienti dallo studio, le donne che hanno riferito di aver usato regolarmente lavande vaginali nell'anno precedente l'inizio dello studio avevano un rischio raddoppiato di sviluppare un carcinoma ovarico.

Il collegamento fra l'uso di irrigazioni vaginali e carcinoma ovarico era più pronunciato nelle donne che non avevano predisposizioni genetico-familiari a sviluppare tumori alla mammella.

"Nessuno studio prima di questo aveva mai analizzato la possibilità dell'esistenza di una relazione fra l'uso di lavande vaginali e carcinoma ovarico", ha commentato la Dr.ssa Clarice Weinberg, vice direttore del dipartimento di Biostatistica e Biologia Computazionale presso il National Institute of Environmental Health Sciences.

"Ci sono molti motivi per evitare di usare lavande vaginali e non c'è nessuna buona ragione per utilizzarle", ha proseguito. La vagina si mantiene pulita da sola e introdurre detergenti o altre sostanze nella cavità vaginale può solo interferire negativamente con il delicato equilibrio dell'organismo.

L'uso di lavande vaginali può portare al moltiplicarsi di batteri nocivi, portando ad infezioni batteriche, e può spingere questi batteri fino all'utero, alle tube di Falloppio e alle ovaie, secondo quanto riportato dall'Office on Women's Health at the U.S. Department of Health and Human Services (HHS). Tuttavia, il 25% delle donne di età compresa fra i 15 ed i 44 anni fa regolarmente uso di lavande vaginali.

La Dr.ssa Brown, autrice principale di uno studio del 2016 che esaminava le ragioni per cui le donne fanno uso di lavande vaginali, spiega di aver cominciato ad interessarsi all'argomento dopo aver osservato la grande quantità di prodotti per l'igiene intima disponibili sul mercato.

"Nella maggior parte delle farmacie è possibile trovare scaffali interi pieni di lavande vaginali, gel e altri detergenti che promettono di regalare alla vagina delle consumatrici profumi tropicali ed esotici", scrive la Dr.ssa Brown.

L'uso di lavande vaginali è documentato già a partire dal 1500 a.C. in papiri egizi che raccomandano l'uso di lavande a base di aglio e vino per alleviare i dolori mestruali. Negli Stati Uniti è stata a lungo diffusa l'abitudine di usare lavande vaginali a base di Lysol a scopo anticoncezionale.

Oggi le donne cominciano a usare lavande vaginali su raccomandazione delle loro stesse madri e le lavande vaginali vengono viste come parte di una buona igiene intima, da usare anche prima e dopo i rapporti sessuali.

Nonostante le raccomandazioni diffuse dagli specialisti e dalle associazioni mediche, le donne continuano a fare uso di lavande perché "credono che se questi prodotti fossero realmente dannosi non verrebbero venduti liberamente in farmacia", spiega la Dr.ssa Brown. "Tuttavia, almeno negli Stati Uniti, questi prodotti rientrano nella categoria dei cosmetici, perciò la loro commercializzazione è regolata da standard molto diversi rispetto a quelli utilizzati per i farmaci".

 

Riferimenti:

Epidemiology, edizione online del 20 giugno 2016; doi:10.1097/EDE.0000000000000528