link1606 link1607 link1608 link1609 link1610 link1611 link1612 link1613 link1614 link1615 link1616 link1617 link1618 link1619 link1620 link1621 link1622 link1623 link1624 link1625 link1626 link1627 link1628 link1629 link1630 link1631 link1632 link1633 link1634 link1635 link1636 link1637 link1638 link1639 link1640 link1641 link1642 link1643 link1644 link1645 link1646 link1647 link1648 link1649 link1650 link1651 link1652 link1653 link1654 link1655 link1656 link1657 link1658 link1659 link1660 link1661 link1662 link1663 link1664 link1665 link1666 link1667 link1668 link1669 link1670 link1671 link1672 link1673 link1674 link1675 link1676 link1677 link1678 link1679 link1680 link1681 link1682 link1683 link1684 link1685 link1686 link1687 link1688 link1689 link1690 link1691 link1692 link1693 link1694 link1695 link1696 link1697 link1698 link1699 link1700 link1701 link1702 link1703 link1704 link1705 link1706 link1707 link1708 link1709 link1710 link1711 link1712 link1713 link1714 link1715 link1716 link1717 link1718 link1719 link1720 link1721 link1722 link1723 link1724 link1725 link1726 link1727 link1728 link1729 link1730 link1731 link1732 link1733 link1734 link1735 link1736 link1737 link1738 link1739 link1740 link1741 link1742 link1743 link1744 link1745 link1746 link1747 link1748 link1749 link1750 link1751
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Tatuaggi e monitoraggio delle lesioni cutanee sospette

tatuatore

I risultati di un recente studio evidenziano come molti professionisti del tatuaggio lavorino su nevi e lesioni, nonostante questo possa rendere più difficile il monitoraggio delle lesioni stesse.

Solo il 43% dei tatuatori intervistati dai ricercatori ha riferito di aver ricevuto una corretta formazione in tema di nevi e lesioni cutanee. Circa il 55% degli intervistati ha riferito di non eseguire tatuaggi in presenza di anomalie cutanee, ma la decisione è spesso motivata dalla scarsa resa estetica piuttosto che dalle preoccupazioni legata ai tumori cutanei.

"L'approccio del tatuatore può variare a seconda delle dimensioni e della forma del nevo, ma sappiamo ormai che anche nevi di piccole dimensioni e dalla profondità scarsa possono degenerare in tumori cutanei, perciò nessun tipo di lesioni non dovrebbe mai essere tatuato", ha dichiarato l'autore principale, Dr. Westley Mori, ricercatore presso la University of Pittsburgh Medical School.

Negli Stati Uniti, un adulto su cinque ha uno o più tatuaggi, secondo i dati del Centers for Disease Control and Prevention. "Evitare di tatuare lesioni o nevi rende più semplice monitorare queste anomalie al fine di diagnosticare tempestivamente eventuali tumori. Anche se una lesione sembra regolare al momento del tatuaggio, non è detto che non cambi con il passare del tempo", ha spiegato il Dr. Mori. "Tatuare sopra nevi e lesioni rende difficile monitorare questo tipo di cambiamenti".

Nel corso dello studio i ricercatori hanno analizzato i dati provenienti dalle risposte a questionari anonimi riempiti da 42 tatuatori professionisti, la metà dei quali aveva lavorato nel settore per almeno otto anni.

Nell'articolo, pubblicato nell'edizione online del 18 gennaio di JAMA Dermatology, si legge che solo il 17% degli intervistati ha riferito d'essersi sottoposto a regolari esami della pelle o a controlli dei nevi, il 7% circa era stato sottoposto a biopsia cutanea e poco più del 2% aveva ricevuto una diagnosi di tumore cutaneo personale o relativa a un familiare o amico.

Circa il 21% degli intervistati considera la propria conoscenza dell'argomento melanoma "buona" e il 14% ritiene di avere un buon livello di conoscenza dei tumori cutanei in genere.

Tuttavia, solo il 29% dei tatuatori ha detto di essersi rifiutato di eseguire un tatuaggio in un'area cutanea con lesioni, eritemi o nevi per preoccupazioni legate ai tumori cutanei. Si tratta della stessa percentuale di tatuatori che ha dichiarato di aver suggerito a un cliente di sottoporsi a un esame della pelle dopo aver notato in prima persona una lesione sospetta.

Oltre alle piccole dimensioni del campione, le limitazioni dello studio riguardano la mancanza di informazioni sul reale livello di conoscenza di melanomi e tumori cutanei dei tatuatori intervistati e sulla loro reale capacità di identificare lesioni sospette. "I tatuatori non ricevono una formazione adeguata sulle lesioni cutanee che possono trovarsi di fronte (non soltanto quelle a potenziale esito tumorale, ma anche quelle più comuni, come vesciche, pustole, piaghe)", ha dichiarato la Dr.ssa Tina Alster, direttrice del Washington Institute of Dermatologic Laser Surgery e ricercatrice presso il Georgetown University Medical Center di Washington.

Riferimenti:

Westley S. Mori, Kaitlin Vaughan Peters, Laura Korb Ferris, et al — Tattoo Artists’ Approach to Melanocytic Nevi, JAMA Dermatology, edizione online del 18 gennaio 2017; doi:10.1001/jamadermatol.2016.5243