link584 link585 link586 link587 link588 link589 link590 link591 link592 link593 link594 link595 link596 link597 link598 link599 link600 link601 link602 link603 link604 link605 link606 link607 link608 link609 link610 link611 link612 link613 link614 link615 link616 link617 link618 link619 link620 link621 link622 link623 link624 link625 link626 link627 link628 link629 link630 link631 link632 link633 link634 link635 link636 link637 link638 link639 link640 link641 link642 link643 link644 link645 link646 link647 link648 link649 link650 link651 link652 link653 link654 link655 link656 link657 link658 link659 link660 link661 link662 link663 link664 link665 link666 link667 link668 link669 link670 link671 link672 link673 link674 link675 link676 link677 link678 link679 link680 link681 link682 link683 link684 link685 link686 link687 link688 link689 link690 link691 link692 link693 link694 link695 link696 link697 link698 link699 link700 link701 link702 link703 link704 link705 link706 link707 link708 link709 link710 link711 link712 link713 link714 link715 link716 link717 link718 link719 link720 link721 link722 link723 link724 link725 link726 link727 link728 link729
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Mogamulizumab: una nuova opzione per il linfoma cutaneo

clinical trial

Un nuovo agente oggetto di ricerca, il mogamulizumab, si è dimostrato promettente per il trattamento dei linfomi cutanei a cellule T (CTLC) in uno studio clinico di fase 3.

I risultati dello studio, denominato MAVORIC, sono stati già sottoposti all'agenzia americana per il farmaco FDA per l'approvazione e sono stati presentati nel corso del congresso annuale 2017 della American Society of Hematology.

Mogamulizumab è un anticorpo monoclonale umanizzato diretto al recettore 4 delle chemochine CC, che è frequentemente espresso nelle cellule leucemiche di alcune neoplasie ematologiche, incluso il linfoma cutaneo a cellule T. In Giappone, il farmaco è già approvato per il trattamento di una'altra malattia rara: la leucemia a cellule T dell'adulto.

Nello studio, mogamulizumab ha raggiunto una sopravvivenza media libera da progressione di 7,7 mesi contro i 3,1 mesi raggiunti con la terapia a base di vorinostat, farmaco approvato da FDA per il linfoma cutaneo a cellule T.

"Questo è il primo studio randomizzato di fase 3 a valutare la sopravvivenza libera da progressione come obiettivo primario per confrontare una nuova terapia sistemica con l'agente approvato da FDA", ha sottolineato l'autore principale Dr. Youn H. Kim, professore di dermatologia e direttore del Multidisciplinary Cutaneous Lymphoma Program presso la Stanford University School of Medicine. "Mogamulizumab si è dimostrato significativamente superiore rispetto a vorinostat nei pazienti con linfoma cutaneo a cellule T già sottoposti a terapia".

Secondo il Dr. Kim, "i risultati dello studio supportano il ruolo di mogamulizumab come efficace opzione terapeutica per i pazienti con linfoma cutaneo a cellule T".

 

Riferimenti:

Youn H. Kim, Martine Bagot, Lauren Pinter-Brown, Alain H. Rook, Pierluigi Porcu,Steven M. Horwitz, Sean Whittaker, Yoshiki Tokura, et al — 817 Anti-CCR4 Monoclonal Antibody, Mogamulizumab, Demonstrates Significant Improvement in PFS Compared to Vorinostat in Patients with Previously Treated Cutaneous T-Cell Lymphoma (CTCL): Results from the Phase III MAVORIC Study, ASH 59th Annual Meeting and Exposition, 9-12 dicembre 2017.