link1022 link1023 link1024 link1025 link1026 link1027 link1028 link1029 link1030 link1031 link1032 link1033 link1034 link1035 link1036 link1037 link1038 link1039 link1040 link1041 link1042 link1043 link1044 link1045 link1046 link1047 link1048 link1049 link1050 link1051 link1052 link1053 link1054 link1055 link1056 link1057 link1058 link1059 link1060 link1061 link1062 link1063 link1064 link1065 link1066 link1067 link1068 link1069 link1070 link1071 link1072 link1073 link1074 link1075 link1076 link1077 link1078 link1079 link1080 link1081 link1082 link1083 link1084 link1085 link1086 link1087 link1088 link1089 link1090 link1091 link1092 link1093 link1094 link1095 link1096 link1097 link1098 link1099 link1100 link1101 link1102 link1103 link1104 link1105 link1106 link1107 link1108 link1109 link1110 link1111 link1112 link1113 link1114 link1115 link1116 link1117 link1118 link1119 link1120 link1121 link1122 link1123 link1124 link1125 link1126 link1127 link1128 link1129 link1130 link1131 link1132 link1133 link1134 link1135 link1136 link1137 link1138 link1139 link1140 link1141 link1142 link1143 link1144 link1145 link1146 link1147 link1148 link1149 link1150 link1151 link1152 link1153 link1154 link1155 link1156 link1157 link1158 link1159 link1160 link1161 link1162 link1163 link1164 link1165 link1166 link1167
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Nuovo farmaco orale contro il pemfigo

pemphigus histopathology

Un inibitore orale reversibile della Bruton tirosin-chinasi, noto come PRN1008, ha mostrato un'efficacia e una sicurezza promettenti per il trattamento del pemfigo volgare in un'analisi ad interim nel contesto di uno studio in corso di fase 2.

"PRN1008 è un farmaco progettato come alternativa alla terapia a lungo termine standard per il pemfigo: mesi o anni di corticosteroidi sistemici, con tutti gli effetti collaterali che questo comporta", ha spiegato la Dr.ssa DeDee Murrell nel corso del congresso annuale della European Academy of Dermatology and Venereology.

Il farmaco, che ha ottenuto lo status di farmaco orfano dalla Food and Drug Administration americana, è stato progettato per rinnovare la funzione delle cellule B senza ridurne il numero. Il PRN1008 è un inibitore altamente potente e selettivo della Bruton tirosina chinasi, un enzima che svolge un ruolo fondamentale nella via di segnalazione fra le cellule B e i recettori delle cellule B presenti sulla maggior parte dei globuli bianchi, ad eccezione delle cellule T.

Pertanto, PRN1008 inibisce una serie di attività a carattere infiammatorio nei mastociti, nei neutrofili e in altre cellule attivate nelle malattie autoimmuni, senza uccidere le cellule stesse e senza influenzare direttamente le cellule T.

"Lo sviluppo di un trattamento orale ad azione rapida che possa modulare in modo sicuro ed efficace la funzione delle cellule B senza diminuirne il numero rappresenta un importante passo avanti nel trattamento di malattie autoimmuni come il pemfigo, la vasculite, la porpora trombocitopenica, la sclerosi multipla e l'artrite reumatoide", ha spiegato la Dr.ssa Murrell, autore principale dello studio e professore di dermatologia presso la University of New South Wales Medican School di Sydney.

Lo studio multicentrico di fase 2 in corso, noto come Believe-PV, ad oggi comprende 12 pazienti con pemfigo volgare da lieve a moderato. Cinque pazienti sono stati diagnosticati di recente e non ancora in terapia, mentre sette presentano malattia recidivante. Tutti sono stati assegnati alla terapia con dose fissa di PRN1008 da 400 mg b.i.d. per 12 settimane, con prednisone a basso dosaggio ove necessario, seguita da ulteriori 12 settimane di sospensione per valutare la durata delle risposte.

L'endpoint primario dello studio è il controllo dell'attività della malattia alla settimana 4, con dosaggi minimi di prednisone ove necessario, ed è stato raggiunto 5 su 12 pazienti. L'endpoint secondario di completa remissione clinica a 12 settimane è stato raggiunto nella metà dei pazienti. I punteggi totali dell'indice di attività della malattia del pemfigo (PDAI) sono diminuiti durante tutto il periodo di studio, raggiungendo una riduzione media del 70% a 12 settimane rispetto al basale.

Gli effetti collaterali sono stati limitati a lieve mal di testa in due pazienti. Un paziente ha sviluppato una grave cellulite di grado 3, che ha determinato la sospensione anche se è stato ritenuto improbabile che l'infezione fosse correlata al trattamento perché il paziente aveva avuto una storia recente di cellulite.

La Dr.ssa Murrell ha osservato che il miglioramento dei punteggi PDAI osservato con PRN1008 nello studio Believe-PV è stato simile a quello osservato in un recente trial randomizzato francese per il trattamento del pemfigo, che ha coinvolto 90 pazienti trattati con rituximab (Rituxan). Il dato è particolarmente interessante, poiché il rituximab è un farmaco molto più potente, che riduce drasticamente la popolazione delle cellule B.

Inoltre, il miglioramento nei pazienti trattati con rituximab nello studio francese è stato raggiunto con l'aiuto di dosi moderate di prednisone (1 o 1,5 mg/kg al giorno), mentre i pazienti trattati con PRN1008 in Believe-PV assumevano in media 0,2 mg/kg di prednisone al giorno.

La Dr.ssa Murrell è consulente presso Principia Biopharma, l'azienda che sta sviluppando PRN1008.