link584 link585 link586 link587 link588 link589 link590 link591 link592 link593 link594 link595 link596 link597 link598 link599 link600 link601 link602 link603 link604 link605 link606 link607 link608 link609 link610 link611 link612 link613 link614 link615 link616 link617 link618 link619 link620 link621 link622 link623 link624 link625 link626 link627 link628 link629 link630 link631 link632 link633 link634 link635 link636 link637 link638 link639 link640 link641 link642 link643 link644 link645 link646 link647 link648 link649 link650 link651 link652 link653 link654 link655 link656 link657 link658 link659 link660 link661 link662 link663 link664 link665 link666 link667 link668 link669 link670 link671 link672 link673 link674 link675 link676 link677 link678 link679 link680 link681 link682 link683 link684 link685 link686 link687 link688 link689 link690 link691 link692 link693 link694 link695 link696 link697 link698 link699 link700 link701 link702 link703 link704 link705 link706 link707 link708 link709 link710 link711 link712 link713 link714 link715 link716 link717 link718 link719 link720 link721 link722 link723 link724 link725 link726 link727 link728 link729
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

La biologia della diversità dei capelli

Hair-DiversityLa diversità dei capelli, per quanto riguarda lo stile, il colore, la forma e il modello di crescita è solo una delle caratteristiche che più ci differenziano. Lo stile naturale contro quello temporaneo è influenzato da ciò che accade ai nostri capelli durante la vita, come la perdita genetica dei capelli, l'improvvisa caduta degli stessi, l'ingrigimento o la perdita patologica dei capelli nelle varie forme di alopecia a causa di fattori genetici, malattie o farmaci.

Nonostante le dimensioni e il valore globale del mercato della cura dei capelli, la nostra conoscenza di ciò che controlla le caratteristiche innate e acquisite della diversità capelli rimane tuttora poco conosciuta. Negli ultimi dieci anni, gli studiosi si sono mossi nel campo della genetica avendo a disposizione gli strumenti per misurare tutti i tratti dei capelli, che quindi sono diventati evidenti e misurabili, ma allo stesso tempo i polimorfismi genetici hanno sollevato nuove questioni molto importanti riguardo la biologia di crescita dei capelli.

La recente scoperta che il gene per la tricoialina contribuisce alla forma dei capelli non è stata una sorpresa per gli studiosi che da oltre 100 anni credono che la forma dei capelli sia legata alla struttura e alla funzione della guaina interna della radice. Altri enigmi in attesa di chiarimenti includono i polimorfismi del recettore degli androgeni (AR) descritti nel modello maschile di alopecia la cui posizione sul cromosoma X pone questo contributo genetico nella linea femminile.

La genetica della perdita dei capelli nel sesso femminile è meno chiara, anche perché i polimorfismi di AR non sono connessi con il modello femminile della perdita dei capelli. Le scelte di vita sono anche implicate nella diversità dei capelli. L'ingrigimento dei capelli, che ha anche una forte componente genetica, è spesso sottoposto all'influenza dello stile di vita (stress) mentre i melanociti dei follicoli piliferi mostrano un declino nella protezione antiossidante con il progredire dell'età e con una più bassa resistenza allo stress.

È probabile che la ricerca sui capelli subirà una rinascita dopo le nuove informazioni fornite dagli studi genetici così come dagli ultimi contributi nel campo dell'epigenetica.

Storia della pubblicazione:

Titolo: The Biology of Hair Diversity

Rivista: International Journal of Cosmetic Science. doi: 10.1111/ics.12041

Autori: Gillian E Westgate, Natalia V Botchkareva, Desmond J Tobin

Affiliazioni: Centre for Skin Sciences, School of Life Sciences, University of Bradford, Bradford, West Yorkshire, UK

Westgate Consultancy Ltd, Stevington, Bedfordshire, UK

Abstract: 

Hair diversity, its style, colour, shape and growth pattern is one of our most defining characteristics. The natural versus temporary style is influenced by what happens to our hair during our lifetime, such as genetic hair loss, sudden hair shedding, graying and pathological hair loss in the various forms of alopecia due to genetics, illness or medication. Despite the size and global value of the hair care market, our knowledge of what controls the innate and within-lifetime characteristics of hair diversity remains poorly understood. In the last decade, drivers of knowledge have moved into the arena of genetics where hair traits are obvious and measurable and genetic polymorphisms are being found that raise valuable questions about the biology of hair growth. The recent discovery that the gene for trichohyalin contributes to hair shape comes as no surprise to the hair biologists who have believed for 100 years that hair shape is linked to the structure and function of the inner root sheath. Further conundrums awaiting elucidation include the polymorphisms in the androgen receptor (AR) described in male pattern alopecia whose location of the AR on the X chromosome places this genetic contributor into the female line. The genetics of female hair loss is less clear with polymorphisms in the AR not associated with female pattern hair loss. Lifestyle choices are also implicated in hair diversity. Graying, which also has a strong genetic component, is often suggested to have a lifestyle (stress) influence and hair follicle melanocytes show declining antioxidant protection with age and lowered resistance to stress. It is likely that hair research will undergo a renaissance on the back of the rising information from genetic studies as well as the latest contributions from the field of epigenetics. 

BP-PB