link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Comorbidità associate alla vitiligine: uno studio retrospettivo di dieci anni

Vitiligo201310071La vitiligine è una comune malattia depigmentante che si associa spesso ad altre malattie autoimmuni; ma ancora oggi non sono disponibili dati su larga scala dei tassi di comorbidità associati alla vitiligine nella popolazione statunitense.

Obiettivi:
Identificare la prevalenza delle comorbidità e delle anomalie agli esami di laboratorio per i pazienti con vitiligine.

Metodi:
Utilizzando un nuovo programma basato sull'intelligenza artificiale, sono stati valutati retrospettivamente tutti i risultati medici dal 1° gennaio 2000 al 21 giugno 2011, nell'ambito del Research Patient Data Repository. Con il codice ICD-9 709.01, sono stati identificati 3,280 pazienti che avevano una diagnosi di vitiligine: abbiamo selezionato casualmente 300 di questi pazienti e convalidato la diagnosi esaminando manualmente le loro cartelle cliniche. Questi risultati sono stati utilizzati per creare un modello che poi è stato applicato al set più ampio, ottenendo 2.441 casi di vitiligine vera. 1,657 (68%) sono stati diagnosticati da dermatologi e 784 (32%) non da dermatologi. Abbiamo identificato la prevalenza delle altre condizioni autoimmuni concomitanti facendo una lista delle problematiche che affliggevano questi pazienti e raccogliendo, per ciascun soggetto, tutti i dati di laboratorio disponibili all'interno del sistema.

Risultati:
Le donne sono state più numerose (57.6%) degli uomini (42.4%). La maggior parte dei pazienti con vitiligine era di origine bianca/caucasica (56.9%), seguita da quella ispanica/latina (19.4%). 565 soggetti (23%) hanno avuto almeno una delle seguenti comorbidità: 287 correlate con la tiroide, 186 con la psoriasi, 72 con l'artrite reumatoide, 59 con l'alopecia areata, 55 con la malattia infiammatoria intestinale, 53 con il lupus sistemico e 20 con il diabete mellito di tipo I. Il 41% ha avuto livelli elevati di anticorpi anti- nucleo. Quasi la metà dei pazienti testati aveva una quantità elevata di anticorpi anti-perossidasi tiroidea. Al contrario, più del 50% dei pazienti esaminati aveva livelli bassi o insufficienti della 25-OH vitamina D.

Conclusione:
Abbiamo trovato un'elevata prevalenza di comorbidità tra gli individui con vitiligine che si sono presentati negli ospedali di Boston, Mass. Nel 23% dei pazienti con vitiligine si sono osservate le condizioni autoimmuni di comorbidità e, tra queste, i disturbi alla tiroide e la psoriasi sono state le più comuni. Pertanto, nei pazienti con vitiligine, dovrebbero essere considerati gli screening per queste condizioni, in particolare per disturbi della tiroide.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Comorbidities Associated with Vitiligo: A Ten-Year Retrospective Study

Rivista: Dermatology (DOI: 10.1159/000354607)

Autori: Sheth V.M. • Guo Y. • Qureshi A.A.

Affiliazioni:

Abstract:
Background: Vitiligo is a common disorder of depigmentation that has been associated with other autoimmune diseases. No recent large-scale data exist on the rates of comorbidities associated with vitiligo from the United States population. Objectives: To identify the prevalence of comorbidities as well as associated laboratory abnormalities in vitiligo patients. Methods: All medical records dating from January 1, 2000 to June 21, 2011 within the Research Patient Data Repository were evaluated retrospectively using a novel artificial intelligence-based computer program. A total of 3,280 patients carrying the diagnosis of vitiligo were identified using ICD-9 code 709.01. We randomly selected 300 patients and validated the diagnosis by manually reviewing their medical records. These results were used to create a model that was then applied to the larger set yielding 2,441 true vitiligo patients. 1,657 (68%) were diagnosed by dermatologists and 784 (32%) by non-dermatologists. We identified the prevalence of other comorbid autoimmune conditions by searching problem lists of vitiligo patients and collected laboratory data from the first available data point in the system for each patient. Results: Women were more frequently represented (57.6%) than men (42.4%). The majority of vitiligo patients were White/Caucasian (56.9%), followed by Hispanic/Latino (19.4%). 565 (23%) had one of the following comorbidities: 287 thyroid-related, 186 psoriasis, 72 rheumatoid arthritis, 59 alopecia areata, 55 inflammatory bowel disease, 53 systemic lupus and 20 type I diabetes mellitus. 41% had elevated anti-nuclear antibody levels. Almost half of the patients tested had elevated thyroid peroxidase antibodies. Over 50% of the patients tested had low or insufficient levels of 25-OH vitamin D. Conclusion: We found a high prevalence of comorbidities among individuals with vitiligo presenting to teaching hospitals in Boston, Mass. Comorbid autoimmune conditions were seen in 23% of vitiligo patients, thyroid disorders and psoriasis being the most common. Screening for these conditions, especially thyroid disorders, should be considered in vitiligo patients.