link1606 link1607 link1608 link1609 link1610 link1611 link1612 link1613 link1614 link1615 link1616 link1617 link1618 link1619 link1620 link1621 link1622 link1623 link1624 link1625 link1626 link1627 link1628 link1629 link1630 link1631 link1632 link1633 link1634 link1635 link1636 link1637 link1638 link1639 link1640 link1641 link1642 link1643 link1644 link1645 link1646 link1647 link1648 link1649 link1650 link1651 link1652 link1653 link1654 link1655 link1656 link1657 link1658 link1659 link1660 link1661 link1662 link1663 link1664 link1665 link1666 link1667 link1668 link1669 link1670 link1671 link1672 link1673 link1674 link1675 link1676 link1677 link1678 link1679 link1680 link1681 link1682 link1683 link1684 link1685 link1686 link1687 link1688 link1689 link1690 link1691 link1692 link1693 link1694 link1695 link1696 link1697 link1698 link1699 link1700 link1701 link1702 link1703 link1704 link1705 link1706 link1707 link1708 link1709 link1710 link1711 link1712 link1713 link1714 link1715 link1716 link1717 link1718 link1719 link1720 link1721 link1722 link1723 link1724 link1725 link1726 link1727 link1728 link1729 link1730 link1731 link1732 link1733 link1734 link1735 link1736 link1737 link1738 link1739 link1740 link1741 link1742 link1743 link1744 link1745 link1746 link1747 link1748 link1749 link1750 link1751
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Inibitore dell'attivatore del plasminogeno-1 funzionalmente stabile in una famiglia con malattia cardiovascolare e vitiligine

cardiovascular-disease-and-vitiligoLa vitiligine è una condizione comune della pelle caratterizzata da ridotta pigmentazione a causa della degenerazione dei melanociti. In questo lavoro abbiamo studiato l'antigene (Ag) e i livelli di attività di PAI-1 in un uomo di 34 anni con un'estesa malattia vascolare, alopecia areata e vitiligine.

Alle 9:00 del mattino, sono stati misurati i livelli di attività e dell'Ag di PAI-1 a digiuno nel soggetto e nei familiari. Sia l'Ag di PAI-1 (67 ± 38 vs. 18.6 ± 6.5 ng/ml, P < 0.001) che i livelli di attività specifica di PAI-1 (15.8 ± 10.0 vs. 7.6 ± 6.0 IU/pmol, P < 0.04) sono risultati moderatamente elevati nei soggetti rispetto ai controlli. Inoltre, gli studi di cinetica hanno dimostrato una stabilità molto maggiore dell'attività plasmatica di PAI-1 nei familiari.

L'attività specifica alle 16:00 è stata significativamente maggiore rispetto ai livelli di attività previsti (0.078 ± 0.072 vs. 0.001 ± 0.001 IU/ng/ml, P < 0.001). Pertanto, anche se non è tuttora noto il meccanismo della maggiore stabilità dell'attività di PAI-1 nella vitiligine, probabilmente questo è dovuto alle modificazioni post-traduzionali o alla maggiore affinità di legame per un cofattore stabilizzante.

In conclusione, pensiamo che la maggiore stabilità di PAI-1 possa contribuire alla patofisiologia della malattia vascolare e alla degenerazione dei melanociti. Il trattamento sistemico o locale con gli inibitori di PAI-1 potrebbe rappresentare un trattamento alternativo.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Functionally stable plasminogen activator inhibitor-1 in a family with cardiovascular disease and vitiligo.

Rivista: J Thromb Thrombolysis. 2013 Nov 7

Autori: Agirbasli M, Eren M, Yasar S, Delil K, Goktay F, Oner ET, Vaughan DE.

Affiliazioni:

Abstract:
Vitiligo is a common skin condition with a complex pathophysiology characterized by the lack of pigmentation due to melanocyte degeneration. In this study, we investigated PAI-1 antigen (Ag) and activity levels in a 34 year old male with extensive vascular disease, alopecia areata and vitiligo. Fasting PAI-1 Ag and activity levels were measured at 9 a.m. in the subject and family members. Both PAI-1 Ag (67 ± 38 vs. 18.6 ± 6.5 ng/ml, P < 0.001) and specific activity (15.8 ± 10.0 vs. 7.6 ± 6.0 IU/pmol, P < 0.04) levels of PAI-1 were moderately elevated in subjects compared to the controls. PAI-1 kinetic studies demonstrated a markedly enhanced stability of plasma PAI-1 activity in the family members. Specific activity at 16 h was significantly higher than expected activity levels (0.078 ± 0.072 vs. 0.001 ± 0.001 IU/ng/ml, P < 0.001). While the exact mechanism of increased stability of PAI-1 activity in vitiligo is not known, it is likely due to post-translational modifications or increased binding affinity for a stabilizing cofactor. In conclusion, enhanced stability of PAI-1 may contribute to the pathophysiology of vascular disease and associated melanocyte degeneration. Systemic or local treatment with PAI-1 inhibitors may offer a potential treatment alternative to the near orphan status for vitiligo drug development.