link1314 link1315 link1316 link1317 link1318 link1319 link1320 link1321 link1322 link1323 link1324 link1325 link1326 link1327 link1328 link1329 link1330 link1331 link1332 link1333 link1334 link1335 link1336 link1337 link1338 link1339 link1340 link1341 link1342 link1343 link1344 link1345 link1346 link1347 link1348 link1349 link1350 link1351 link1352 link1353 link1354 link1355 link1356 link1357 link1358 link1359 link1360 link1361 link1362 link1363 link1364 link1365 link1366 link1367 link1368 link1369 link1370 link1371 link1372 link1373 link1374 link1375 link1376 link1377 link1378 link1379 link1380 link1381 link1382 link1383 link1384 link1385 link1386 link1387 link1388 link1389 link1390 link1391 link1392 link1393 link1394 link1395 link1396 link1397 link1398 link1399 link1400 link1401 link1402 link1403 link1404 link1405 link1406 link1407 link1408 link1409 link1410 link1411 link1412 link1413 link1414 link1415 link1416 link1417 link1418 link1419 link1420 link1421 link1422 link1423 link1424 link1425 link1426 link1427 link1428 link1429 link1430 link1431 link1432 link1433 link1434 link1435 link1436 link1437 link1438 link1439 link1440 link1441 link1442 link1443 link1444 link1445 link1446 link1447 link1448 link1449 link1450 link1451 link1452 link1453 link1454 link1455 link1456 link1457 link1458 link1459
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Radiazione infrarossa per il trattamento della lassità cutanea

skin-laxityI laser e le luci determinano stimoli rigeneranti, di ablazione e contrazione per i tessuti cutanei. Lo scopo di questo studio è stato proprio quello di esaminare l'azione delle luci ad infrarossi nel contesto di trattamento della lassità cutanea del viso e del corpo.

Metodi:
Tra il 2007 e il 2011, è stato condotto uno studio presso il Dipartimento di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva dell'Ospedale San Camillo-Forlanini nel quale sono stati inclusi 303 pazienti sottoposti a terapia laser. Il laser ha operato ad una lunghezza d'onda tra 1100 e 1800 nm. Le aree trattate sono state: il viso, il collo, le sopracciglia, l'addome, le gambe e i glutei.

Risultati:
Durante lo studio non abbiamo notato alcuna complicazione sistemica. In un solo caso, un paziente ha presentato un eritema della durata di tre giorni su entrambe le palpebre inferiori a causa della terapia laser: il soggetto è guarito senza alcuna terapia farmacologica. Non è stato notato alcun episodio di iper- o ipo-pigmentazione della cute. Il grado di soddisfazione dei pazienti è stato diverso a seconda delle aree: per quanto riguarda il lifting del viso, del collo e delle sopracciglia, il 70% dei pazienti ha riferito di essere “molto soddisfatto”, il 10% di essere "soddisfatto" e, infine, il 20% "non soddisfatto”; per quanto riguarda le altre aree: il 40% dei pazienti è stato "molto soddisfatto", il 20% è stato "soddisfatto" e il 40% “non soddisfatto”.

Conclusione:
L'impiego della radiazione infrarossa rappresenta una valida alternativa al lifting chirurgico, ma non può sostituirlo. La tecnica con luce infrarossa si è rivelata utile nel contrastare la lassità cutanea del viso e di altre parti del corpo, inoltre, l'assenza di cicatrici e del rischio chirurgico rende questa tecnica utilizzabile per un gran numero di pazienti.

Storia della pubblicazione:

Titolo: The use of infrared radiation in the treatment of skin laxity

Rivista: Journal of Cosmetic and Laser Therapy. doi:10.3109/14764172.2013.864199

Autori: Marco Felici, Pietro Gentile, Barbara De Angelis, Livia Puccio, Aldo Puglisi, Aldo Felici, Pamela Delogu e Valerio Cervelli

Affiliazioni:San Camillo Hospital, Plastic Surgery, Rome, Italy Department of Plastic and Reconstructive Surgery, University of Rome Tor Vergata, Rome, Italy

Abstract:
Background: Cosmetic surgery and medicine are extremely interesting fields for a plastic surgeon. Lasers and lights determine ablation, contraction and regenerating stimulus in skin tissues. The aim of this study is to examine the use of infrared lights in treating facial and body skin laxity. Methods: Between 2007 and 2011, in the Department of Plastic and Reconstructive Surgery at the Hospital San Camillo-Forlanini, 303 patients were enrolled in the study and underwent laser therapy. The laser operates in wavelength from 1100 to 1800 nm. The treated areas are: face, neck, eyebrows, abdomen, legs and buttocks. Results: We have noticed no systemic complications. A case of a patient with a three days lasting erythema on both lower eyelids caused by laser therapy healed without any pharmacological therapy. Neither hyper- nor hypopigmentation of the skin was found. The satisfaction degree of patients has been: facial, neck and eyebrow lifting “very satisfactory” for 70% of the patients, “satisfactory” for 10%, “unsatisfactory” for 20%; for the other areas it was “very satisfactory” for 40%, “satisfactory” for 20% and “unsatisfactory” for 40%. Conclusion: The use of infrared radiation represents a valid alternative to surgical lifting, but cannot replace it. The infrared light technique used has turned out to be useful in contrasting skin laxity of the face and other parts of the body. The absence of scars and surgical risk makes this technique useable for a large number of patients.