link1314 link1315 link1316 link1317 link1318 link1319 link1320 link1321 link1322 link1323 link1324 link1325 link1326 link1327 link1328 link1329 link1330 link1331 link1332 link1333 link1334 link1335 link1336 link1337 link1338 link1339 link1340 link1341 link1342 link1343 link1344 link1345 link1346 link1347 link1348 link1349 link1350 link1351 link1352 link1353 link1354 link1355 link1356 link1357 link1358 link1359 link1360 link1361 link1362 link1363 link1364 link1365 link1366 link1367 link1368 link1369 link1370 link1371 link1372 link1373 link1374 link1375 link1376 link1377 link1378 link1379 link1380 link1381 link1382 link1383 link1384 link1385 link1386 link1387 link1388 link1389 link1390 link1391 link1392 link1393 link1394 link1395 link1396 link1397 link1398 link1399 link1400 link1401 link1402 link1403 link1404 link1405 link1406 link1407 link1408 link1409 link1410 link1411 link1412 link1413 link1414 link1415 link1416 link1417 link1418 link1419 link1420 link1421 link1422 link1423 link1424 link1425 link1426 link1427 link1428 link1429 link1430 link1431 link1432 link1433 link1434 link1435 link1436 link1437 link1438 link1439 link1440 link1441 link1442 link1443 link1444 link1445 link1446 link1447 link1448 link1449 link1450 link1451 link1452 link1453 link1454 link1455 link1456 link1457 link1458 link1459
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

L’antigene PRAME predice il rischio metastatico del melanoma uveale

eye24

L’antigene PRAME è un fattore predittivo dell’aumento del rischio di metastasi nei pazienti con melanoma uveale di classe I, secondo uno studio pubblicato a marzo su Clinical Cancer Research.

"Se i risultati verranno confermati da ulteriori ricerche, fra le cui uno studio prospettico che coinvolgerà 27 cliniche diverse e che stiamo organizzando al momento, PRAME potrebbe essere usato per il rischio di metastasi nei pazienti con melanoma uveale di classe I", H dichiarato il Dr. J. William Harbour, della University of Miami Miller School of Medicine in Florida. "Questo potrebbe significare una maggiore capacità di monitoraggio sistematico per le metastasi e l'ammissibilità agli studi clinici su terapie adiuvanti".

I melanomi uveali al momento sono suddivisi fra classe I (basso rischio metastatico) e classe II (alto rischio metastatico); per categorizzarli viene impiegato un classificatore basato sull'espressione di 12 geni. Tuttavia, alcuni tumori di classe I vanno comunque incontro a metastasi e i parametri predittivi al momento in uso non sono in grado di prevedere adeguatamente la propensione alla metastasi di questi melanomi.

Nel corso di una ricerca volta ad individuare altri possibili, e più accurati, marcatori del rischio di metastasi per i melanomi uveali di classe I, il team del Dr. Harbour ha identificato PRAME (PReferentially expressed Antigen in MElanoma) come il gene maggiormente sovraespresso nei tumori di classe 1 che vanno incontro a metastasi (P=0.0006).

Su 26 tumori di classe 1 esaminati, tutti e sette i tumori con metastasi hanno mostrato un'elevata espressione di PRAME, mentre 16 su 19 tumori senza metastasi che presentavano un'espressione minima di PRAME (P=0.001).

In altri 64 tumori, lo stato di PRAME ha mostrato una forte associazione lo sviluppo di metastasi: non si sono verificati eventi metastatici nei casi PRAME-negativi, mentre la probabilità di metastasi dopo cinque anni era del 38% per i tumori PRAME-positivi (rispetto al 71% di probabilità metastatica dei tumori di classe II).

L’espressione di PRAME si è anche mostrata correlata ad instabilità cromosomiale in un piccolo sottogruppo di tumori di classe I.

"I nostri risultati suggeriscono che ci sono tre tipologie di melanoma uveale clinicamente rilevanti: classe I/PRAME-negativo, classe I/PRAME-positivo, e classe II", ha spiegato il Dr. Harbour. "I melanomi uveali di classe 2, che presentano quasi sempre mutazioni BAP1, hanno un tasso metastatico del 70%-80% a cinque anni. In oltre il 90% dei casi le metastasi interessano il fegato e raramente rispondono all'immunoterapia con inibitori dei checkpoint immunitari".

I melanomi uveali di classe I con espressione di PRAME presentano raramente mutazioni BAP1 ed hanno il 30% circa di probabilità di portare ad eventi metastatici, essi interessano il fegato in circa il 50% dei casi (anche se la sorveglianza dei siti non epatici potrebbe riverlarsi molto importante) e c’è almeno una motivazione teorica per provare ad impiegare l'immunoterapia in questi casi", ha sottolineato il Dr. Harbour.

I melanomi uveali di classe I senza espressione di PRAME hanno un rischio metastatico a cinque anni inferiore al 5% e per questi pazienti non è necessario ricorrere alla terapia adiuvante, è sufficiente invece impiegare un protocollo di sorveglianza sistemica a bassa intensità".

"Questo tipo di esame prognostico è disponibile tramite la Castle Biosciences con il nome di test DecisionDX-UM, che al momento fornisce una sotto-classificazione dei tumori di classe I in tumori di classe Ia (basso rischio metastatico) e Ib (rischio metastatico intermedio)" ha concluso il Dr. Harbour.

La ricerca è stata finanziata dal National Cancer Institute e da altre organizzazioni. Il Dr. Harbour è un consulente di Castle Biosciences e intestatario della proprietà intellettuale dello studio, il Dr. Harbour è l'inventore del test e riceve diritti d'autore per la sua commercializzazione.

Riferimenti:

Clinical Cancer Research, 1 marzo 2016, 22:1234; doi: 10.1158/1078-0432.CCR-15-2071