link1168 link1169 link1170 link1171 link1172 link1173 link1174 link1175 link1176 link1177 link1178 link1179 link1180 link1181 link1182 link1183 link1184 link1185 link1186 link1187 link1188 link1189 link1190 link1191 link1192 link1193 link1194 link1195 link1196 link1197 link1198 link1199 link1200 link1201 link1202 link1203 link1204 link1205 link1206 link1207 link1208 link1209 link1210 link1211 link1212 link1213 link1214 link1215 link1216 link1217 link1218 link1219 link1220 link1221 link1222 link1223 link1224 link1225 link1226 link1227 link1228 link1229 link1230 link1231 link1232 link1233 link1234 link1235 link1236 link1237 link1238 link1239 link1240 link1241 link1242 link1243 link1244 link1245 link1246 link1247 link1248 link1249 link1250 link1251 link1252 link1253 link1254 link1255 link1256 link1257 link1258 link1259 link1260 link1261 link1262 link1263 link1264 link1265 link1266 link1267 link1268 link1269 link1270 link1271 link1272 link1273 link1274 link1275 link1276 link1277 link1278 link1279 link1280 link1281 link1282 link1283 link1284 link1285 link1286 link1287 link1288 link1289 link1290 link1291 link1292 link1293 link1294 link1295 link1296 link1297 link1298 link1299 link1300 link1301 link1302 link1303 link1304 link1305 link1306 link1307 link1308 link1309 link1310 link1311 link1312 link1313
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Azione collettiva in Giappone contro il vaccino HPV

lawsuit class action

Un gruppo di avvocati giapponesi, in rappresentanza di alcune ragazze e giovani donne colpite da gravi effetti collaterali dopo la vaccinazione HPV, si prepara ad un'azione collettiva contro il governo giapponese e contro le aziende produttrici dei vaccini: Merck e GlaxoSmithKline.

"Molte vittime sono ancora affette da questi effetti collaterali, come dolore continuo accompagnato da disturbi della percezione, del movimento e della memoria", ha dichiarato l'avvocato Masumi Minaguchi, rappresentante del team legale che si prepara a dare il via alla class-action nei prossimi mesi. Secondo quanto riportato dal Japan Times, l'avvocato Minaguchi ha rilasciato questa dichiarazione nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Tokyo il 30 marzo 2016.

Al momento le querelanti sono 12, di età compresa fra i 10 e i 20 anni, ma gli avvocati sono alla ricerca di altre vittime degli effetti collaterali del vaccino, perciò intendono pubblicizzare la questione nel corso di una serie di seminari in programma fra Aprile e Maggio. Il team di avvocati prevede di presentare a GIugno i documenti per dare il via alla causa in quattro distretti: Fukuoka, Nagoya, Osaka, e Tokyo.

Nell'aprile del 2013 il Ministero della Sanità giapponese ha cominciato a raccomandare la vaccinazione contro il papilloma virus alle ragazze di età compresa fra i 12 e i 16 anni come misura preventiva contro il cancro alla cervice, dopo che il Consiglio Nazionale ha rivisto la legislazione relativa alla vaccinazione preventiva. Tuttavia, il ministero ha sospeso la raccomandazione nel giugno del 2013 a seguito di una serie di casi di pazienti che avevano riportato gravi effetti collaterali dopo la vaccinazione.

Il rapporto illustra come, stando ai dati forniti dal Ministero della Sanità, circa 2,59 milioni di ragazze abbiano ricevuto il vaccino Cervarix alla fine del 2014 e di queste 2022 hanno riportato effetti collaterali; per quanto riguarda Gardasil, 790.000 pazienti sono state vaccinate e il numero di casi in cui si sono verificati effetti collaterali è stato di 453.

L'anno scorso, il Ministero della Sanità giapponese ha messo in atto un piano di gestione dei sintomi legati alla vaccinazione HPV, con linee guida per i medici e centri specializzati in tutto il paese.

I casi di effetti collaterali dovuti al vaccino HPV non sono stati limitati al solo Giappone, ma sono stati segnalati anche in molti altri paesi. 

L'anno scorso, la questione è stata esaminata dall'agenzia europea per il farmaco (European Medicines Agency, EMA), che ha concluso che i dati disponibili non supportano l'ipotesi secondo la quale il vaccino causa sindromi dolorose e sindrome da tachicardia posturale ortostatica.

Tuttavia alcuni ricercatori danesi (proprio in Danimarca sono stati riportati i primi casi di effetti collaterali a seguito della vaccinazione) ha messo in discussione l'indagine condotta dall'EMA poiché basata sui soli casi pubblicati ed ha lanciato la propria indagine indipendente nel novembre del 2015.

"Il vaccino HPV si è dimostrato molto sicuro fino ad ora", ha dichiarato il Dr.Tom Shimabukuro, direttore del Dipartimento Vaccinazioni del Center for Disease Control and Prevention (CDC).

Questo tipo di vaccini è stato usato per quasi un decennio. Il primo, il vaccino quadrivalente HPV Gardasil, è stato approvato negli Stati Uniti nel 2006, seguito tre anni dopo dal vaccino bivalente Cervarix e infine dalla versione enneavalente Gardasil 9, approvata nel 2014.

"Negli Stati Uniti sono state somministrate 79 milioni di dosi di vaccino HPV e non è stata riscontrata alcuna associazione fra la vaccinazione e sindromi dolorose atipiche o disfunzioni motorie, tanto negli studi clinici preliminari quanto negli studi post-commercializzazione condotti dal CDC", ha aggiunto il Dr. Shimabukuro.

"La maggior parte degli effetti collaterali legati alla vaccinazione, ossia dolore e arrossamento al sito di iniezione, è di natura lieve e scompare spontaneamente. In casi sporadici, i pazienti possono svenire dopo l'iniezione del vaccino HPV, ma questo accade anche dopo l'iniezione di altri vaccini", ha concluso.