link584 link585 link586 link587 link588 link589 link590 link591 link592 link593 link594 link595 link596 link597 link598 link599 link600 link601 link602 link603 link604 link605 link606 link607 link608 link609 link610 link611 link612 link613 link614 link615 link616 link617 link618 link619 link620 link621 link622 link623 link624 link625 link626 link627 link628 link629 link630 link631 link632 link633 link634 link635 link636 link637 link638 link639 link640 link641 link642 link643 link644 link645 link646 link647 link648 link649 link650 link651 link652 link653 link654 link655 link656 link657 link658 link659 link660 link661 link662 link663 link664 link665 link666 link667 link668 link669 link670 link671 link672 link673 link674 link675 link676 link677 link678 link679 link680 link681 link682 link683 link684 link685 link686 link687 link688 link689 link690 link691 link692 link693 link694 link695 link696 link697 link698 link699 link700 link701 link702 link703 link704 link705 link706 link707 link708 link709 link710 link711 link712 link713 link714 link715 link716 link717 link718 link719 link720 link721 link722 link723 link724 link725 link726 link727 link728 link729
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Vaccini contro il melanoma avanzato

advanced-melanomaLa ricerca mostra che i tumori sono riconosciuti dal sistema immunitario, ma che lo stesso riconoscimento immunitario dei tumori non comporta il rigetto o la regressione uniforme del tumore.

È difficile quantificare il successo o il fallimento del sistema immunitario nell'eliminazione del tumore perché non possiamo prendere in considerazione tutte le variabili di questo processo. Indipendentemente da tale questione, il riconoscimento del tumore da parte del sistema immunitario contiene implicitamente l'idea di antigene tumorale, che è ciò che effettivamente viene riconosciuto.

Abbiamo esaminato l'identità molecolare di tutte le forme di antigeni tumorali (antigeni con specifiche mutazioni, antigeni del cancro al testicolo, antigeni di differenziazione, antigeni sovra-espressi) e abbiamo discusso l'uso di queste molteplici forme di antigeni nell'immunoterapia sperimentale del melanoma umano e murino.

Questi sforzi non hanno avuto successo; tuttavia, gli approcci che non hanno lavorato o che hanno lavorato in un qualche modo sono stati la fonte per nuove intuizioni sull'immunologia del melanoma. Da un esame critico dei vari approcci alla terapia con vaccino si può concludere che le singole mutazioni cancro-specifiche sono veramente l'unica fonte di antigeni cancro-specifici, e quindi, i bersagli più efficaci dell'immunoterapia.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Vaccines against advanced melanoma

Rivista: Clinics in Dermatology. Volume 31, Issue 2 , Pages 179-190, March 2013

Autori: Tatiana Blanchard, Pramod K. Srivastava, ei Duan

Affiliazioni:

Abstract:
Research shows that cancers are recognized by the immune system but that the immune recognition of tumors does not uniformly result in tumor rejection or regression. Quantitating the success or failure of the immune system in tumor elimination is difficult because we do not really know the total numbers of encounters of the immune system with the tumors. Regardless of that important issue, recognition of the tumor by the immune system implicitly contains the idea of the tumor antigen, which is what is actually recognized. We review the molecular identity of all forms of tumor antigens (antigens with specific mutations, cancer-testis antigens, differentiation antigens, over-expressed antigens) and discuss the use of these multiple forms of antigens in experimental immunotherapy of mouse and human melanoma. These efforts have been uniformly unsuccessful; however, the approaches that have not worked or have somewhat worked have been the source of many new insights into melanoma immunology. From a critical review of the various approaches to vaccine therapy we conclude that individual cancer-specific mutations are truly the only sources of cancer-specific antigens, and therefore, the most attractive targets for immunotherapy.