link292 link293 link294 link295 link296 link297 link298 link299 link300 link301 link302 link303 link304 link305 link306 link307 link308 link309 link310 link311 link312 link313 link314 link315 link316 link317 link318 link319 link320 link321 link322 link323 link324 link325 link326 link327 link328 link329 link330 link331 link332 link333 link334 link335 link336 link337 link338 link339 link340 link341 link342 link343 link344 link345 link346 link347 link348 link349 link350 link351 link352 link353 link354 link355 link356 link357 link358 link359 link360 link361 link362 link363 link364 link365 link366 link367 link368 link369 link370 link371 link372 link373 link374 link375 link376 link377 link378 link379 link380 link381 link382 link383 link384 link385 link386 link387 link388 link389 link390 link391 link392 link393 link394 link395 link396 link397 link398 link399 link400 link401 link402 link403 link404 link405 link406 link407 link408 link409 link410 link411 link412 link413 link414 link415 link416 link417 link418 link419 link420 link421 link422 link423 link424 link425 link426 link427 link428 link429 link430 link431 link432 link433 link434 link435 link436 link437
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Vaccino HPV sicuro anche per le donne con patologie autoimmuni

vaccination women

Secondo i risultati di uno studio di recente pubblicazione, le preoccupazioni circa la possibilità che le donne affette da patologie autoimmuni possano svilupparne di nuove a seguito della vaccinazione contro il papilloma virus umano sono infondate.

"È stato spesso suggerito che la somministrazione del vaccino potesse causare lo sviluppo di patologie autoimmuni", spiega l'autore principale dello studio, il Dr. Olof Grönlund, del Karolinska Institut di Stoccolma.

"Tuttavia, non abbiamo osservato alcun aumento del rischio di insorgenza di nuove patologie autoimmuni nelle donne con patologie autoimmuni preesistenti alle quali è stato somministrato il vaccino HPV quadrivalente", ha proseguito.

"I nostri risultati possono essere utili ai medici e alle associazioni che si occupano della sicurezza della vaccinazione HPV in questo segmento della popolazione", si legge nell'articolo pubblicato il 31 luglio nell'edizione online del Journal of Internal Medicine.

Lo studio osservazionale di coorte ha esaminato i dati provenienti da tutte le donne di età compresa tra i 10 ed i 30 anni con una diagnosi di malattia autoimmune, presenti in Svezia tra ottobre 2006 e dicembre 2012.

I soggetti della coorte, che comprendeva 70.265 donne, presentavano almeno una di 49 patologie autoimmuni e sono state vaccinate per mezzo del vaccino quadrivalente Gardasil o per mezzo del vaccino bivalente Cervarix. Il 63% dei soggetti ha concluso la vaccinazione e oltre il 25% ha ricevuto due dosi del vaccino.

Il gruppo di controllo era costituito da donne che non avevano ricevuto nessuno dei due vaccini HPV, per una coorte pari a 245.807 persone-anno nel periodo di follow-up dello studio.

Le donne che avevano ricevuto almeno una dose del vaccino quadrivalente rappresentavano una coorte pari a 7.848 persone-anno nel follow-up relativo al periodo di rischio predefinito (180 giorni dalla somministrazione di una dose di vaccino HPV).

Nella coorte esposta al vaccino, sono stati documentati 124 nuovi casi di patologia autoimmune nel periodo di rischio predefinito, per un tasso di 15,8 nuove diagnosi per 1.000 persone-anno.
Per contrasto, il tasso di nuove diagnosi fra le donne non vaccinate è stato di 22,1 nuove diagnosi per persone-anno.

Dopo aver corretto per le variabili più influenti, il tasso di insorgenza di patologie autoimmuni era più basso del 23% nelle donne esposte al vaccino rispetto a quelle non vaccinate, una differenza non significativa dal punto di vista statistico.

Riferimenti:

Journal of Internal Medicine, edizione online del 31 luglio 2016; doi:10.1111/joim.12535