link292 link293 link294 link295 link296 link297 link298 link299 link300 link301 link302 link303 link304 link305 link306 link307 link308 link309 link310 link311 link312 link313 link314 link315 link316 link317 link318 link319 link320 link321 link322 link323 link324 link325 link326 link327 link328 link329 link330 link331 link332 link333 link334 link335 link336 link337 link338 link339 link340 link341 link342 link343 link344 link345 link346 link347 link348 link349 link350 link351 link352 link353 link354 link355 link356 link357 link358 link359 link360 link361 link362 link363 link364 link365 link366 link367 link368 link369 link370 link371 link372 link373 link374 link375 link376 link377 link378 link379 link380 link381 link382 link383 link384 link385 link386 link387 link388 link389 link390 link391 link392 link393 link394 link395 link396 link397 link398 link399 link400 link401 link402 link403 link404 link405 link406 link407 link408 link409 link410 link411 link412 link413 link414 link415 link416 link417 link418 link419 link420 link421 link422 link423 link424 link425 link426 link427 link428 link429 link430 link431 link432 link433 link434 link435 link436 link437
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Cellulite: diagnosi errate più frequenti del previsto

diagnostic mistake

Un terzo dei pazienti ricoverati con una diagnosi di cellulite sono stati dimessi a seguito di una diagnosi differente, questo quanto si legge in un'analisi retrospettiva. I ricercatori stimano che le diagnosi errate di cellulite siano responsabili di 50.000-130.000 ricoveri non necessari ogni anno.

 "Il nostro studio vuole essere un campanello d'allarme e un mezzo per migliorare la gestione dei pazienti con sospetta cellulite degli arti inferiori", scrivono il Dr. Qing Yu Weng, del dipartimento di Dermatologia del Massachusetts General Hospital di Boston, e colleghi. Lo studio è stato pubblicato il 2 novembre nell'edizione online di JAMA Dermatology.

"È necessario che i dermatologi vengano consultati nei casi di sospetta cellulite, poiché le caratteristiche di questa infezione possono rendere la diagnosi molto complessa, specialmente per i medici non specializzati in dermatologia", hanno commentato il Dr. Sotonye Imadojemu e il Dr. Misha Rosenbach in un editoriale che accompagna la pubblicazione dello studio.

"I mezzi obiettivi per la diagnosi della cellulite, come le colture di campioni prelevati tramite biopsia, vengono impiegati saltuariamente e la diagnosi viene spesso pronunciata a partire dall'analisi della storia clinica del paziente e sulla base del solo esame fisico", scrivono il Dr. Weng e colleghi.

Le diagnosi errate di cellulite portano anche ad un incremento nell'uso di antibiotici: nello studio in oggetto il 92,3% dei pazienti che avevano ricevuto una diagnosi errata di cellulite era stata trattata con antibiotici senza che ce ne fosse la reale necessità.

I ricercatori hanno analizzato le cartelle cliniche di tutti i pazienti adulti ricoverati con una diagnosi di cellulite fra il giugno 2010 e il dicembre 2012 nell'ospedale sede dello studio. Sono stati esclusi i pazienti con ascessi, traumi o che avevano recentemente ricevuto antibiotici per via endovenosa. Dei 259 pazienti inclusi nello studio, il 30,5% aveva ricevuto una diagnosi diversa da quella iniziale prima di essere dimesso dall'ospedale o, al più tardi, entro un mese dal ricovero.

Per quanto riguarda i pazienti che hanno ricevuto una diagnosi errata, l'85% di questi non necessitava di alcun ricovero e il 92% è stato curato con un ciclo di antibiotici non necessario. La durata media del ricovero per questi pazienti è stata di 4,3 giorni. Dopo le dimissioni, il 32% dei pazienti non affetti da cellulite è andato incontro a complicazioni di vario tipo: eruzioni cutanee da farmaci, diarrea o altri disturbo gastrointestinali dovuti alle terapie somministrate loro durante il periodo di ricovero.

"Non possiamo che lodare gli autori di questa analisi, che è riuscita a quantificare la portata, nonché le conseguenze mediche ed economiche di questo diffuso e tuttavia pericoloso errore diagnostico", scrivono il Dr. Imadojemu e il Dr Rosenbach. "Purtroppo i reparti di pronto soccorso fanno ancora un uso limitato dei consulti dermatologici, a dispetto della capacità degli specialisti in Dermatologia di riconoscere facilmente la cellulite da altre patologie simili, come la trombosi venosa profonda o la dermatite allergica e/o da contatto".

Gli autori dello studio stanno lavorando ad un modello predittivo che possa migliorare la precisione diagnostica e aiutare i medici a distinguere la cellulite da altre malattie cutanee a carattere infiammatorio.

I Dr. Imadojemu e Rosenbach concordano sull'utilità di un simile modello: "C'è chi dice che implementare la pratica di richiedere un consulto dermatologico per tutti i casi di sospetta cellulite sia una via impraticabile, ma lo sviluppo di un algoritmo diagnostico e di modelli predittivi affidabili potrebbero mitigare le difficoltà legate all'implementazione di questa pratica"

Riferimenti:

Sotonye Imadojemu, Misha Rosenbach — " Dermatologists Must Take an Active Role in the Diagnosis of Cellulitis". JAMA Dermatology, edizione online del 2 novembre 2016; doi:10.1001/jamadermatol.2016.4230