link1460 link1461 link1462 link1463 link1464 link1465 link1466 link1467 link1468 link1469 link1470 link1471 link1472 link1473 link1474 link1475 link1476 link1477 link1478 link1479 link1480 link1481 link1482 link1483 link1484 link1485 link1486 link1487 link1488 link1489 link1490 link1491 link1492 link1493 link1494 link1495 link1496 link1497 link1498 link1499 link1500 link1501 link1502 link1503 link1504 link1505 link1506 link1507 link1508 link1509 link1510 link1511 link1512 link1513 link1514 link1515 link1516 link1517 link1518 link1519 link1520 link1521 link1522 link1523 link1524 link1525 link1526 link1527 link1528 link1529 link1530 link1531 link1532 link1533 link1534 link1535 link1536 link1537 link1538 link1539 link1540 link1541 link1542 link1543 link1544 link1545 link1546 link1547 link1548 link1549 link1550 link1551 link1552 link1553 link1554 link1555 link1556 link1557 link1558 link1559 link1560 link1561 link1562 link1563 link1564 link1565 link1566 link1567 link1568 link1569 link1570 link1571 link1572 link1573 link1574 link1575 link1576 link1577 link1578 link1579 link1580 link1581 link1582 link1583 link1584 link1585 link1586 link1587 link1588 link1589 link1590 link1591 link1592 link1593 link1594 link1595 link1596 link1597 link1598 link1599 link1600 link1601 link1602 link1603 link1604 link1605
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Dermatoscopia e classificazione di melanomi e lesioni benigne

dermatoscopy closeup

Un gruppo di ricercatori sostiene che la dermatoscopia è in grado di identificare correttamente la cheratosi seborroica, che spesso viene confusa con il melanoma.

La Dr.ssa Cristina Carrera, dell'università di Barcellona in Spagna, e colleghi hanno chiesto a due collaboratori di valutare le immagini dermatoscopiche relative alle lesioni di 134 pazienti in cura presso nove diverse cliniche oncologiche in Spagna, Francia, Italia e Austria. Le immagini e i dati relativi ai pazienti (72 individui di sesso maschile, età media 57 anni) sono state raccolte fra il 2013 e il 2014.

Gli incaricati della valutazione non sono stati informati del fatto che tutte le lesioni sottoposte alla loro analisi fossero melanomi confermati dai dati istopatologici. Dopo aver valutato le descrizioni cliniche e le 48 caratteristiche dermatoscopiche delle 134 immagini e aver classificato ciascuna lesione come cheratosi seborroica o meno, gli esaminatori hanno determinato anche il punteggio dermatoscopico totale e rispetto alla "lista dei sette punti" (seven point checklist ).

Come si legge nell'articolo pubblicato il 29 marzo nell'edizione online di JAMA Dermatology, l'82% delle lesioni presentava caratteristiche dermatoscopiche che suggerivano la diagnosi di melanoma, incluse: rete di pigmento atipica (55,%), velo blu-biancastro (53,7%), punti o globuli irregolari(50,7%), striature irregolari (35,1%) colorazione blu-nera (32,3%).

Il restante 18% dei casi è stato classificato come probabile cheratosi seborroica. Queste lesioni mostravano caratteristiche quali: superficie squamosa e ipercheratosica (33,6%), cheratina giallastra (31,3%), aperture simili a comedoni (30,5%) e cisti simili a grani di milio (22,4%). I campioni avevano un punteggio dermatoscopico medio di 4,7 e un punteggio medio di 4,4 rispetto alla lista dei sette punti. Dal punto dermatoscopico, le cheratosi seborroiche avevano un punteggio dermatoscopico medio di 4,2 e un punteggio medio di 2 rispetto alla lista, che indica generalmente una natura benigna.

I criteri più utili per la corretta classificazione delle cheratosi seborroiche sono stati la presenza del velo blu-biancastro, la presenza di striature e una pigmentazione irregolare. Ulteriori analisi hanno mostrato che soltanto la colorazione blu-nera è stata significativamente associata a una diagnosi corretta, mentre l'ipercheratosi e la presenza di fessure, pieghe e forti demarcazioni sono stati fattori di rischio indipendenti.

La Dr.ssa Carrera ha commentato: "La dermatoscopia è senza dubbio un grande aiuto nella formulazione di una corretta diagnosi per le lesioni cutanee e ne raccomandiamo l'impiego a tutti i professionisti che si occupano di tumori cutanei. Al giorno d'oggi, nessun melanoma dovrebbe essere diagnosticato incorrettamente".

Il problema principale, secondo la Dr.ssa Carrera, è che spesso i medici non sospettano che possa trattarsi di melanoma: "Le cheratosi seborroiche sono così frequenti e così facili da diagnosticare che spesso si tende a passare direttamente al trattamento, anziché esaminarne nel dettaglio le caratteristiche prima di intervenire con l'ablazione o la crioterapia".

La Dr.ssa Carrera ha anche fatto notare che spesso i primi a essere consultati in merito a lesioni cutanee come macchie, tumori e verruche sono medici generici o estetisti: "Chiunque non sia un dermatologo ma si trovi a contatto con lesioni cutanee dovrebbe conoscere le problematiche relative alla diagnosi di melanomi dalle caratteristiche simili a quelle di lesioni totalmente innocue, come la cheratosi seborroica".

 

Riferimenti:

Carrera C, Segura S, Aguilera P, Scalvenzi M, Longo C, Barreiro A, Broganelli P, Cavicchini S, Llambrich A, Zaballos P, Thomas L, Malvehy J, Puig S, Zalaudek I. — Dermoscopic Clues for Diagnosing Melanomas That Resemble Seborrheic Keratosis, JAMA Dermatology, edizione online del 29 marzo 2017; doi:10.1001/jamadermatol.2017.0129