link146 link147 link148 link149 link150 link151 link152 link153 link154 link155 link156 link157 link158 link159 link160 link161 link162 link163 link164 link165 link166 link167 link168 link169 link170 link171 link172 link173 link174 link175 link176 link177 link178 link179 link180 link181 link182 link183 link184 link185 link186 link187 link188 link189 link190 link191 link192 link193 link194 link195 link196 link197 link198 link199 link200 link201 link202 link203 link204 link205 link206 link207 link208 link209 link210 link211 link212 link213 link214 link215 link216 link217 link218 link219 link220 link221 link222 link223 link224 link225 link226 link227 link228 link229 link230 link231 link232 link233 link234 link235 link236 link237 link238 link239 link240 link241 link242 link243 link244 link245 link246 link247 link248 link249 link250 link251 link252 link253 link254 link255 link256 link257 link258 link259 link260 link261 link262 link263 link264 link265 link266 link267 link268 link269 link270 link271 link272 link273 link274 link275 link276 link277 link278 link279 link280 link281 link282 link283 link284 link285 link286 link287 link288 link289 link290 link291
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Vitiligine: trapianto di cellule cutanee per una ripigmentazione duratura

vitiligo autoimmune comorbidities

Un nuovo studio indica che circa la metà dei pazienti con vitiligine sottoposti a trapianto autologo di melanociti-cheratinociti (MKTP) mantiene una significativa ripigmentazione delle aree trattate, a 72 mesi di distanza dal trattamento.

Inoltre, sebbene la maggior parte della ripigmentazione si verifichi durante i primi sei mesi, circa due terzi delle aree trattate hanno subito una progressiva ripigmentazione anche nei 12 mesi successivi al trattamento. La vitiligine segmentale ha risposto meglio al trattamento con MKTP rispetto agli altri tipi, ma fattori come il fototipo, l'età del paziente e la localizzazione delle aree da trattare non hanno avuto alcun impatto significativo sui risultati del trattamento.

"Gli MKTP hanno portato a una ripigmentazione soddisfacente a lungo termine nella maggior parte dei pazienti selezionati", scrivono gli autori, un gruppo di ricercatori provenienti dagli Stati Uniti, dalla Tailandia e dall'Arabia Saudita. "È possibile", aggiungono gli autori, "che questa ripigmentazione a lungo termine possa essere ulteriormente stimolata tramite l'uso di trattamenti adiuvanti (prima e/o dopo il trapianto di MKTP) e correggendo le concentrazioni di melanociti in sospensione".

I risultati dello studio retrospettivo sono stati pubblicati l'11 maggio 2017 nel Journal of the American Academy of Dermatology

"Nessuno può prevedere quanto a lungo durerà la ripigmentazione", ha commentato uno degli autori, il Dr. Iltefat Hamzavi dell'ospedale Henry Ford di Detroit, "Ma la scoperta più interessante è che il trapianto di MKTP rappresenta un'opzione a lungo termine".

Il team di ricercatori ha studiato 63 pazienti che hanno ricevuto 75 trattamenti MKTP per 157 aree cutanee e per i quali sono disponibili dati a lungo termine relativi al follow-up (durata: 12-72 mesi, durata media: 24 mesi). La maggior parte della coorte era composta da individui caucasici (42%), il 33% proveniva dal Sud-Est asiatico, il 10% era afro-americano, il 6% proveniva dall'Asia orientale, il 5% dal Medio Oriente e il 4% era di origini ispaniche. Gli esiti del trattamento sono stati quantificati secondo una scala di valutazione a cinque punti e in base all'indice Vitiligo Area Scoring.

Dopo 24, 48 e 72 mesi dal trattamento con MKTP il 53%, 64% e 53% delle aree trattate hanno mantenuto una percentuale di ripigmentazione di almeno il 75%. La maggior parte delle aree trattate ha mostrato un grado di ripigmentazione del tutto compatibile con le aree circostanti, compreso il 76% delle aree con vitiligine segmentale e l'85% delle aree non colpite da vitiligine segmentale.

Sebbene i pazienti sperassero di ottenere risultati immediati, i risultati presentati dal Dr. Hamzavi e colleghi, dimostrano che i pazienti (e i medici) dovrebbero aspettare da un anno a 18 mesi dopo il trattamento con MKTP per valutarne i risultati. Tuttavia, i risultati dello studio sono incoraggianti e potrebbero rassicurare i pazienti in dubbio sull'efficacia del trattamento, spingendo più individui a sottoporsi a questa procedura ambulatoriale dalla durata variabile fra le 2 e le 4 ore.

Sebbene il trapianto autologo di MKTP rappresenti uno dei migliori approcci nei casi di vitiligine stabile, "l'attenta selezione dei pazienti rimane uno dei requisiti più importanti per il successo di questo trattamento", ha commentato il Dr. Davinder Parsad, del Postgraduate Institute of Medical Education and Research di Chandigarh in India.

 

Riferimenti:

Silpa-Archa, Narumol et al. — Long-term follow-up of patients undergoing autologous noncultured melanocyte-keratinocyte transplantation for vitiligo and other leukodermas, JAMA Dermatology, edizione online dell'11 maggio 2017; http://dx.doi.org/10.1016/j.jaad.2017.01.056