link1168 link1169 link1170 link1171 link1172 link1173 link1174 link1175 link1176 link1177 link1178 link1179 link1180 link1181 link1182 link1183 link1184 link1185 link1186 link1187 link1188 link1189 link1190 link1191 link1192 link1193 link1194 link1195 link1196 link1197 link1198 link1199 link1200 link1201 link1202 link1203 link1204 link1205 link1206 link1207 link1208 link1209 link1210 link1211 link1212 link1213 link1214 link1215 link1216 link1217 link1218 link1219 link1220 link1221 link1222 link1223 link1224 link1225 link1226 link1227 link1228 link1229 link1230 link1231 link1232 link1233 link1234 link1235 link1236 link1237 link1238 link1239 link1240 link1241 link1242 link1243 link1244 link1245 link1246 link1247 link1248 link1249 link1250 link1251 link1252 link1253 link1254 link1255 link1256 link1257 link1258 link1259 link1260 link1261 link1262 link1263 link1264 link1265 link1266 link1267 link1268 link1269 link1270 link1271 link1272 link1273 link1274 link1275 link1276 link1277 link1278 link1279 link1280 link1281 link1282 link1283 link1284 link1285 link1286 link1287 link1288 link1289 link1290 link1291 link1292 link1293 link1294 link1295 link1296 link1297 link1298 link1299 link1300 link1301 link1302 link1303 link1304 link1305 link1306 link1307 link1308 link1309 link1310 link1311 link1312 link1313
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Gonfiore dei linfonodi: linfoma o reazione al tatuaggio?

case study

L'interessante caso di una paziente australiana con sintomatologia compatibile con linfoma, che si è rivelata essere affetta da linfoadenite granulomatosa insorta in seguito a una reazione ai pigmenti da tatuaggio.

Gli autori dell'articolo, pubblicato nell'edizione del 3 ottobre di Annals of Internal Medicine, descrivono il caso di una donna di 30 anni, con ingrossamento bilaterale dei linfonodi protrattosi per oltre due settimane.

L'esame fisico ha confermato la presenza di due masse dalla consistenza gommosa di circa 1,5 cm di diametro nei cavi ascellari della paziente. La paziente presentava anche un tatuaggio di grandi dimensioni sulla schiena, risalente a 15 anni prima, e un secondo tatuaggio, più recente, sulla spalla sinistra.

La tomografia a emissione di positroni ha rivelato molteplici linfonodi ingrossati nelle aree ascellari e mediastiniche, "con un picco di assorbimento standardizzato di 17,7 e dimensioni massime di 13 × 23 mm". I risultati sono stati considerati "indicativi di linfoma", poiché, come spiegato dal Dr. Christian Bryant, coautore dell'articolo e afferente al Royal Prince Alfred Hospital di Sydney, "questo tipo di quadro clinico indica, nel 99% dei casi, un linfoma".

Tuttavia non erano presenti altri sintomi quali febbre, vampate di calore notturne, perdita di peso o problemi respiratori. La paziente è non fumatrice, ha una storia clinica di emicranie e si è sottoposta, circa 10 anni prima, a un intervento di mastoplastica additiva. Inoltre, la paziente non assume alcun medicinale, fatta eccezione per dei contraccettivi ormonali.

Un'aspirazione ad ago fine si è rivelata inconcludente e una successiva biopsia con escissione del nodo ascellare sinistro ha rivelato un nodo nero ingrossato (28 × 17 × 13 mm). L'esame microscopico ha evidenziato che la struttura del nodo era stata sostituita da granulomi epitelioide con cellule giganti multinucleate. Ulteriori analisi alla ricerca di micobatteri, funghi e malignità hanno dato risultati negativi.

È a questo punto che gli autori hanno considerato la possibilità che i pigmenti usati nei tatuaggi potessero aver causato una reazione infiammatoria a carico del derma e dell'epidermide, che può a volte portare a linfoadenopatia locale, come documentato in più casi, fra cui uno in cui la reazione si è verificata a 30 anni di distanza dal tatuaggio. In questi casi, scrivono gli autori, "la linfoadenopatia è stata inizialmente scambiata per un tumore maligno, in particolare per un melanoma".

In un articolo pubblicato a luglio 2015 in Obstetrics & Gynecology viene riferito il caso di una paziente con cancro della cervice in cui il pigmento dei numerosi tatuaggi era migrato nei linfonodi ed era stato, erroneamente, scambiato per metastasi. Altri casi riferiscono della migrazione dell'inchiostro per tatuaggi verso i nodi regionali di pazienti con cancro della mammella, melanoma, seminoma e carcinoma a cellule squamose della vulva.

In un recente articolo, abbiamo visto come i pigmenti usati per i tatuaggi possano migrare dalla pelle ai linfonodi, causando un ingrossamento permanente. La relazione fra tatuaggi e cancro rimane, tuttavia, ancora da chiarire a causa della scarsità di studi sugli effetti a lungo termine dei pigmenti per tatuaggi.

 

Riferimenti:

Othman J., Robbins E., Lau E.M., Mak C., Bryant C. — Tattoo Pigment–Induced Granulomatous Lymphadenopathy Mimicking Lymphoma. Annals of Internal Medicine, edizione online del 3 ottobre 2017; doi: 10.7326/L17-0424

BP-PB