link730 link731 link732 link733 link734 link735 link736 link737 link738 link739 link740 link741 link742 link743 link744 link745 link746 link747 link748 link749 link750 link751 link752 link753 link754 link755 link756 link757 link758 link759 link760 link761 link762 link763 link764 link765 link766 link767 link768 link769 link770 link771 link772 link773 link774 link775 link776 link777 link778 link779 link780 link781 link782 link783 link784 link785 link786 link787 link788 link789 link790 link791 link792 link793 link794 link795 link796 link797 link798 link799 link800 link801 link802 link803 link804 link805 link806 link807 link808 link809 link810 link811 link812 link813 link814 link815 link816 link817 link818 link819 link820 link821 link822 link823 link824 link825 link826 link827 link828 link829 link830 link831 link832 link833 link834 link835 link836 link837 link838 link839 link840 link841 link842 link843 link844 link845 link846 link847 link848 link849 link850 link851 link852 link853 link854 link855 link856 link857 link858 link859 link860 link861 link862 link863 link864 link865 link866 link867 link868 link869 link870 link871 link872 link873 link874 link875
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Epidermolisi bollosa: terapia genica e staminali salvano un bambino di 9 anni

In un articolo pubblicato sul Nature, viene descritto il caso di un bambino che, dopo aver perduto la maggior parte dell'epidermide, è stato curato tramite un trapianto autologo di cellule epidermiche derivate da staminali.

Nel luglio del 2015, il bambino si era presentato all'ospedale pediatrico dell'Università della Ruhr a Bochum, in Germania, con lesioni compatibili con epidermolisi bollosa che interessavano l'80% della superficie corporea e con relative infiammazioni batteriche. Nel giro di pochi giorni, oltre il 60% dell'epidermide era svanita.

"Inizialmente ci siamo adoperati principalmente per tenerlo in vita, ma da subito abbiamo cominciato a cercare metodi che potessero incoraggiare una guarigione naturale delle lesioni, purtroppo senza alcun successo", commenta il Dr. Tobias Hirsch, del centro ustioni dell'ospedale di Bochum. "Dopo due mesi temevamo che non ci fosse più niente da fare e che sarebbe morto, così abbiamo elaborato un piano terapeutico palliativo".

I genitori del bambino, tuttavia, non si sono arresi e hanno continuato a insistere affinché il Dr. Hirsch esaminasse la letteratura medica alla ricerca di una cura. Il Dr. Michele De Luca e colleghi, del centro di Medicina Rigenerativa dell'Università di Modena e Reggio Emilia, avevano pubblicato nel 2006 su Nature Medicine uno studio su caso che riguardava un uomo curato tramite una serie di trapianti cutanei con tessuti coltivati a partire dalle sue stesse cellule staminali, che erano state però modificate per correggere un difetto genetico collegato a una mutazione sul gene LAMB3, lo stesso gene responsabile della condizione del bambino seguito dal Dr. Hirsch.

LAMB3 è uno dei tre geni che codificano una delle proteine che permette a derma ed epidermide di aderire fra loro. Le mutazioni di questo gene sono alla base della patogenesi dell'epidermolisi bollosa, che colpisce oltre mezzo milione di persone in tutto il mondo.

A settembre del 2015, i ricercatori hanno avviato le colture di keratinociti raccolti tramite biopsia di un'area dell'epidermide del paziente non colpita da lesioni e hanno poi usato dei vettori retrovirali per introdurre copie sane del gene LAMB3. "Il processo è molto simile a quello usato per curare le ustioni profonde: effettuare una biopsia, isolare le cellule e coltivarle. L'unica differenza è stata l'introduzione di copie aggiuntive del genere LAMB3, necessario per il funzionamento dell'epidermide", ha spiegato il Dr. De Luca.

A ottobre 2015 i medici hanno effettuato il primo trapianto, che ha interessato gli arti superiori e inferiori, e a novembre si sono occupati della schiena. Nel giro di cinque settimane, le cellule trapiantate hanno coperto oltre l'80% della superficie corporea e la pelle ha cominciato a riacquistare un aspetto normale e una struttura sana. Il paziente ha lasciato l'ospedale nel febbraio 2016 e a distanza di due anni i medici hanno potuto constatare che le condizioni dell'epidermide del ragazzo sono biologicamente e clinicamente ottimali.

"Il trapianto di cellule staminali epidermiche trangeniche è in grado di generare un'epidermide perfettamente funzionante e virtualmente indistinguibile da un'epidermide normale, in assenza di eventi avversi", scrivono i ricercatori, che sottolineano come la loro ricerca potrebbe gettare le basi per lo sviluppo di terapie che combinino terapia genica e terapia staminale.

 

Riferimenti:

Tobias Hirsch, Tobias Rothoeft, Norbert Teig, Johann W. Bauer, Graziella Pellegrini, Laura De Rosa, Davide Scaglione, Julia Reichelt, Alfred Klausegger, Daniela Kneisz, Oriana Romano, Alessia Secone Seconetti, Roberta Contin, Elena Enzo, Irena Jurman, Sonia Carulli, Frank Jacobsen, Thomas Luecke, Marcus Lehnhardt, Meike Fischer, Maximilian Kueckelhaus, Daniela Quaglino, Michele Morgante, Silvio Bicciato, Sergio Bondanza & Michele De Luca — Regeneration of the entire human epidermis using transgenic stem cells, Nature, edizione online dell'8 novembre 2017; doi:10.1038/nature24487