In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

L'obesità è un fattore di rischio indipendente per la rosacea

obesity

L'obesità è stata associata ad un rischio significativamente maggiore di rosacea, in particolare quando il peso ha superato la soglia dell'obesità dopo i 18 anni di età.

I ricercatori hanno valutato i dati relativi alle 89.886 donne che hanno partecipato allo studio Nurses Health Study II fra il 1991 e il 2005 (a 5.249 delle quali è stata diagnostica la rosacea) per determinare se esistesse o meno una correlazione fra indice di massa corporea (BMI) e rischio di rosacea.

Secondo i risultati dello studio, all'aumentare del BMI corrisponde un aumento del rischio di rosacea: rispetto alle partecipanti con un BMI compreso tra 21,0 e 22,9 kg/m2 (normopeso), il rischio di rosacea per quelle con un BMI di 25,0-29,9 (sovrappeso) era più alto dell'11%. Nei soggetti con un BMI di 35 o superiore (obesità) il rischio di rosacea è risultato maggiorato del 48%. I risultati sono stati pubblicati nel numero di dicembre del Journal of American Academy of Dermatology.

Lo studio ha evidenziato che l'associazione tra peso e rosacea è risultata significativa solo dopo i 18 anni di età, a partire dai quali il rischio di rosacea aumenta del 4% per ogni 5 chilogrammi di peso acquisito, anche dopo aver corretto per il BMI.

I ricercatori hanno anche trovato una correlazione significativa tra la circonferenza della vita e il rischio di rosacea, un fattore che è risultato indipendente dal BMI: al più alto quintile di circonferenza della vita + associato un rischio maggiore del 32% di rosacea, rispetto al quintile più basso. Tuttavia non è stata individuata alcuna associazione tra il rapporto vita-fianchi e il rischio di rosacea.

Nel corso dello studio sono emerse associazioni tra il rischio di rosacea e il fumo, l'assunzione di alcool e l'attività fisica, ma nessuno di questi fattori di rischio è risultato incidere sul rapporto tra BMI e rischio di rosacea.

L'autore principale, Dr. Suyun Li della Guangzhou Medical University School of Public Health, e i coautori del dipartimento di Dermatologia della Brown University, sottolineano che i precedenti studi epidemiologici condotti sulla correlazione fra obesità e rosacea hanno dato risultati inconcludenti, mentre gli studi longitudinali si sono concentrati sul solo BMI e hanno ignorato la misurazione dell'obesità centrale.

"Per quanto ne sappiamo, questo è il primo studio di coorte sull'associazione tra obesità e rischio di rosacea", scrivono i ricercatori. "Crediamo che i risultati possano gettare nuova luce sull'eziologia della rosacea e migliorare la pratica clinica in termini di prevenzione e cura dei pazienti affetti da questa condizione".

Gli autori avanzano una serie di ipotesi sui meccanismi che potrebbero legare l'obesità all'aumento del rischio di rosacea, incluso lo stato infiammatorio lieve e cronico associato all'obesità: "L'adiposità può aumentare l'espressione di citochine proinfiammatorie, come IL-6 e il fattore di necrosi tumorale alpha, rilevanti nel quadro fisiopatolologico della rosacea. D'altro canto, i cambiamenti vascolari associati all'obesità potrebbero essere responsabili del fenomeno di vasodilatazione che si osserva nella rosacea".

 

Riferimenti:

Suyun Li, Eunyoung Cho, Aaron M. Drucker, Abrar A. Qureshi, Wen-Qing Li, et al — Obesity and risk for incident rosacea in US women, Journal of the American Academy of Dermatology, edizione online del 21 ottobre 2017; doi:http://dx.doi.org/10.1016/j.jaad.2017.08.032