link1752 link1753 link1754 link1755 link1756 link1757 link1758 link1759 link1760 link1761 link1762 link1763 link1764 link1765 link1766 link1767 link1768 link1769 link1770 link1771 link1772 link1773 link1774 link1775 link1776 link1777 link1778 link1779 link1780 link1781 link1782 link1783 link1784 link1785 link1786 link1787 link1788 link1789 link1790 link1791 link1792 link1793 link1794 link1795 link1796 link1797 link1798 link1799 link1800 link1801 link1802 link1803 link1804 link1805 link1806 link1807 link1808 link1809 link1810 link1811 link1812 link1813 link1814 link1815 link1816 link1817 link1818 link1819 link1820 link1821 link1822 link1823 link1824 link1825 link1826 link1827 link1828 link1829 link1830 link1831 link1832 link1833 link1834 link1835 link1836 link1837 link1838 link1839 link1840 link1841 link1842 link1843 link1844 link1845 link1846 link1847 link1848 link1849 link1850 link1851 link1852 link1853 link1854 link1855 link1856 link1857 link1858 link1859 link1860 link1861 link1862 link1863 link1864 link1865 link1866 link1867 link1868 link1869 link1870 link1871 link1872 link1873 link1874 link1875 link1876 link1877 link1878 link1879 link1880 link1881 link1882 link1883 link1884 link1885 link1886 link1887 link1888 link1889 link1890 link1891 link1892 link1893 link1894 link1895 link1896
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Modelli di depigmentazione della vitiligine non segmentale: uno studio prospettico dei cambiamenti macromorfologici nelle lesioni

Depigmentation-PatternsDi recente sono state fatte molte prove per studiare metodi semplici, obiettivi, precisi e riproducibili di valutazione clinica/non invasiva per la vitiligine non segmentale. Tuttavia, gli studi hanno per lo più considerato i parametri quantitativi o semiquantitativi, quasi trascurando l'aspetto puramente qualitativo delle lesioni da vitiligine in un dato momento e in un periodo di tempo.

Obiettivo: L'obiettivo di questo studio è stato quello di indagare le dinamiche delle alterazioni macromorfologiche che avvengono nelle aree di vitiligine.

Progettazione dello studio: Questo è stato uno studio prospettico di una coorte con vitiligine.

Popolazione di pazienti: Pazienti consecutivi affetti da vitiligine non segmentale.

Metodi: I pazienti con vitiligine non segmentale, inclusi nello studio, sono stati sottoposti ad una visita dermatologica una volta al mese per 12 mesi. Le lesioni da vitiligine sono state fotografate ad ogni visita sia sotto la luce della stanza che sotto la lampada di Wood, e sono state analizzate con un software morfometrico e digitalizzato, in grado di rilevare i cambiamenti quantitativi delle aree bianche. Le immagini raffiguranti i cambiamenti nelle aree sono state osservate per valutare la morfologia clinica.

Risultati: Novanta pazienti sono stati presi in considerazione per l'analisi finale e nel complesso sono state valutate 360 lesioni, 102 delle quali (28.9%) hanno mostrato variazioni delle aree bianche. La valutazione soggettiva ha evidenziato due distinti modelli di depigmentazione, che si sono presentati da soli o in combinazione: (1) una banda nettamente definita con colore intermedio tra il centro depigmentato e la normale pelle circostante, che è stata definita come 'ipopigmentazione marginale;' e (2) macule ipopigmentate/depigmentate, localizzate con precisione e con al centro un follicolo, che abbiamo definito 'depigmentazione perifollicolare.' D'altra parte, è stato rilevato un solo modello di ripigmentazione, già noto come 'ripigmentazione perifollicolare'.

Conclusione: Il processo di depigmentazione nella vitiligine sembra seguire solo due specifici modelli. Questo studio preliminare rappresenta, a nostro avviso, una base importante per la ricerca futura al fine di studiare le dinamiche della patogenesi della vitiligine o di valutare i modelli di depigmentazione/ripigmentazione per il monitoraggio della risposta al trattamento.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Depigmentation Patterns of Nonsegmental Vitiligo: A Prospective Study of Macromorphologic Changes in Lesions

Rivista: American Journal of Clinical Dermatology: published online before print, 28 November 2012. doi: 10.1007/s40257-012-0001-9

Autori: Menchini, Giovanni; Comacchi, Claudio; Cappugi, Pietro; Torchia, Daniele

Affiliazioni: 

Abstract: 

Background: Efforts have been recently made to investigate simple, objective, accurate, and reproducible methods of clinical/noninvasive assessment of nonsegmental vitiligo. However, studies have mostly considered quantitative or semiquantitative parameters, almost neglecting the purely qualitative appearance of vitiligo lesions at a given moment and over time.

Objective: The objective of this study was to investigate the dynamics of macromorphologic alterations taking place within vitiligo patches.

Study Design: This was a prospective study of a vitiligo cohort.

Patient Population: Consecutive patients affected by nonsegmental vitiligo.

Methods: Enrolled patients affected by nonsegmental vitiligo underwent a dermatology visit once monthly for 12 months. Vitiligo lesions were photographed at each visit under both room light and Wood's light, and analyzed via a morphometric, digitalized software capable of detecting quantitative changes of white areas. Pictures depicting changing patches were evaluated in order to assess clinical morphology.

Results: Ninety patients were included for the final analysis and 360 lesions were evaluated, 102 of which (28.9 %) showed changes of white areas. Subjective evaluation highlighted two distinct depigmentation patterns, which were present either alone or in combination: (1) a sharply defined band of intermediate color between the depigmented center and the surrounding normal skin, which was defined as 'marginal hypopigmentation;' and (2) pinpoint hypopigmented/depigmented macules centered by a follicle, which we named 'perifollicular depigmentation.' On the other hand, only one repigmentation pattern was detected, the already known 'perifollicular repigmentation.'

Conclusion: The depigmentation process in vitiligo seems to follow only two specific patterns. This preliminary study represents, in our opinion, a valuable background for future research aiming to investigate the dynamics of vitiligo pathogenesis or assess depigmentation/repigmentation patterns for monitoring treatment response.

 

BP-PB