link584 link585 link586 link587 link588 link589 link590 link591 link592 link593 link594 link595 link596 link597 link598 link599 link600 link601 link602 link603 link604 link605 link606 link607 link608 link609 link610 link611 link612 link613 link614 link615 link616 link617 link618 link619 link620 link621 link622 link623 link624 link625 link626 link627 link628 link629 link630 link631 link632 link633 link634 link635 link636 link637 link638 link639 link640 link641 link642 link643 link644 link645 link646 link647 link648 link649 link650 link651 link652 link653 link654 link655 link656 link657 link658 link659 link660 link661 link662 link663 link664 link665 link666 link667 link668 link669 link670 link671 link672 link673 link674 link675 link676 link677 link678 link679 link680 link681 link682 link683 link684 link685 link686 link687 link688 link689 link690 link691 link692 link693 link694 link695 link696 link697 link698 link699 link700 link701 link702 link703 link704 link705 link706 link707 link708 link709 link710 link711 link712 link713 link714 link715 link716 link717 link718 link719 link720 link721 link722 link723 link724 link725 link726 link727 link728 link729
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Nove su 10 lettini abbronzanti, in Inghilterra, emettono livelli di radiazione ultravioletta che superano i limiti di sicurezza vigenti

sunbedsL'esposizione ai raggi ultravioletti (UV) della luce solare è riconosciuta come causa principale del cancro alla pelle. Inoltre, i lettini abbronzanti sono stati classificati come cancerogeni dall'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro. Nonostante questo, vi è una carenza di dati oggettivi sui livelli di esposizione ai raggi UV dei lettini abbronzanti in Inghilterra.

Obiettivi: Abbiamo deciso di misurare i livelli di emissione UV dei lettini abbronzanti in siti diversi dell'Inghilterra, e di confrontare questi livelli sia con le norme in vigore che con luce solare naturale.

Metodi: Tra l'Ottobre 2010 e il Febbraio 2011, gli spettri UV sono stati misurati in un totale di 402 unità abbronzanti artificiali, in Inghilterra. È stata calibrata la strumentazione di misura, riconducibile al National Physical Laboratory. È stata determinata la conformità alle norme inglesi ed europee, ed è stato utilizzato un fattore di ponderazione per il cancro alla pelle al fine di confrontare il potenziale cancerogeno dei lettini abbronzanti con quello della luce solare.

Risultati: In conformità alla norma europea, l'irradianza efficace sull'eritema non deve essere superiore a 0·3 W m−2. I valori che abbiamo misurato sono stati compresi in un range tra 0·10 e 1·32 W m−2 con una media di 0·56 ± 0·21 W m−2. Solo il 10% dei lettini abbronzanti indagati non aveva il limite consigliato. L'applicazione del fattore di ponderazione per il cancro alla pelle ha prodotto dei valori che variavano da 0·17 to 2·52 W m−2, con una media di 0·99 ± 0·41 W m−2. Il valore comparabile per il sole di mezzogiorno nel Mediterraneo è stato di 0·43 W m−2.

Conclusioni: Nove su 10 lettini abbronzanti, tra quelli sondati in tutta l'Inghilterra, hanno emesso livelli di radiazioni UV superiori a quelli massimi consentiti dalla norma Europea. Inoltre, il rischio di cancro alla pelle per tempi di esposizione comparabili è stato fino a sei volte superiore rispetto alla luce solare mediterranea. Questa situazione è inaccettabile e devono essere messe in atto delle misure di controllo più restrittive.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Nine out of 10 sunbeds in England emit ultraviolet radiation levels that exceed current safety limits

Rivista: British Journal of Dermatology. doi: 10.1111/bjd.12181

Autori: P. Tierney, J. Ferguson, S. Ibbotson, R. Dawe, E. Eadie, H. Moseley

Affiliazioni: The Photobiology Unit, Ninewells Hospital and Medical School, University of Dundee, Dundee DD1 9SY, U.K.

Abstract: 

Background Exposure to ultraviolet (UV) radiation from sunlight is recognized as the principal cause of skin cancer. Moreover, sunbeds have been classified as carcinogenic by the International Agency for Research on Cancer. Despite this, there is a shortage of objective data on UV exposure levels in sunbeds in England.

Objectives We set out to measure UV emission levels in sunbeds at sites around England, and to compare these levels with both current standards and natural sunlight.

Methods Between October 2010 and February 2011, UV spectra were measured on site from a total of 402 artificial tanning units in England. Measurement instrumentation was calibrated, traceable to the National Physical Laboratory. Compliance with the relevant British and European standard was determined, and a skin-cancer weighting factor was used to compare the carcinogenic potential of sunbeds with that of sunlight.

Results For compliance with the European standard, erythemal-effective irradiance should not exceed 0·3 W m−2. The values that we measured ranged between 0·10 and 1·32 W m−2 with a mean of 0·56 ± 0·21 W m−2. Only 10% of sunbeds surveyed were within the recommended limit. Application of the skin-cancer weighting factor produced values that varied from 0·17 to 2·52 W m−2 with a mean of 0·99 ± 0·41 W m−2. The comparable value for Mediterranean noonday sun was 0·43 W m−2.

Conclusions Nine out of 10 sunbeds surveyed throughout England emitted levels of UV radiation that exceed the maximum levels contained within the European standard. Moreover, the skin cancer risk for comparable times of exposure was up to six times higher than that for Mediterranean sunlight. This situation is unacceptable and stricter control measures must be put in place.

BP-PB