link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

La vitiligine e gli autoanticorpi della malattia celiaca

celiac-diseaseLa vitiligine è una malattia acquisita, idiopatica e caratterizzata da macule e placche circoscritte e depigmentate. Anche se non è chiara l'esatta eziologia e patogenesi della vitiligine, nel corso degli anni sono state presentate molte teorie riguardo questo argomento, tanto che la teoria autoimmune rimane oggi quella più accreditata. Da tempo siamo a conoscenza dell'associazione della vitiligine con altre malattie autoimmuni, ma il rapporto tra la vitiligine e la malattia celiaca rimane tuttora controverso. Lo scopo di questo studio è stato quello di indagare la frequenza degli autoanticorpi celiaci in un gruppo di pazienti con vitiligine, confrontati rispetto a soggetti di controllo.

METODI:

Si è trattato di uno studio caso-controllo, cross- sezionale che ha coinvolto 128 persone, 64 pazienti con vitiligine e 64 individui appartenenti al gruppo di controllo. L'età media dei partecipanti è stata di 30.3 ± 14.4 anni. Gli anticorpi IgA anti-endomisio e gli anticorpi IgA anti-glutaminasi sono stati misurati con il metodo ELISA nel siero di tutti i partecipanti e i dati sono stati analizzati con il software SPSS versione 15.

RISULTATI:

Il siero di due pazienti con vitiligine (3.1%) è risultato positivo per questi anticorpi, mentre tutti i soggetti del gruppo di controllo sono risultati sieronegativi per questi anticorpi (P < 0.05). Non vi è stato alcun effetto significativo da parte del sesso e del lavoro sulla sieropositività.

CONCLUSIONE:

Potrebbe esserci una relazione tra la malattia celiaca e la vitiligine. Ciò potrebbe indicare un comune meccanismo autoimmune e potrebbe anche fornire la spiegazione di alcuni rapporti di caso che indicano come le diete prive di glutine siano efficaci per il trattamento di pazienti con vitiligine. Sia il test T e che il test esatto di Fisher non hanno mostrato alcun effetto dell'età, del sesso o del lavoro sulla sieropositività di questi pazienti (P = 0.56 e P = 0.74, rispettivamente).

Storia della pubblicazione:

Titolo: Vitiligo and autoantibodies of celiac disease.

Rivista: Int J Prev Med. 2013 Feb;4(2):200-3.

Autori: Shahmoradi Z, Najafian J, Naeini FF, Fahimipour F.

Affiliazioni:Department of Dermatology, Skin Diseases and Leishmaniasis Research Center, Isfahan University of Medical Sciences, Isfahan, Iran.

Abstract:
BACKGROUND: Vitiligo is an acquired, idiopathic disorder characterized by circumscribed depigmented macules and patches. The exact etiology and pathogenesis of vitiligo is not clear. Many theories have been presented regarding this subject among them aautoimmune theory is the most important one. The association of vitiligo with other autoimmune disorders has been reported, but the relationship between vitiligo and celiac disease is controversial. The aim of this study was to study the frequency of celiac autoantibodies in a group of vitiligo patients compared with control. METHODS: This was a cross sectional case control study that involved 128 individuals, 64 vitiligo patients and 64 individuals as control group. The means age of participants was 30.3 ± 14.4 years. IgA anti Endomysial antibody and IgA anti-glutaminase antibody were measured by ELISA method in the serum of all participants. Data were analyzed by SPSS software version 15. RESULTS: The serum of two vitiligo patients (3.1%) was positive for antibodies. All control groups were seronegative for these antibodies (P < 0.05). There was no significant effect of sex and job on seropositivity. CONCLUSION: There may be a relationship between celiac disease and vitiligo. This may indicate a common basic autoimmune mechanism that is an explanation for few case reports that gluten free diets were effective in the treatment of vitiligo patients. Both T test and exact fisher test showed no effect of age, sex and job on seropositivity of these patients (P = 0.56 and P = 0.74, respectively).

BP-PB