link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Le varianti genetiche del fattore di necrosi tumorale B (TNFB) e la sua espressione aumentata sono associati con una maggiore suscettibilità alla vitiligine

vitiligo-susceptibilityI polimorfismi genetici in TNFB sono coinvolti nella regolazione della sua espressione e sono associati a diverse malattie autoimmuni.
Lo scopo di questo studio è stato proprio quello di determinare se i polimorfismi TNFB +252A/G (rs909253) e l'esone 3 C/A (rs1041981) fossero associati con la suscettibilità alla vitiligine e se l'espressione di TNFB ed ICAM1 avesse un effetto sull'insorgenza della malattia o sulla sua progressione.
In precedenza avevamo riportato il ruolo di TNFA nella patogenesi autoimmune della vitiligine, mentre ora dimostriamo il coinvolgimento di TNFB nella patogenesi della stessa.



I due polimorfismi di TNFB esaminati hanno avuto un forte linkage disequilibrium e si sono associati significativamente con la vitiligine.
I trascritti di TNFB e ICAM1 sono risultati molto aumentati nei pazienti rispetto ai controlli; inoltre, i pazienti con vitiligine attiva hanno mostrato un aumento significativo dei trascritti di TNFB rispetto alla vitiligine stabile.
Anche l'analisi genotipo-fenotipo ha rivelato che i livelli di espressione di TNFB sono stati più elevati nei pazienti con i genotipi GG e AA rispetto ai controlli.

I pazienti con bassa età di insorgenza e le femmine hanno mostrato una maggiore espressione di TNFB e di ICAM1.
Nel complesso, i nostri risultati suggeriscono che i livelli aumentati di trascritti di TNFB nei pazienti con vitiligine possono derivare, almeno in parte, dalle variazioni del livello genetico che a sua volta porta ad una maggiore espressione di ICAM1.
Per la prima volta, abbiamo dimostrato che i polimorfismi TNFB +252A/G e l'esone 3 C/A sono associati con la predisposizione alla vitiligine e questo influenza l'espressione di TNFB ed ICAM1.

Inoltre, lo studio sottolinea l'influenza di TNFB e ICAM1 sulla progressione della malattia, sull'esordio e sul bias di genere per quanto riguarda lo sviluppo della vitiligine.

 

Storia della pubblicazione:

Titolo: Tumor Necrosis Factor B (TNFB) Genetic Variants and Its Increased Expression Are Associated with Vitiligo Susceptibility.

Rivista: PLoS One. 2013 Nov 27;8(11):e81736. doi: 10.1371/journal.pone.0081736.

Autori: Laddha NC, Dwivedi M, Gani AR, Mansuri MS, Begum R.

Affiliazioni:

Abstract:
Genetic polymorphisms in TNFB are involved in the regulation of its expression and are found to be associated with various autoimmune diseases. The aim of the present study was to determine whether TNFB +252A/G (rs909253) and exon 3 C/A (rs1041981) polymorphisms are associated with vitiligo susceptibility, and expression of TNFB and ICAM1 affects the disease onset and progression. We have earlier reported the role of TNFA in autoimmune pathogenesis of vitiligo, and we now show the involvement of TNFB in vitiligo pathogenesis. The two polymorphisms investigated in the TNFB were in strong linkage disequilibrium and significantly associated with vitiligo. TNFB and ICAM1 transcripts were significantly increased in patients compared to controls. Active vitiligo patients showed significant increase in TNFB transcripts compared to stable vitiligo. The genotype-phenotype analysis revealed that TNFB expression levels were higher in patients with GG and AA genotypes as compared to controls. Patients with the early age of onset and female patients showed higher TNFB and ICAM1 expression. Overall, our findings suggest that the increased TNFB transcript levels in vitiligo patients could result, at least in part, from variations at the genetic level which in turn leads to increased ICAM1 expression. For the first time, we show that TNFB +252A/G and exon 3 C/A polymorphisms are associated with vitiligo susceptibility and influence the TNFB and ICAM1 expression. Moreover, the study also emphasizes influence of TNFB and ICAM1 on the disease progression, onset and gender bias for developing vitiligo.