link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Associazione tra l'assunzione di acidi grassi polinsaturi n-3 e la gravità del foto-invecchiamento della pelle in una popolazione caucasica di mezza età

polyunsaturated-fatty-acidDa molto tempo siamo a conoscenza che l'assunzione di acidi grassi polinsaturi (PUFAs) n-3 a catena lunga si associa ad una ridotta sensibilità eritemica agli UVB, ma finora non è mai stata studiata la loro relazione con il foto-invecchiamento.



Obiettivo
Studiare l'associazione tra l'assunzione giornaliera dei PUFA n-3 e la gravità del foto-invecchiamento cutaneo.

Metodi
È stato condotto uno studio cross-sezionale su 2919 soggetti di età compresa tra i 45 e i 60 anni provenienti della coorte SU.VI.MAX. Al basale, alcuni ricercatori addestrati hanno classificato la gravità del foto-invecchiamento del viso utilizzando, durante la valutazione clinica, una scala validata con 6 gradi. È stata valutata anche l'assunzione dell'acido α-linolenico (ALA), eicosapentaenoico (EPA), docosapentaenoico (DPA) e dell'acido docosaesaenoico (DHA) dalle fonti alimentari impiegando, durante i primi due anni e mezzo di follow-up, dieci questionari per registrare la dieta nelle 24 h.

Risultati
Dopo l'aggiustamento per i possibili fattori confondenti, abbiamo trovato che il foto-invecchiamento grave si associa inversamente alla maggiore assunzione di ALA negli uomini e ad una maggiore assunzione di EPA nelle donne. Quando si considerano le diverse fonti alimentari di ALA per gli uomini, ne risulta un'associazione inversa tra il foto-invecchiamento grave e gli ALA degli oli vegetali, nonché con gli ALA della frutta e della verdura; mentre non si osserva alcuna associazione con gli ALA dei latticini. Inoltre nelle donne abbiamo scoperto che gli ALA provenienti dagli oli vegetali si legano inversamente al foto-invecchiamento.

Conclusioni
Questi risultati suggeriscono un possibile effetto beneficio dei PUFAs n-3 sull'invecchiamento cutaneo. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi epidemiologici per confermare i nostri risultati e per acquisire ulteriori conoscenze dei meccanismi sottostanti.

 

Storia della pubblicazione:

Titolo: Association between dietary intake of n-3 polyunsaturated fatty acids and severity of skin photoaging in a middle-aged Caucasian population

Rivista: Journal of Dermatological Science. Volume 72, Issue 3 , Pages 233-239, December 2013

Autori: Julie Latreille, Emmanuelle Kesse-Guyot, Denis Malvy, Valentina Andreeva, Pilar Galan, Erwin Tschachler, Serge Hercberg, Christiane Guinot, Khaled Ezzedine

Affiliazioni:CE.R.I.E.S. (Research Centre on Human Skin of CHANEL), Neuilly sur Seine, France UMR U, INSERM/U INRA/CNAM, University Paris /Centre of Research on Human Nutrition Ile de France, Paris/Bobigny, France

Abstract:
Background Intake of long-chain n-3 polyunsaturated fatty acid (PUFAs) supplementation has been reported to be associated with reduced UVB-erythemal sensitivity, but their relationship to photoaging has not been studied to date. Objective To investigate associations between daily n-3 PUFA intake and the severity of skin photoaging. Methods A cross-sectional study was conducted on 2919 subjects aged 45–60 years from the SU.VI.MAX cohort. At baseline, trained investigators graded the severity of facial skin photoaging using a validated 6-grade scale during a clinical examination. Intake of α-linolenic (ALA), eicosapentaenoic (EPA), docosapentaenoic (DPA), and docosahexaenoic acids (DHA) were evaluated by dietary source using ten 24-h dietary record questionnaires during the first 2.5 years of the follow-up period. Results After adjustment for possible confounders, severe photoaging was found to be inversely associated with higher intake of ALA in men and with higher intake of EPA in women. When considering the different food sources of ALA for men, an inverse association appeared between severe photoaging and ALA from vegetable oils, as well as with ALA from fruit and vegetables, whereas no association was observed for ALA from dairy products. In women, ALA from vegetable oils also tended to be inversely linked to photoaging. Conclusions These findings suggest a possible benefit effect of n-3 PUFAs on skin aging. Nonetheless, further epidemiological studies are necessary to confirm our results and to gain additional insights into underlying mechanisms.