link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Catepsina S, un nuovo biomarcatore del prurito nella valutazione clinica della forfora/dermatite seborroica

dandruffLa forfora/dermatite seborroica (D/SD) è caratterizzata dalla colonizzazione da parte di Malassezia e da un'alterata funzione di barriera con conseguente infiammazione, che è responsabile della forfora e del prurito.
L'istamina è uno dei biomarcatori del prurito che vengono usati più frequentemente per monitorare l'efficacia del trattamento; tuttavia non si conosce ancora l'esatto meccanismo che porta alla liberazione dell'istamina e quindi al prurito : alcuni studi suggeriscono che potrebbe essere coinvolta la catepsina S, un attivatore del recettore attivato da proteasi-2 (PAR2).
Lo scopo di questo studio è stato quello di valutare i livelli della catepsina S, di PAR2 e dell'istamina nei pazienti con D/SD rispetto ai soggetti sani mediante un campionamento non invasivo del cuoio capelluto, e di correlare questi marcatori con i parametri clinici di D/SD.

Rispetto ai soggetti sani, è stato osservato un aumento significativo dei tre marcatori biologici nel gruppo con D/SD e questi marcatori si sono correlati anche con i parametri clinici.
In conclusione, la catepsina S potrebbe rappresentare un potenziale marker del prurito nel D/SD e potrebbe contribuire a valutare l'effetto dei trattamenti.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Cathepsin S, a new pruritus biomarker in clinical dandruff/seborrheic dermatitis evaluation

Rivista: Experimental Dermatology. doi: 10.1111/exd.12357

Autori: C. Viodé, O. Lejeune, V. Turlier, A. Rouquier, C. Casas, V. Mengeaud, D. Redoulès, A.M. Schmitt

Affiliazioni:Pierre Fabre Dermo-Cosmétique, Pierre Fabre Applied Skin Research Centre, Toulouse, France

Abstract:
Dandruff/Seborrheic dermatitis (D/SD) is characterized by Malassezia colonization, impaired barrier function with subsequent inflammation, resulting in dandruff and itching. Histamine is one of the biomarkers of pruritus now widely used in treatment efficacy trials. The exact mechanism leading to histamine release and pruritus is not yet clear. However, it could involve cathepsin S, an activator of proteinase- activated receptor-2 (PAR2). The purpose of this study was to evaluate the levels of cathepsin S, PAR2 and histamine in patients with D/SD compared to healthy subjects through non-invasive sampling of the scalp, and to correlate those markers with D/SD clinical parameters. A significant increase in the three biological markers was observed in the D/SD group vs healthy subjects and those markers were correlated with clinical parameters. In conclusion, cathepsin S could be a potential marker of pruritus in D/SD and could help assessing the effect of treatments.

BP-PB