link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

La protezione della pelle dalla luce dopo terapia fotodinamica riduce l'infiammazione

photodynamic-therapy-5Uno studio controllato e randomizzato

La terapia fotodinamica (PDT) è seguita da una significativa infiammazione; infatti, la protoporfirina IX (PpIX) viene ancora prodotta nella pelle a seguito di PDT ed i pazienti sono sensibili alla luce solare anche dopo 24-48 ore dal trattamento. Quindi, l'esposizione alla luce solare dopo PDT può aumentare l'infiammazione.

Obiettivi
Studiare se la protezione con crema solare inorganica, fondotinta o maschera bloccante la luce può ridurre l'infiammazione dopo PDT (per attivazione della PpIX mediante la luce).

Metodi
Sul braccio destro di 15 soggetti con pelle danneggiata dal sole sono stati identificati quattro quadrati uguali (3×3 cm) e vi è stato applicato il trattamento convenzionale con PDT. Subito dopo l'illuminazione a luci rosse, i quadrati sono stati protetti o meno con la crema solare inorganica (SPF50), il fondotinta (SPF50), o con la maschera bloccante la luce. Successivamente, la pelle è stata illuminata con luce artificiale per due ore e poi ulteriormente coperta per altre 24 ore. Con una telecamera a fluorescenza e un misuratore di riflessione sono stati misurati i gradi di fluorescenza e di eritema (infiammazione).

Risultati
La PpIX è risultata significativamente ridotta dopo illuminazione con luce artificiale (P < 0•0004), tranne che sui quadrati protetti dalla maschera all'argento bloccante la luce dove invece è aumentata (P = 0•09). L'aumento dell'eritema dopo 24 ore dal trattamento è stato ridotto del 19% con la protezione solare (P = 0•29), del 27% con il fondotinta (P = 0•10) e del 44% con la maschera all'argento (P = 0•002).

Conclusioni
L'esposizione alla luce artificiale dopo PDT convenzionale aumenta l'eritema cutaneo. La maschera bloccante la luce offre una protezione più efficace contro l'esposizione diurna post-PDT, sia rispetto alla crema solare inorganica che al fondotinta. In pratica, la protezione completa può essere ottenuta mediante l'uso di presidi bloccanti la luce solare o evitando l'esposizione solare per almeno 24 ore.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Light protection of the skin after photodynamic therapy reduces inflammation; an unblinded randomized controlled study

Rivista: British Journal of Dermatology. doi: 10.1111/bjd.12882

Autori: B. Petersen, S.R. Wiegell, H.C. Wulf

Affiliazioni:Department of Dermatology, Bispebjerg Hospital, University of Copenhagen, DK

Abstract:
Background Photodynamic therapy (PDT) is followed by significant inflammation. Protoporphyrin IX (PpIX) is still formed in the skin after PDT and patients are sensitive to daylight 24–48 hours after treatment. Exposure to daylight after PDT may therefore increase inflammation. Objectives To investigate if protection with inorganic sunscreen, foundation or light blocking plaster after PDT can reduce inflammation caused by daylight-activated PpIX. Methods On the right arm of 15 subjects with sun damaged skin four identical squares (3×3 cm) were given conventional PDT treatment. Immediately after red-light illumination the squares were either left unprotected or protected by inorganic sunscreen (SPF50), foundation (SPF50), or light- blocking plaster. The skin was then illuminated with artificial daylight for two hours and afterwards covered for 24 hours. Fluorescence and erythema (inflammation) were measured with a fluorescence camera and a reflectance meter. Results PpIX was significantly reduced after artificial daylight illumination (P < 0•0004), except on the square protected with light-blocking silver plaster, where it had increased (P = 0•09). The erythema increase 24 hours after treatment was reduced by 19% with the sunscreen (P = 0•29), by 27% with the foundation (P = 0•10), and by 44% with the silver plaster (P = 0•002). Conclusions Artificial daylight exposure after conventional PDT increases skin erythema. Light-blocking plaster gives more effective protection against post-PDT daylight exposure than inorganic sunscreen and foundation. In practice such a full protection can be achieved by use of sun-blocking clothes or daylight avoidance for 24 hours.

BP-PB