link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Studio di fase IIa randomizzato e controllato con placebo della terapia fotodinamica antimicrobica applicata all'ulcera della gamba e all'ulcera del piede diabetico, entrambe croniche e colonizzate dai batteri. Un nuovo approccio alla terapia antimicrobic

antimicrobial-therapyCon i crescenti problemi di resistenza agli antibiotici, la terapia fotodinamica (PDT) si è portata avanti come un nuovo trattamento antimicrobico. Dopo l'attivazione della luce, il fotosensibilizzante cationico 3,7-bis(di-n-butilamino) fenotiazine-5-io bromuro (PPA904) uccide un ampio spettro di batteri in vitro e questo ha un'ampia varietà di potenziali applicazioni cliniche.

Obiettivi: Determinare se la PDT applicata alle ulcere della gamba e alle ulcere del piede diabetico, croniche e colonizzate dai batteri, può ridurre la carica batterica,e può portare ad un'accelerata guarigione delle ferite.

Metodi: 16 pazienti con ulcere croniche della gamba e 16 pazienti con ulcere del piede diabetico (in ognuno 8 trattamenti attivi/8 placebo) sono stati reclutati per questo studio in cieco, randomizzato, controllato con placebo, in singolo trattamento e di Fase IIa. Tutti i pazienti presentavano ulcere da almeno 3 mesi, colonizzate dai batteri con >104 cfu/ml. Dopo aver valutato quantitativamente la carica batterica prima del trattamento tramite un tampone, è stato applicato localmente PPA904 o placebo sulle ferite per 15 minuti, seguito immediatamente da 50 J/cm2 di luce rossa; dopodiché la ferita è stata di nuovo campionata per l'esame microbiologico quantitativo. La zona della ferita è stata misurata fino a 3 mesi dopo il trattamento.

Risultati: Il trattamento è stato ben tollerato, senza segnalazioni di dolore o di altri argomenti di sicurezza. Al contrario del placebo, i pazienti sottoposti al trattamento attivo hanno mostrato una riduzione della carica batterica immediatamente dopo il trattamento (p<0.001). Dopo 3 mesi, il 50% (4 su 8) dei pazienti con ulcera cronica della gamba attivamente trattati ha mostrato una completa guarigione, rispetto al 12.5% (1 su 8) dei pazienti trattati con placebo.

Conclusioni: Questo primo studio controllato di PDT nelle ferite croniche ha dimostrato una significativa riduzione della carica batterica. È stata osservata una tendenza evidente verso la guarigione delle ferite; è indicato, comunque, un ulteriore studio verso questo ambito che comprenda un maggiore numero di pazienti.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Phase IIa randomised, placebo-controlled study of antimicrobial photodynamic therapy in bacterially colonised, chronic leg ulcers and diabetic foot ulcers. A new approach to antimicrobial therapy

Rivista: British Journal of Dermatology. doi: 10.1111/bjd.12098

Autori: S. Morley, J. Griffiths, G. Philips, H. Moseley, C. O'Grady, K. Mellish, C.L. Lankester, B. Faris, R.J. Young, S.B. Brown, L.E. Rhodes

Affiliazioni: Ninewells Hospital, University of Dundee, UK

University of Leeds, UK

Photopharmica Ltd, Leeds, UK

Salford Royal NHS Foundation Trust and University of Manchester, Manchester Academic Health Science Centre, Manchester, UK

Abstract: 

Background: With increasing problems of antibiotic-resistance, photodynamic therapy (PDT) is being developed as a novel anti-microbial treatment. Following light activation, cationic photosensitiser 3,7-Bis(di-n-butylamino) phenothiazin-5-ium bromide (PPA904) kills a broad spectrum of bacteria in vitro and this has a variety of potential clinical applications.

Objectives: To determine if PDT in bacterially colonised chronic leg ulcers and chronic diabetic foot ulcers can reduce bacterial load, and potentially lead to accelerated wound healing.

Methods: 16 patients with chronic leg ulcers and 16 patients with diabetic foot ulcers (each 8 active treatment/8 placebo) were recruited into a blinded, randomised, placebo-controlled, single treatment, Phase IIa trial. All patients had ulcer duration >3 months, bacterially colonised with >104 cfu/ml. After quantitatively assessing pre-treatment bacterial load via swabbing, PPA904 or placebo was applied topically to wounds for 15 minutes, followed immediately by 50 J/cm2 of red light and the wound again sampled for quantitative microbiology. Wound area was measured for up to 3 months following treatment.

Results: Treatment was well tolerated with no reports of pain or other safety issues. In contrast to placebo, patients on active treatment showed a reduction in bacterial load immediately post-treatment (p<0.001). After 3 months, 50% (4 of 8) of actively treated chronic leg ulcer patients showed complete healing, compared to 12.5% (1 of 8) placebo patients.

Conclusions: This first controlled study of PDT in chronic wounds demonstrated significant reduction in bacterial load. An apparent trend towards wound healing was observed; further study of this aspect with larger patient numbers is indicated.