link584 link585 link586 link587 link588 link589 link590 link591 link592 link593 link594 link595 link596 link597 link598 link599 link600 link601 link602 link603 link604 link605 link606 link607 link608 link609 link610 link611 link612 link613 link614 link615 link616 link617 link618 link619 link620 link621 link622 link623 link624 link625 link626 link627 link628 link629 link630 link631 link632 link633 link634 link635 link636 link637 link638 link639 link640 link641 link642 link643 link644 link645 link646 link647 link648 link649 link650 link651 link652 link653 link654 link655 link656 link657 link658 link659 link660 link661 link662 link663 link664 link665 link666 link667 link668 link669 link670 link671 link672 link673 link674 link675 link676 link677 link678 link679 link680 link681 link682 link683 link684 link685 link686 link687 link688 link689 link690 link691 link692 link693 link694 link695 link696 link697 link698 link699 link700 link701 link702 link703 link704 link705 link706 link707 link708 link709 link710 link711 link712 link713 link714 link715 link716 link717 link718 link719 link720 link721 link722 link723 link724 link725 link726 link727 link728 link729
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Possono le tetracicline e l'eritromicina esercitare un effetto antiacne inibendo la degradazione dell'acido retinoico mediata da P450?

antiacne-effectsPer decenni, si è creduto che l'acido retinoico (RA) fosse l'opzione terapeutica più potente nella terapia dell'acne e, a lungo, si è discusso il possibile ruolo dell'omeostasi alterata dei retinoidi endogeni nel contesto della patogenesi dell'acne. Oltre ai retinoidi, anche gli antibiotici come le tetracicline o l'eritromicina sono ben conosciuti nella farmacoterapia dell'acne.

Le prove cliniche a sostegno della presenza di comuni vie molecolari sono state rivolte sia verso RA che verso gli antibiotici antiacne: tuttavia, non è stato ancora identificato il “denominatore comune” tra questi agenti, molto diversi dal punto di vista chimico. È interessante notare come le tetracicline siano associate con l'insorgenza dello pseudotumor cerebri, un raro effetto collaterale neurologico altrimenti associato con l'intossicazione da retinoidi o l'esposizione ad RA. Questa associazione a livello clinico, suggerisce un'interazione tra le tetracicline e la segnalazione di RA endogeno. Poiché l'eritromicina non attraversa la barriera ematoencefalica, non ci aspettiamo effetti collaterali a livello del SNC, anche se questo non esclude una possibile interazione locale dell'eritromicina con il metabolismo dell'RA endogeno nella pelle. Ipotesi Ipotizziamo che le tetracicline e l'eritromicina possano inibire localmente il metabolismo dell'RA endogeno nella pelle e che questo possa mimare l'azione terapeutica di RA.

Risultati
Questa ipotesi facilmente verificabile suggerisce un'inibizione del metabolismo dell'RA endogeno e l'amplificazione della via di segnalazione dell'RA endogeno come meccanismo alla base delle azioni biochimiche degli antibiotici nella terapia dell'acne. L'ulteriore chiarimento di queste interazioni potrà, in definitiva, migliorare la nostra comprensione della terapia e della patogenesi dell'acne, ma potrà anche fornire le basi scientifiche per lo sviluppo di nuovi composti terapeutici.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Do tetracyclines and erythromycin exert antiacne effects by inhibition of P450- mediated degradation of retinoic acid?

Rivista: Experimental Dermatology. doi: 10.1111/exd.12358

Autori: Julian Hellmann-Regen, Irmelin Herzog, Norina Fischer, Isabella Heuser e Francesca Regen

Affiliazioni:Clinical Neurobiology, Dept. of Psychiatry, Charité, Berlin, Germany

Abstract:
Background For decades, retinoic acid (RA) is known as the most potent therapeutic option in the therapy of acne and altered homeostasis of endogenous retinoids has been discussed in the context of acne pathogenesis. Besides retinoids, antibiotics such as tetracyclines or erythromycin are well-established in acne pharmacotherapy. Accumulating evidence points towards common molecular pathways being targeted by both, RA and antiacne antibiotics, however, a precise “common denominator” connecting these chemically diverse antiacne agents has not yet been identified. Interestingly, tetracyclines are associated with the occurrence of pseudotumor cerebri, a rare neurological side effect otherwise associated with retinoid intoxication or RA exposure. This association at the clinical level suggests an interaction between tetracyclines and endogenous RA signaling. As erythromycin does not cross the blood brain barrier, CNS side effects are not to be expected, yet not precluding a possible local interaction of erythromycin with endogenous RA metabolism in the skin. Hypothesis We hypothesize tetracyclines and erythromycin to locally inhibit endogenous RA metabolism in the skin and thus mimic therapeutic action of RA. Relevance This readily testable hypothesis suggests inhibition of endogenous RA metabolism and amplification of endogenous RA signaling as a mechanism underlying the biochemical actions of antibiotics in acne therapy. Elucidation of such interactions may ultimately enhance our understanding of acne therapy and pathogenesis and may yield a sound, scientific basis for hypothesis-driven development of novel therapeutic compounds.

BP-PB