link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Miosite focale degli arti inferiori sensibile alla tossina botulinica di tipo A

Focal-myositisLa miosite focale è una malattia rara perlopiù benigna (pseudotumorale) del muscolo scheletrico, caratterizzata — da un punto di vista istopatologico — da una miosite interstiziale e da un allargamento tumorale di un singolo muscolo.
Ancora oggi non è chiara l'esatta eziologia della miosite focale; tuttavia, si pesa che la miopatia localizzata possa essere causata da lesioni di denervazione.
In questo articolo viene descritto il caso di un paziente che si è presentato con le caratteristiche cliniche, di laboratorio, elettromioneurografiche e di risonanza magnetica della miosite focale, complicata da una protrusione del disco intervertebrale nella spina dorsale lombosacrale e con associato un dolore radicolare.

Nella maggior parte dei casi, le lesioni della miosite focale sono andate incontro ad una regressione spontanea, le recidive sono state rare e la prognosi a lungo termine è stata buona.
Per questa malattia è disponibile un ampio spettro di opzioni terapeutiche: può non essere fatta alcuna terapia, possono essere utilizzati i farmaci antireumatici non steroidei e i glucocorticoidi, fino ad arrivare alla radioterapia, all'escissione chirurgica e all'impiego di immunosoppressori.
Nel paziente di riferimento, il trattamento con glucocorticoidi, metotressato e asportazione chirurgica non è riuscito a produrre risultati soddisfacenti.

Al contrario, con l'infiltrazione locale di tossina botulinica di tipo A, è stato ottenuto un miglioramento clinico, il sollievo dal dolore nonché la riduzione di volume della gamba inferiore.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Focal myositis of lower extremity responsive to botulinum a toxin.

Rivista: Clin Neuropharmacol. 2014 Mar-Apr;37(2):55-7. doi: 10.1097/WNF.0000000000000019.

Autori: Mitrovic J, Prka Z, Zic R, Marusic S, Morovic-Vergles J.

Affiliazioni:Divisions of Clinical Immunology and Rheumatology and †Hematology, Department of Internal Medicine, ‡Department of Plastic, Reconstructive and Aesthetic Surgery, and §Division of Clinical Pharmacology, Department of Internal Medicine, University Hospital Dubrava, Zagreb, Croatia

Abstract:
Focal myositis is a rare, mostly benign disease (pseudotumor) of skeletal muscle, histopathologically characterized by interstitial myositis and tumorous enlargement of a single muscle. The etiology of focal myositis remains unknown; however, localized myopathy has been postulated to be caused by denervation lesions. This case report describes a patient that presented with clinical, laboratory, electromyoneurography, and magnetic resonance imaging features of focal myositis complicated with intervertebral disk protrusion in the lumbosacral spine affected with radicular distress. In most cases, focal myositic lesions show spontaneous regression, relapses are rare, and long-term prognosis is good. There is a wide spectrum of therapeutic options, from no therapy at all through nonsteroidal antirheumatics and glucocorticoids to radiotherapy, surgical excision, and immunosuppressants. In the patient presented, treatment with glucocorticoids, methotrexate, and surgical excision failed to produce satisfactory results. Clinical improvement, pain relief, and reduction in lower leg volume were only achieved by local infiltration of botulinum A toxin.

BP-PB