link1752 link1753 link1754 link1755 link1756 link1757 link1758 link1759 link1760 link1761 link1762 link1763 link1764 link1765 link1766 link1767 link1768 link1769 link1770 link1771 link1772 link1773 link1774 link1775 link1776 link1777 link1778 link1779 link1780 link1781 link1782 link1783 link1784 link1785 link1786 link1787 link1788 link1789 link1790 link1791 link1792 link1793 link1794 link1795 link1796 link1797 link1798 link1799 link1800 link1801 link1802 link1803 link1804 link1805 link1806 link1807 link1808 link1809 link1810 link1811 link1812 link1813 link1814 link1815 link1816 link1817 link1818 link1819 link1820 link1821 link1822 link1823 link1824 link1825 link1826 link1827 link1828 link1829 link1830 link1831 link1832 link1833 link1834 link1835 link1836 link1837 link1838 link1839 link1840 link1841 link1842 link1843 link1844 link1845 link1846 link1847 link1848 link1849 link1850 link1851 link1852 link1853 link1854 link1855 link1856 link1857 link1858 link1859 link1860 link1861 link1862 link1863 link1864 link1865 link1866 link1867 link1868 link1869 link1870 link1871 link1872 link1873 link1874 link1875 link1876 link1877 link1878 link1879 link1880 link1881 link1882 link1883 link1884 link1885 link1886 link1887 link1888 link1889 link1890 link1891 link1892 link1893 link1894 link1895 link1896
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Il follow-up per lo screening dei tumori della pelle si dimostra non sempre necessario

Skin exam lens

Secondo alcuni ricercatori, i pazienti con carcinoma dei cheratinociti (KC) rimasti privi di tumori nei successivi due anni, sono a basso rischio di sviluppare nuovi carcinomi dei cheratinociti e non necessitano quindi dei controlli follow-up di routine.

I tumori dei cheratinociti, le più comuni neoplasie maligne, comprendono il carcinoma a cellule basali e a cellule squamose della pelle, come osservato dal Dr. Mary-Margaret Chren dell'Università della California e dai suoi colleghi in JAMA Dermatology. "I pazienti con carcinoma basocellulare o carcinoma a cellule squamose sono a più alto rischio per lo sviluppo di nuovi tumori cutanei, ma molti dettagli su questo tipo di rischio sono ancora ignoti", ha dichiarato in proposito il Dr. Chren "ad esempio non sono chiari collegamenti rispetto al numero di tumori che si svilupperà, all'arco di tempo nel quale si svilupperanno così come i fattori che rendono certi pazienti più a rischio di altri".

Il Dr. Chren ha continuato dicendo "In questo momento c'è grande disaccordo sul valore dello screening nella terapia del tumore cutaneo e se la task-force preventiva statunitense ha concluso che lo screening non è sempre indicato, il National Comprehensive Cancer Network raccomanda invece che tutti i pazienti con questo genere di patologia si sottopongano a screening regolari ogni 12 mesi". Il team del Dr. Chren ha esaminato i dati relativi a 1284 pazienti che sono stati seguiti per una media di 5,7 anni, nessuno di questi presentava sindrome da nevo basocellulare o immunocompromissione.

Un anno dopo la prima diagnosi di carcinoma dei cheratinociti, il rischio dei pazienti di sviluppare un successivo carcinoma dei cheratinociti era sostanzialmente inferiore (14,5%) rispetto ai pazienti con una precedente storia di carcinoma dei cheratinociti (43,9%). Le proporzioni corrispondenti rivelate a tre anni sono del 31,1% e 71,1%, mentre a cinque anni le percentuali rilevate sono del 40,7% e del 80,2% rispettivamente. Riassumendo, il Dr. Chren ha dichiarato: "Abbiamo scoperto che le persone che si presentano con il loro primo carcinoma basocellulare o carcinoma cutaneo a cellule squamose sono meno a rischio di sviluppare altri tumori rispetto ai pazienti con una storia di carcinoma multiplo. A dieci anni, circa il 40% dei pazienti con un solo tumore non ne aveva sviluppato un secondo, contro il 9% dei pazienti che presentavano più di un tumore".

"Le implicazioni per i pazienti e per la terapia", ha concluso "sono che le persone che presentano il primo tumore di questo genere non sono da ritenersi condannate ad averne di successivi, e possono inoltre beneficiare di consulenze mirate preventive circa la sicurezza dell'esposizione al sole, mentre i pazienti con una storia di carcinoma cutaneo multiplo possono beneficiare di screening più intensi e più frequenti per individuare eventuali nuovi tumori."

 

Riferimenti:

JAMA Dermatology 2015.