link146 link147 link148 link149 link150 link151 link152 link153 link154 link155 link156 link157 link158 link159 link160 link161 link162 link163 link164 link165 link166 link167 link168 link169 link170 link171 link172 link173 link174 link175 link176 link177 link178 link179 link180 link181 link182 link183 link184 link185 link186 link187 link188 link189 link190 link191 link192 link193 link194 link195 link196 link197 link198 link199 link200 link201 link202 link203 link204 link205 link206 link207 link208 link209 link210 link211 link212 link213 link214 link215 link216 link217 link218 link219 link220 link221 link222 link223 link224 link225 link226 link227 link228 link229 link230 link231 link232 link233 link234 link235 link236 link237 link238 link239 link240 link241 link242 link243 link244 link245 link246 link247 link248 link249 link250 link251 link252 link253 link254 link255 link256 link257 link258 link259 link260 link261 link262 link263 link264 link265 link266 link267 link268 link269 link270 link271 link272 link273 link274 link275 link276 link277 link278 link279 link280 link281 link282 link283 link284 link285 link286 link287 link288 link289 link290 link291
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Poche complicanze rilevate nelle procedure con botulino o filler e nei trattamenti laser

botulinum-toxinIn uno studio approfondito sulle procedure cosmetiche non-invasive o minimamente invasive, gli effetti indesiderati e le complicanze si sono rivelate rare e per lo più temporanee.

 

"Fra gli interventi cosmetici non-invasivi o minimamente invasivi, i più comuni sono i trattamenti con neurotossina botulinica per attenuare le rughe di espressione intorno alla bocca o sulla fronte, gli interventi con filler per volumizzare aree del volto cadenti e i trattamenti laser o IPL per la rimozione della peluria" ha detto il Dr. Murad Alam, autore dello studio e parte del dipartimento di Dermatologia della Feinberg School of Medicine di Chicago.

Insieme ai suoi colleghi, il Dr. Alam ha raccolto dati sui trattamenti estetici più comuni effettuati da 23 dermatologi selezionati fra coloro che amministrano trattamenti con laser/IPL e terapie a base di neurotossine e filler, disseminati in otto diverse cliniche dermatologiche. Gli autori dello studio hanno raccolto dati per un periodo di tre mesi in ciascuna clinica, per un totale di oltre 20.000 interventi diversi.

Il personale impiegato nelle cliniche selezionate è stato istruito sui dati da raccogliere ed è stato invitato ad annotare non solo i dettagli riguardanti i singoli trattamenti ma anche le eventuali complicazioni riscontrate o sospettate. I ricercatori hanno inoltre contattato i pazienti circa una settimana dopo il trattamento, per raccogliere ulteriori dati sui possibili effetti collaterali delle procedure; i pazienti sono anche stati invitati a mettersi in contatto con la clinica
dermatologica per comunicare eventuali problematiche relative ai trattamenti.

Alla fine dello studio sono stati registrati 48 casi con complicazioni e 36 trattamenti hanno portato ad almeno una complicazione. Nessuna delle complicazioni ha posto un rischio per la vita del paziente né ha richiesto l'ospedalizzazione dello stesso. Per i trattamenti con laser, ci sono stati 13 casi di complicazioni segnalate, fra le quali compaiono anche arrossamento e pigmentazione della pelle. Per gli interventi con filler o neurotossine, sono stati segnalati 25 casi con complicazioni, per lo più descritte come grumi, noduli e arrossamento della pelle (più comune dopo trattamenti con filler viscosi come Juvederm Ultra Plus o Radiesse).

"Questi effetti indesiderati in genere rispondono velocemente alle terapie o spariscono spontaneamente", scrivono gli autori dello studio. In totale, meno dello 0,25% delle procedure ha dato origine a complicazioni. "Si possono sempre presentare degli effetti collaterali, ma il punto chiave in questi casi è minimizzare i rischi e affidarsi ad un medico esperto che possa aiutare il paziente a risolvere eventuali problematiche che possono verificarsi a seguito del trattamento", ha dichiarato il Dr. Alam. "Detto questo, i trattamenti di cui si occupa lo studio in esame sono molto sicuri se effettuati con perizia da medici qualificati."

Riferimenti:

JAMA Dermatology 2014.