link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

I FANS proteggono dai tumori della pelle?

NSAIDs

Secondo uno studio pubblicato a Dicembre nel Journal of Investigative Dermatology i farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) potrebbero offrire un'inaspettata protezione nei confronti dei più comuni tumori cutanei.

 

L'impiego dei FANS è stato associato ad una diminuzione del rischio di tumori al colon, al polmone, alla mammella e alla prostata, ma gli studi sulla capacità di questi farmaci di prevenire i tumori della pelle sono stati finora inconcludenti. Il Dr. Chiho Muranushi, della School of Population Health dell'Università del Queensland, e colleghi hanno condotto una meta-analisi degli studi pubblicati che si sono occupati di investigare il ruolo di farmaci quali l'aspirina ed i FANS diversi dall'aspirina nella prevenzione del carcinoma cutaneo spinocellulare.

Il carcinoma cutaneo spinocellulare è una tipologia diffusa di tumore della pelle alla quale sono particolarmente suscettibili gli individui dalla pelle chiara o molto chiara. I FANS (inclusi aspirina, ibuprofene e naproxene) inibiscono la cicloossigenasi-2 (COX2), che catalizza la biosintesi della prostaglandina E2, un mediatore infiammatorio. Nei casi di carcinoma cutaneo spinocellulare, la risposta all'esposizione prolungata e continuata ai raggi ultravioletti è una sovrapproduzione di COX2.

I ricercatori hanno preso in esame nove diversi studi: cinque studi caso-controllo, tre studi di coorte e uno studio controllato randomizzato. Gli studi contenevano dati relativi all'uso di salicilati, non salicilati e FANS in genere.

Le meta-analisi indicano una notevole riduzione del rischio per il carcinoma cutaneo spinocellulare negli individui che hanno assunto FANS diversi dall'aspirina (odds ratio 0,85; 95% intervallo di confidenza 0,78-0,94) e in generale in coloro che hanno assunto FANS di qualsiasi tipo (odds ratio 0,82; 95% intervallo di confidenza 0,71-0,94) rispetto ai soggetti non trattati con FANS. L'associazione è stata particolarmente marcata negli individui con una storia clinica di cheratosi attinica o tumore dei cheratinociti.

I soggetti che hanno assunto aspirina mostrano un rischio ridotto (odds ratio 0,88; 95% intervallo di confidenza 0,75-1,03) di sviluppare carcinomi cutanei spinocellulari ma la rilevanza statistica dei dati relativi è minima. Solo lo studio controllato randomizzato ha rivelato una relazione dose-risposta per l'aspirina.

I ricercatori hanno concluso che l'impiego di FANS diversi dall'aspirina riduce significativamente il rischio di sviluppare il carcinoma cutaneo spinocellulare del 15% e che l'uso di FANS in generale riduce il rischio del 18%. Gli autori hanno inoltre messo in evidenza che il FANS diclofenac per uso topico è già stato approvato per il trattamento delle cheratosi attiniche e che i risultati della meta-analisi evidenziano come "l'aspirina e i FANS non salicilati potrebbero essere utilizzati come agenti chemiopreventivi del carcinoma cutaneo."

I limiti evidenziati dalla meta-analisi includono il fatto che solo sei degli studi esaminati sono stati considerati di alta qualità e il fatto che gli studi scelti utilizzassero unità di dosaggio diverse.

 

Riferimenti:

Journal of Investigative Dermatology, December 18, 2014.