link292 link293 link294 link295 link296 link297 link298 link299 link300 link301 link302 link303 link304 link305 link306 link307 link308 link309 link310 link311 link312 link313 link314 link315 link316 link317 link318 link319 link320 link321 link322 link323 link324 link325 link326 link327 link328 link329 link330 link331 link332 link333 link334 link335 link336 link337 link338 link339 link340 link341 link342 link343 link344 link345 link346 link347 link348 link349 link350 link351 link352 link353 link354 link355 link356 link357 link358 link359 link360 link361 link362 link363 link364 link365 link366 link367 link368 link369 link370 link371 link372 link373 link374 link375 link376 link377 link378 link379 link380 link381 link382 link383 link384 link385 link386 link387 link388 link389 link390 link391 link392 link393 link394 link395 link396 link397 link398 link399 link400 link401 link402 link403 link404 link405 link406 link407 link408 link409 link410 link411 link412 link413 link414 link415 link416 link417 link418 link419 link420 link421 link422 link423 link424 link425 link426 link427 link428 link429 link430 link431 link432 link433 link434 link435 link436 link437
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Le diverse caratteristiche dei nevi melanocitici nelle pelli scure

black skin nevi

Un gruppo di ricercatori brasiliani ha recentemente pubblicato uno studio sulle differenti caratteristiche dermatoscopiche dei nevi melanocitici nelle pelli chiare e scure.

La dermoscopia permette di diagnosticare le lesioni cutanee in maniera non invasiva, soprattutto nei casi di nevi melanocitici, ma il suo impiego negli individui dalla pelle scura è ancora relativamente poco studiato.

Il Dr. Bruna Tuma e colleghi, dell'Università di San Paolo in Brasile, hanno studiato i pattern dermatoscopici dei nevi melanocitici in uno studio trasversale che ha coinvolto 394 individui dalla pelle scura (tipo V-VI) e 86 individui dalla pelle chiara (tipo I-III).

Gli individui appartenenti ai tipi V e VI presentavano un più alto numero di nevi facciali e acrali, mentre gli individui appartenenti ai tipi I-III presentavano un numero più alto di lesioni melanocitiche nelle zone del torace e, in generale, un maggior numero di nevi.

Secondo quanto riportato dai ricercatori nell'articolo pubblicato a maggio nella versione online del Journal of the American Academy of Dermatology, negli individui di pelle scura, i pattern dermatoscopici sono per lo più di tipo reticolare (66,2%), mentre negli individui dalla pelle chiara, il pattern reticolare è assai meno comune (41,7%).

La pigmentazione è stata osservata essere uniforme nel 64,4% delle lesioni presenti negli individui classificati come tipo V-VI e nel 77,4% delle lesioni presenti negli individui di tipo I-II. Il secondo pattern più frequente nel gruppo degli individui di pelle scura è stato rilevato essere l'iperpigmentazione centrale, mentre nel gruppo di soggetti dalla pelle chiara i pattern secondari più comuni sono stati quelli di iper- e ipopigmentazione multifocale.

Sebbene in entrambi i gruppi le lesioni siano state osservate essere per lo più marrone chiaro o scuro, gli individui con pelle di tipo V-VI presentavano più comunemente lesioni nere o grigio-blu, rispetto ai soggetti di tipo I-III.

"L'alta incidenza di nevi acrali e melanomi negli individui di pelle scura, indica che dovrebbero venir condotti nuovi studi circa la pigmentazione delle lesioni in questa area anatomica e sottolinea come sia necessario esaminare con particolare attenzione queste regioni anatomiche in questo segmento della popolazione", hanno scritto i ricercatori.

"Inoltre, i dati relativi ai pattern dermatoscopici dei nevi melanocitici acquisiti nei soggetti con pelle di tipo V e VI permetteranno di identificare con un maggior grado di precisione le lesioni pigmentate sospette, aumentando così la precisione diagnostica per il melanoma in questa parte della popolazione".

Il Dr. Ashfaq A. Marghoob del Memorial Sloan Kettering Skin Cancer Center di New York, che non ha partecipato allo studio, ha detto che i pattern dei nevi sono influenzati da molti fattori, fra i quali: il tipo di pelle, l'età, la posizione e lo stato di gravidanza. Ha poi dichiarato: "questo studio non fa che aggiungere prove a sostegno della tesi secondo la quale i pattern dei nevi sono legati al tipo di pelle".

 

Riferimenti:

Journal of the American Academy of Dermatology, 8 June 2015. doi: 10.1016/j.jaad.2015.03.043