link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Tossina botulinica utile nei casi di leiomioma cutaneo

0807 tossina botulinica iniezione

Secondo uno studio condotto da ricercatori del Maryland, la tossina botulinica A sarebbe in grado di migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da leiomioma cutaneo.

Il Dr. Edward W. Cowen ha dichiarato: "In questo piccolo studio pilota, forniamo la prova preliminare della capacità della tossina botulinica di migliorare la qualità della vita dei pazienti con leiomioma cutaneo doloroso, grazie alle sue qualità analgesiche. Per quanto ne sappiamo, il nostro è il primo studio clinico che dimostra l'efficacia della tossina botulinica nella gestione della sintomatologia dolorosa collegata al leiomioma cutaneo".

Il Dr. Cowen ha proseguito dicendo: "Il leiomioma cutaneo è un tumore benigno localizzato nella muscolatura liscia, il dolore associato al leiomioma cutaneo non risponde bene al trattamento con rimedi topici o antidolorifici sistemici. La leiomiomatosi familiare è una sindrome rara, in cui i pazienti possono avere decine o anche centinaia di questi tumori dolorosi. Abbiamo cercato di determinare se la tossina botulinica iniettata direttamente nel leiomioma possa lenire il disagio causato dal dolore e di conseguenza migliorare la qualità della vita nei pazienti che soffrono di dolore significativo derivante da leiomiomi cutanei".

Nello studio, pubblicato il 5 agosto nella versione online di JAMA Dermatology, il Dr. Cowen, del National Cancer Institutedi Bethesda, e colleghi riferiscono i risultati dello studio che ha coinvolto 18 pazienti assegnati randomicamente al trattamento con iniezioni intralesionali di tossina botulinica A o al gruppo placebo. L'esito primario era la misurazione della differenza nel dolore medio lesionale, valutata tramite l'indice Brief Pain Inventory e la scala analogica visiva, prima e dopo la stimolazione con ghiaccio, per un periodo di quattro settimane.

I ricercatori non hanno rilevato alcuna differenza significativa nel dolore medio lesionale tra i due gruppi. Tuttavia, il Dr. Cowen ha spiegato: "Abbiamo trovato che l'iniezione con tossina botulinica è associata ad un miglioramento della qualità della vita (p = 0.007) e ad una diminuzione del dolore cutaneo (p = 0,048) rispetto al Dermatology Life Quality Index. Nel gruppo trattato con la tossina botulinica è emersa una tendenza alla diminuzione del dolore (p = 0,06) in base al punteggio della scala analogica visiva rispetto al gruppo placebo".

Dr. Cowen ha concluso dicendo che i meccanismi alla base dell'esito benefico del trattamento con tossina botulinica di questo e di altri disturbi dolorosi rimane poco chiaro. Ha inoltre aggiunto: "L'iniezione con tossina botulinica nei leiomiomi cutanei è associato a disagio e, di conseguenza, altre vie di somministrazione, come la formulazione topica di tossina botulinica, dovrebbero essere considerate al fine di evitare il disagio provocato dall'iniezione iniezione intralesionale".

Commentando i risultati dello studio, il Dr. Steven M. Daines, del Centro di Chirurgia Plastica di Newport Beach in California, ha dichiarato: "I leiomiomi cutanei sono tumori rari che causano dolore e disabilità significative. Le iniezioni intralesionali di tossina botulinica sembrano essere un'opzione terapeutica che offre un miglioramento incrementale della sintomatologia dolorosa e della qualità della vita, senza rischi significativo per il paziente".

Il National Cancer Institute ha finanziato lo studio e Allergan ha fornito il trattamento. Gli autori non hanno riferito di alcuna relazione commerciale o finanaziaria significativa.

 

Riferimenti:

JAMA Dermatology, 5 agosto 2015; doi:10.1001/jamadermatol.2015.1793