link730 link731 link732 link733 link734 link735 link736 link737 link738 link739 link740 link741 link742 link743 link744 link745 link746 link747 link748 link749 link750 link751 link752 link753 link754 link755 link756 link757 link758 link759 link760 link761 link762 link763 link764 link765 link766 link767 link768 link769 link770 link771 link772 link773 link774 link775 link776 link777 link778 link779 link780 link781 link782 link783 link784 link785 link786 link787 link788 link789 link790 link791 link792 link793 link794 link795 link796 link797 link798 link799 link800 link801 link802 link803 link804 link805 link806 link807 link808 link809 link810 link811 link812 link813 link814 link815 link816 link817 link818 link819 link820 link821 link822 link823 link824 link825 link826 link827 link828 link829 link830 link831 link832 link833 link834 link835 link836 link837 link838 link839 link840 link841 link842 link843 link844 link845 link846 link847 link848 link849 link850 link851 link852 link853 link854 link855 link856 link857 link858 link859 link860 link861 link862 link863 link864 link865 link866 link867 link868 link869 link870 link871 link872 link873 link874 link875
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Iniezioni di tossina botulinica: meno dolore con aghi più piccoli

syringe needle size

Secondo i risultati di uno studio randomizzato, le iniezioni di tossina botulinica effettuate tramite aghi da 32 gauge (0,26 mm) sono leggermente meno dolorose di quelle fatte con aghi da 30 gauge (0,30 mm).

Per le iniezioni facciali di neurotossine, filler e anestesie locali i dermatologi usano comunemente aghi da 30 gauge che, nonostante le dimensioni molto piccole, causano tuttavia dolore al paziente.

In uno studio randomizzato condotto sulle due metà del viso di 20 pazienti, il Dr. Murad Alam, della Feinberg School of Medicine di Chicago, e colleghi hanno confrontato il fastidio associato alle iniezioni superficiali con tossina botulinica A effettuate con aghi da 30 e da 32 gauge. I ricercatori hanno anche confrontato il disagio provocato da iniezioni di soluzione salina nella porzione superiore del braccio, effettuate tramite i due diversi calibri di ago.

I punteggi medi relativi al dolore associato alle iniezioni sul volto sono stati più bassi con l'ago da 32 gauge (3,4/10) rispetto all'ago da 30 gauge (4,16/10). Per quanto riguarda il dolore relativo alle iniezioni sul braccio i punteggi medi sono stati più bassi : 1,21 per l'ago da 32 gauge e 1,66 per l'ago da 30 gauge.

Secondo lo studio pubblicato il 9 settembre nell'edizione online di Jama Dermatology, il presentarsi di un livello di dolore clinicamente significativo è stato 3,8 volte più probabile con iniezioni facciali somministrate tramite aghi da 30 gauge che con aghi da 32 gauge (p=0.04), mentre non è stata rilevata alcuna differenza significativa nei livelli di dolore associati alle iniezioni nel braccio.

Lo studio non ha evidenziato differenze nelle caratteristiche associate al dolore relative all'uso dei due tipi di ago.

"Questo studio è importante perché indica che per un sottoinsieme di pazienti, inclini a soffrire di dolore clinicamente significativo durante le iniezioni al volto con tossina botulinica A, il dolore può essere ridotto semplicemente usando aghi di calibro minore", hanno commentato i ricercatori.

"Per minimizzare i costi, l'uso di aghi da 32 gauge potrebbe essere ristretto ai soli pazienti che in sessioni precedenti hanno riportato dolore durante il trattamento", hanno proseguito.

Il Dr. M. Laurin Council, della Washington University School of Medicine di St. Louis, ha commentato: "Piccoli accorgimenti come questo possono rendere le procedure significativamente meno sgradevoli per i pazienti e i pazienti non mancano di apprezzare ogni sforzo fatto dal medico per assicurare loro il massimo comfort possibile durante le procedure mediche e cosmetiche".

Il Dr. Council ha proseguito dicendo: "se un paziente ha alle spalle una storia clinica di sensibilità alle iniezioni, emersa durante una precedente sessione, il semplice passaggio ad un ago da 32 gauge può risultare in una significativa diminuzione del dolore". Ha poi aggiunto: "La viscosità è un problema quando si usano aghi più piccoli. Soprattutto nel caso dei tessuti molli, è necessario che sia fisicamente possibile iniettare il prodotto nell'ago e se la dimensione delle particelle di gel è più grande del diametro dell'ago, questo metodo non funzionerà".

Il Dr. Billur Sezgin, chirurgo estetico presso la Koc University School of Medicine di Erzurum in Turkey, ha dichiarato in un'intervista che i risultati dello studio "sono molto simili ai risultati di uno studio clinico randomizzato da me condotto, che ha dimostrato come aghi da 33 gauge siano associati a minori livelli di dolore durante le procedure di iniezione al volto, rispetto agli aghi da 30 gauge. Penso che i risultati di entrambi gli studi dimostrino l'importanza di usare aghi più piccoli al fine di assicurare ai pazienti il massimo comfort possibile durante questo tipo di procedure non invasive".

"Sebbene usare l'ago più piccolo possibile durante questo tipo di trattamenti sia sempre la scelta migliore, anche la profondità dell'iniezione deve essere un fattore determinante nel processo di selezione dell'ago poiché aghi più piccoli tendono a piegarsi quando vengono spinti in profondità nei tessuti", ha detto il Dr. Sezgin.

 

Riferimenti:

JAMA Dermatology online 9 settembre 2015; doi:10.1001/jamadermatol.2015.2232