link1314 link1315 link1316 link1317 link1318 link1319 link1320 link1321 link1322 link1323 link1324 link1325 link1326 link1327 link1328 link1329 link1330 link1331 link1332 link1333 link1334 link1335 link1336 link1337 link1338 link1339 link1340 link1341 link1342 link1343 link1344 link1345 link1346 link1347 link1348 link1349 link1350 link1351 link1352 link1353 link1354 link1355 link1356 link1357 link1358 link1359 link1360 link1361 link1362 link1363 link1364 link1365 link1366 link1367 link1368 link1369 link1370 link1371 link1372 link1373 link1374 link1375 link1376 link1377 link1378 link1379 link1380 link1381 link1382 link1383 link1384 link1385 link1386 link1387 link1388 link1389 link1390 link1391 link1392 link1393 link1394 link1395 link1396 link1397 link1398 link1399 link1400 link1401 link1402 link1403 link1404 link1405 link1406 link1407 link1408 link1409 link1410 link1411 link1412 link1413 link1414 link1415 link1416 link1417 link1418 link1419 link1420 link1421 link1422 link1423 link1424 link1425 link1426 link1427 link1428 link1429 link1430 link1431 link1432 link1433 link1434 link1435 link1436 link1437 link1438 link1439 link1440 link1441 link1442 link1443 link1444 link1445 link1446 link1447 link1448 link1449 link1450 link1451 link1452 link1453 link1454 link1455 link1456 link1457 link1458 link1459
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Dermatologi canadesi propongono nuove linee guida per l'acne

acne

Un gruppo di ricercatori canadesi ha pubblicato delle nuove linee guida, basate su prove, per il trattamento dell'acne, un problema che colpisce fino al 85% degli adolescenti e dei giovani adulti.

"A differenza delle precedenti linee guida diffuse in Canada (e risalenti al 2000), il nuovo documento si basa sui dati provenienti da analisi sistematiche dei trattamenti per l'acne ad oggi disponibili", ha spiegato il Dr. Jerry Tan della Western University di Windsor, nell'Ontario.

"Rispetto al documento redatto nel 2000, il ruolo della terapia topica è descritto in maniera assai più dettagliata". Il Dr. Tan ha sottolineato come le linee guida aggiornate non differiscano in maniera sostanziale rispetto a quelle europee S3.

Nell'articolo, pubblicato il 16 novembre nell'edizione online del CMAJ, il Dr. Tan e colleghi spiegano che "l'acne deve essere trattata tempestivamente ed efficacemente per mitigarne l'impatto negativo sul piano psicologico, tanto quanto per ridurre il pericolo di alterazioni della pigmentazione e della comparsa di cicatrici".

Nella scelta del trattamento più appropriato, quale che sia il grado di severità, la terapia di prima linea dovrebbe sempre essere scelta sulla base dei seguenti fattori:

- terapie provate in precedenza
- tipo di pelle del paziente
- facilità di impiego (localizzazione dell'acne, frequenza di applicaizone)
- costo

Per l'acne comedonica le linee guida raccomandano perossido di benzoile topico (BP), retinoidi o una combinazione di BP e retinoidi topici o retinoidi topici più clindamicina. Se la monoterapia non è efficace, secondo le linee guida il passo successivo è prendere in considerazione la terapia combinata clindamicina-tretinoina a dosaggio fisso e, per le donne, contraccettivi orali combinati.

Per l'acne localizzata da lieve a moderata, le linee guida raccomandano BP, retinoidi topici e terapie combinate a dosaggio fisso. Se l'acne è più estesa, i ricercatori consigliano di aggiungere al trattamento topico antibiotici per via orale o contraccettivi orali combinati, per le donne.

Per i casi di acne più gravi, i ricercatori canadesi raccomandano l'uso di isotretinoina orale, sottolineando tuttavia che il trattamento dovrebbe essere prescritto solo da medici esperti nell'uso di questo farmaco e accompagnato da uno stretto monitoraggio. Le linee guida pongono anche l'accento sulla prevenzione di eventuali gravidanze.

"Queste linee guida si basano sulla combinazione tanto di dati scientifici quanto delle osservazioni provenienti dall'esperienza clinica del gruppo di esperti consultati", ha detto il dottor Tan.

"Abbiamo identificato lacune nei dati provenienti dagli studi clinici, tra cui l'incertezza sulla durata dell'uso di antibiotici per via orale per ridurre al minimo lo sviluppo di batteri resistenti agli antimicrobici e la mancanza di migliori prove a sostegno dei trattamenti utilizzati più spesso, tra cui la terapia combinata eritromicina/tretinoina a dosaggio fisso, spironolattone e isotretinoina", ha concluso il Dr Tan.

Riferimenti:

CMAJ, edizione online 16 novembre 2015; doi: 10.1503/cmaj.140665