link1752 link1753 link1754 link1755 link1756 link1757 link1758 link1759 link1760 link1761 link1762 link1763 link1764 link1765 link1766 link1767 link1768 link1769 link1770 link1771 link1772 link1773 link1774 link1775 link1776 link1777 link1778 link1779 link1780 link1781 link1782 link1783 link1784 link1785 link1786 link1787 link1788 link1789 link1790 link1791 link1792 link1793 link1794 link1795 link1796 link1797 link1798 link1799 link1800 link1801 link1802 link1803 link1804 link1805 link1806 link1807 link1808 link1809 link1810 link1811 link1812 link1813 link1814 link1815 link1816 link1817 link1818 link1819 link1820 link1821 link1822 link1823 link1824 link1825 link1826 link1827 link1828 link1829 link1830 link1831 link1832 link1833 link1834 link1835 link1836 link1837 link1838 link1839 link1840 link1841 link1842 link1843 link1844 link1845 link1846 link1847 link1848 link1849 link1850 link1851 link1852 link1853 link1854 link1855 link1856 link1857 link1858 link1859 link1860 link1861 link1862 link1863 link1864 link1865 link1866 link1867 link1868 link1869 link1870 link1871 link1872 link1873 link1874 link1875 link1876 link1877 link1878 link1879 link1880 link1881 link1882 link1883 link1884 link1885 link1886 link1887 link1888 link1889 link1890 link1891 link1892 link1893 link1894 link1895 link1896
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Acne: l'uso degli antibiotici supera regolarmente la durata consigliata

acne young man

Secondo uno studio retrospettivo pubblicato online il 30 ottobre nel Journal of American Academy of Dermatology, i pazienti con acne grave tendono a ricevere un trattamento con antibiotici per un periodo molto più lungo di quello raccomandato dalle linee guida, prima di riuscire a ricevere isotretinoina.

"Numerosi gruppi di esperti e comitati globali hanno ripetutamente formulato raccomandazioni circa la necessità di limitare l'uso di antibiotici sistemici," scrivono la Dr.ssa Arielle R. Nagler, della New York University School of Medicine, e colleghi. "I corsi prolungati di antibiotici sistemici sono scoraggiati per diverse ragioni, tra cui aumento della resistenza del Propionibacterium acnes agli antibiotici".

Gli autori notano che numerosi centri internazionali per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno classificato la resistenza agli antibiotici come una delle cinque principali minacce per la salute globale. Il riconoscimento tempestivo dei pazienti che non rispondono agli antibiotici sistemici e prescrizioni precoci di isotretinoina potrebbero aiutare a limitare l'uso degli antibiotici, fanno notare gli autori dello studio.

"I dermatologi svolgono un ruolo essenziale nella gestione degli antibiotici perché, anche se i dermatologi rappresentano solo circa l'1% dei medici negli Stati Uniti, le loro prescrizioni coprono il 4,9% delle prescrizioni di antibiotici ogni anno" scrivono la Dr.ssa Nagler e colleghi.

I ricercatori hanno esaminato retrospettivamente le cartelle cliniche di 5053 pazienti con acne, trattati presso una singola clinica dermatologica tra il gennaio 2005 e il dicembre 2014 Dopo aver escluso 4916 pazienti, poiché questi non soddisfacevano i criteri di inclusione o perché non erano disponibili dati sufficienti, i rimanenti 137 pazienti analizzati nello studio hanno ricevuto antibiotici per almeno 30 giorni e sono stati poi trattati con isotretinoina. Di questi, il 25,5% dei pazienti aveva acne infiammatoria e il 74,5% aveva acne nodulocistica. Il 73,0% dei pazienti presentava cicatrici.

L'antibiotico sistemico più comunemente prescritto era la minociclina, che costituiva il 72,5% delle prescrizioni, seguita da doxiciclina e azitromicina. Altre prescrizioni riguardavano tetraciclina, cefadroxil ed eritromicina.

I pazienti hanno assunto antibiotici per una media di 331,3 giorni complessivi, con una variabilità compresa fra 37 e 1.501 giorni (media: 238 giorni). Solo al 15,3% dei pazienti sono stati prescritti antibiotici per 3 mesi o meno, mentre il 64,2% li ha presi per almeno 6 mesi e il 33,6% li ha assunti per almeno un anno.

Molti gruppi di esperti di tutto il mondo hanno raccomandato che l'uso di antibiotici in caso di acne sia limitato nel tempo. "Tre mesi è il punto di cut-off più comunemente usato per limitare la durata degli antibiotici in caso di acne," scrivono gli autori. "La durata del trattamento richiesto prima che emerga una resistenza varia notevolmente da paziente a paziente, ma più lunga è la durata del trattamento, tanto più probabile è che emerga una resistenza agli antibiotici. Corsi di sei mesi o più hanno un'alta probabilità di causare resistenza".

I pazienti che hanno ricevuto terapia antibiotica solo dalla clinica esaminata hanno preso antibiotici sistemici per una durata media di 283,1 giorni, mentre durata media era di 380,2 giorni per coloro che avevano ricevuto prescrizioni di antibiotici anche altrove (p = 0,054). "Quando incontrano pazienti che sono stati trattati in precedenza per l'acne, i dermatologi devono essere consapevoli del rischio che questi siano stati tratti per periodi prolungati con antibiotici e dovrebbero cercare di ottenere una storia completa dei trattamenti antibiotici somministrati al paziente, e considerare, qualora sia il caso, un tempestivo avvio della terapia con isotretinoina", scrivono gli autori.

Tra la prima annotazione sulla cartella clinica del paziente e l'inizio effettivo del trattamento con isotretinoina è intercorsa una media di 155,8 giorni ma gli autori sottolineano come "le esigenze iPledge rendono la prescrizione di isotretinoina piuttosto complessa" e "le controversie che circondano la possibile associazione tra isotretinoina e patologie infiammatorie intestinali o psichiatriche può rendere i pazienti e le loro famiglie più cauti circa il farmaco". Le cartelle esaminate hanno confermato che i genitori di numerosi pazienti erano preoccupati circa la possibile insorgenza di malattie infiammatorie intestinali, la depressione, ansia, o pensieri suicidi.

"Mi ha sorpreso scoprire che una così alta percentuale di pazienti assumeva antibiotici per via orale per un così lungo lasso di tempo", ha commentato la Dr.ssa Doris Day, dermatologa presso il Lenox Hill Hospital di New York. "Non credo agli antibiotici per via orale come approccio a lungo termine", ha proseguito la Dr.ssa Day, che non è stata coinvolta nella ricerca.

Ha poi spiegato che gli antibiotici orali dovrebbero essere assunti solo per 3-4 mesi per ottenere ad una guarigione in grado di essere mantenuta grazie ai soli trattamenti topici o per determinare se il paziente ha bisogno di topici diversi o di una terapia a base di isotretinoina. Bisogna considerare anche che le preferenze del paziente stesso possono svolgere un ruolo chiave nella durata di uso degli antibiotici.

"Per i medici, è facile prescrivere un antibiotico per mantenere il paziente felice", ha detto la Dr.ssa Day. "Un altro elemento da considerare è che spesso i pazienti vogliono una soluzione rapida e facile, e prendere una pillola è più facile che utilizzare una crema o una serie di creme che possono seccare o irritare la pelle e che richiedono tempo per dare dei risultati. Per quanto possibile, l'uso di antibiotici per via orale dovrebbe essere limitato a cicli relativamente brevi (circa 3 mesi) e per mantenere la situazione stabile dovrebbero essere prese in considerazione altre terapie."

Riferimenti:

JAMA Dermatology, edizione online 30 ottobre, doi: http://dx.doi.org/10.1016/j.jaad.2015.09.046