link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

L'utilità dello screening per i tumori cutanei

skin cancer screening

Secondo le linee guida dell'associazione americana per la medicina preventiva, non ci sono ancora prove sufficienti a sostegno dell'efficacia e della sicurezza degli screening corporei completi per i tumori cutanei.

Le dichiarazioni rilasciate dalla US Preventive Services Task Force (USPSTF) nel corso di un aggiornamento delle linee guida sullo screening per i tumori cutanei, riaccendono il dibattito in corso nella comunità medica sulle pratiche volte a individuare tempestivamente i tumori cutanei, riducendo al tempo stesso la quantità di esami e test necessari.

Uno dei membri della task force, il Dr. Mark Ebell della University of Georgia, ha dichiarato: "Dopo un'approfondita analisi dei benefici e dei lati negativi di questo tipo di pratiche preventive, la task force è giunta alla conclusione che non ci sono prove sufficiente per sostenere che esami cutanei completi condotti da medici specializzati siano in grado di ridurre le morti dovute al melanoma".

I tumori cutanei rappresentano la maggior parte dei tumori maligni identificati negli Stati Uniti, nel solo 2015 essi hanno colpito oltre 74.000 uomini e donne, inclusi i circa 9.940 pazienti morti a causa della malattia.

La maggior parte dei tumori cutanei non ha conseguenze letali, tuttavia il melanoma, una forma rara di tumore cutaneo che rappresenta meno del 2% dei casi, ha un tasso di mortalità molto alto.

Stando al parere degli esperti che compongono la task force, lo screening ha senso nei casi di pazienti adulti con una storia clinica di tumori cutanei o con sintomi di sospetto melanoma (ad esempio, un nevo che cambia dimensioni, forma o colore) ma per molti pazienti questo genere di screening può portare a biopsie non necessarie, con conseguenti cicatrici e danni che possono, nei casi peggiori, diminuire la sensibilità e l'ampiezza di movimento delle parti interessate.

La US Preventive Services Task Force, un'organizzazione indipendente finanziata dal governo per la valutazione delle prove scientifiche a supporto delle pratiche di medicina preventiva, ha aggiornato le proprie linee guida sugli screening per i tumori cutanei nel 2009 e allora, così come adesso, la task force ha trovato troppe poche prove a supporto degli screening di routine per tutta la popolazione adulta.

Uno degli studi che hanno influenzato la decisione della task force ha esaminato i dati relativi a oltre 360.000 pazienti adulti in Germania, dati raccolti nei due anni successivi ad una campagna di sensibilizzazione promossa dal governo.

I ricercatori hanno seguito i soggetti per 10 anni e hanno riscontrato una riduzione del 48% nel rischio di mortalità dovuta a melanoma nelle regioni coinvolte nella campagna di sensibilizzazione, rispetto alle regioni che non sono state oggetto della campagna; tuttavia la riduzione del rischio in termini assoluti è stata pari ad una morte per melanoma in meno per ogni 100.000 soggetti sottoposti a screening.

Lo studio ha anche messo in luce i potenziali danni legati alle pratiche di screening: circa il 4,4% degli adulti sottoposti a screening è stato indirizzato verso una biopsia per lesione sospetta, ma la maggioranza di queste biopsie non ha identificato alcun tumore. I casi di melanoma identificati sono stati pari a 1 per ogni 28 biopsie effettuate.

Il grande cambiamento rispetto alle linee guida redatte nel 2009 è stata l'eliminazione della raccomandazione a monitorare autonomamente nevi e lesioni cutanee. Sebbene questa raccomandazione potrebbe avere senso d'essere inclusa nelle raccomandazioni relative alla consulenza ai pazienti, essa non rientra negli scopi delle linee guida sullo screening.

Il Dr. Adam Friedman, portavoce della New York Academy of Medicine e ricercatore presso la George Washington University, ha dichiarato: "L'importante è che i pazienti non si facciano intimorire dalla prospettiva degli esami annuali, poiché le linee guida non sostengono che questa pratica fondamentale per la prevenzione dei tumori cutanei sia inutile".

"È anche possibile che l'attenzione della task force sia così focalizzata sul melanoma da non tener conto degli effetti devastanti di altri tumori della pelle, come il basalioma o il carcinoma a cellule squamose, che possono provocare gravi danni ai tessuti", ha commentato il Dr. Mark Lebwohl, presidente della American Academy of Dermatology.

"Tutti gli individui che notano lesioni insolite sulla loro pelle, comprese quelle che stanno cambiando e che causano prurito o sanguinamento, dovrebbero fissare un appuntamento con un dermatologo", ha aggiunto il Dr. Lebwohl, che ha concluso dicendo: "le persone con un più alto rischio di melanoma o con una storia clinica di tumori cutanei dovrebbero parlare con un dermatologo per determinare la frequenza con cui dovrebbero sottoporsi ad un esame completo della pelle".

Riferimenti:

US Preventive Services Task Force, Draft Recommendation Statement: Skin Cancer Screening. http://bit.ly/1NJYT3g